Jennifer Connelly spiega perché i fan adorano ancora Labyrinth

-

La nuova serie di Apple TV+ Dark Matter è incentrata su un uomo che scopre universi alternativi popolati da altre versioni di se stesso. In altre parole, si tratta di un tortuoso scacciapensieri fantascientifico. Ma non se siete la sua star, Jennifer Connelly, che ha visto la serie come una storia d’amore. “Era una specie di ode al matrimonio“, dice.

È raccontata attraverso questo dispositivo di realtà alternative, che è un’idea divertente, ma è davvero un’esplorazione di una coppia. E questo mi è piaciuto“.

Nella serie in nove parti, che debutta l’8 maggio, la Jennifer Connelly interpreta Daniela Dessen, un’artista un tempo promettente che ha scelto invece di mettere su famiglia con il marito Jason (Joel Edgerton). Quello che Daniela non sa è che il suo Jason è stato sostituito da un Jason di un’altra realtà che rimpiange di aver anteposto il lavoro all’amore anni prima. La Connelly interpreta anche versioni del suo personaggio in dimensioni parallele, dove i due hanno fatto scelte diverse e affrontato sfide particolari che li hanno portati su strade divergenti.

Blake Crouch ha adattato la serie dal suo stesso libro bestseller e funge da showrunner. Matt Tolman, sceneggiatore di “Dark Matter”, afferma che la ricerca di Daniela è iniziata e si è fermata alla Connelly. “A me e Blake è stata inviata una lista di grandi attori che avremmo potuto abbinare a Joel”, rivela. “Uno di questi era Jennifer, e la conversazione si è immediatamente conclusa lì. Lei era il nostro sogno“. Crouch racconta che il suo primo Zoom con Connelly è stato un momento magico. “Stai parlando e all’improvviso ti sembra di ascoltare questa persona che sta incarnando il personaggio con cui hai vissuto per 10 anni“, afferma. “È stato davvero uno di quei momenti che ti fanno drizzare i capelli sul collo“.

Jennifer Connelly aveva solo 11 anni quando ha debuttato come attrice in “C’era una volta in America” del 1984, ed è famosa da decenni. Eppure si meraviglia ancora di poter recitare per vivere. “Sono così consapevole dell’incredibile opportunità di fare quello che faccio ogni giorno“, dice. Anche se non va a rivedere i suoi film, viene spesso avvicinata da persone che ricordano le sue interpretazioni con profondo affetto. Basti pensare alla sua interpretazione vincitrice dell’Oscar in “A Beautiful Mind” o al suo ruolo da sballo in “Requiem for a Dream” di Darren Aronofsky. E poi c’è il classico di culto del 1986 “Labyrinth“, che ha un fandom appassionato; Jennifer Connelly appare nel prossimo documentario di Ron Howard per Apple TV+Jim Henson Idea Man” per parlare della sua esperienza nella realizzazione del film.

Cosa ha detto Jennifer Connelly su Labyrinth ?

Sebbene “Labyrinth” sia stato considerato una delusione finanziaria, Jennifer Connelly dice che era troppo giovane per rendersene conto. “Ricordo di aver sentito delle voci“, dice. “Ma l’affetto della gente è cresciuto negli anni. La gente mi parla di questo film in un modo che sembra fuori misura rispetto alla reazione avuta quando è stato pubblicato per la prima volta“.

Jennifer Connelly pensa di sapere perché “Labyrinth” esercita una tale presa culturale. “Jim era un genio. E non si fanno più film del genere“, dice. “Tutti quei pupazzi pratici e meravigliosi che lavorano insieme su quei set splendidamente realizzati. È diverso dal modo in cui si fanno molti film oggi; è una sensazione speciale“.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

Cesare Bocci Tornando a Est

Tornando a Est: intervista all’attore Cesare Bocci

Si sono da poco concluse le riprese di Tornando a Est, il sequel del fortunato Est – Dittatura Last Minute, il road-movie tratto da...
- Pubblicità -