Star Wars film in uscita
- Pubblicità -

Deadline ha confermato la segnalazione di Above the Line secondo cui gli sceneggiatori Damon Lindelof e Justin Britt-Gibson hanno entrambi lasciato il loro film di Star Wars, che era ancora senza titolo. Il progetto, che sarà diretto da Sharmeen Obaid-Chinoy, sta però ancora andando avanti alla Lucasfilm.

Inoltre, nonostante l’uscita di Lindelof dal progetto, è stato riferito che il film sarà annunciato ufficialmente ad aprile durante la Star Wars Celebration di quest’anno. La trama del film rimane in gran parte misteriosa, ma le prime indicazioni suggeriscono che il progetto è incredibilmente importante per Lucasfilm per una grande ragione. Si dice che il film avrà luogo dopo Star Wars: L’ascesa di Skywalker e conterrà i personaggi della trilogia del sequel. Se fosse vero, questo segnerebbe la prima volta che i personaggi dei film più recenti torneranno nel franchise. Inoltre, sarebbe probabilmente il prossimo lungometraggio di Star Wars ad arrivare nei cinema.

La lista di progetti Stars Wars destinati al cinema ha dovuto affrontare significativi problemi negli ultimi tempi, problemi legati a uscite dai progetti “per ragioni creative”. Recentemente, è stato riferito che il misterioso progetto di Star Wars del presidente dei Marvel Studios Kevin Feige, scritto da Michael Waldron di Doctor Strange and the Multiverse of Madness, non stava più andando avanti. Inoltre, Patty Jenkins non avrebbe più diretto il film sul Rogue Squadron precedentemente annunciato, oltretutto il progetto è stato accantonato a tempo indeterminato. Le ragioni esatte delle loro cancellazioni premature rimangono poco chiare. Detto questo, sembra che lo studio sia determinato a far decollare il film di Obaid-Chinoy nonostante l’assenza di Lindelof e Britt-Gibson.

Sebbene la notizia arrivi inaspettata, non è del tutto sorprendente. Durante un’intervista con /Film, Damon Lindelof ha sottolineato la difficoltà di entrare nell’universo di Star Wars e ha accennato all’inutilità di realizzare il progetto:

“Dirò solo che per ragioni che non posso approfondire, il grado di difficoltà è estremamente, estremamente, estremamente alto. Se non può essere eccezionale, non dovrebbe esistere. Questo è tutto ciò che dirò, perché è il primo film che ho visto seduto in grembo a mio padre, a quattro anni, nel maggio del 1977. Penso che sia possibile che a volte quando tieni qualcosa in così grande rispetto e stima, cominci ad entrare in cucina e dici semplicemente: “Forse non dovrei cucinare. Forse dovrei solo mangiare”. “

- Pubblicità -