La Zona d’interesse: per Steven Spielberg è “il miglior film sull’Olocausto dai tempi del mio”

La zona d'interesse

Durante lo speciale del THR dedicato al suo capolavoro sull’Olocausto, Schindler’s List, il regista Steven Spielberg oltre a svelare alcuni retroscena compreso l’aiuto ricevuto da suo amico e leggenda del cinema George Lucas ha avuto occasione di citare La Zona d’interesse (The Zone of Interest) svelando cosa pensa del film!

 

Dai tempi di Schindler’s List, c’è stata un’esplosione di film sull’Olocausto: tra questi, La vita è bella, Il pianista, Il figlio di Saul e l’attuale candidato all’Oscar come miglior film The Zone of Interest.

SPIELBERG The Zone of Interest è il miglior film sull’Olocausto a cui abbia assistito dai tempi del mio. Sta facendo un ottimo lavoro nel sensibilizzare l’opinione pubblica, soprattutto sulla banalità del male.

La Zona d’interesse, il film

La Zona d’interesse di Jonathan Glaze debutta oggi al cinema in Italia. Un uomo e sua moglie tentano di costruire una vita perfetta in un luogo apparentemente da sogno: giornate fatte di gite in barca, il lavoro d’ufficio di lui, i tè con le amiche di lei e le scampagnate in bici con i figli. Ma l’uomo in questione è Rudolf Höss, comandante di Auschwitz, e la curata villetta con giardino della famiglia si trova esattamente di fianco al muro del campo… Dal talento di Jonathan Glazer (Under The Skin), un’opera imprescindibile sulla perdita dell’umanità e sulla banalità del male, Grand Prix a Cannes 2023.

- Pubblicità -