Black Panther

Il regista di Black Panther Ryan Coogler (Fruitvale Station, Creed) ha rivelato durante il tour promozionale che lo script originale del film aveva previsto la partecipazione di Patriot, uno dei giovani Vendicatori dei fumetti Marvel. Come spiegato dallo stesso Coogler, il personaggio è stato successivamente rimosso per dare maggiore spazio a Wakanda:

 

Per un po’ ci siamo divertiti con il personaggio di Patriot perché eravamo interessati a metterci le mani…Poi insieeme a Robert Cole, lo sceneggiatore, abbiamo capito che dovevamo concentrarci su Wakanda e sugli altri personaggi M’Baku, Killmonger, T’Challa, Nakia, Okoye, Shuri, Ramonda, Klaue e Everett Ross. Insomma dovevamo assicurarci che tutti avessero degli archi narrativi coerenti, e Wakanda in questo era fondamentale.

Le parole di Coogler lasciano aperte una serie di possibilità sul futuro, a cui si mescolano i sogni e le aspettative dei fan: Kevin Feige sarà interessato ad introdurre Patriot nel MCU? Staremo a vedere. Nel frattempo vi ricordiamo che Black Panther arriverà nelle nostre sale il 16 febbraio.

Black Panther: ecco quante scene post credits ci saranno

Il film segue T’Challa che, dopo gli eventi di Captain America Civil War, torna a casa, nell’isolata e tcnologicamente ultra avanzata nazione africana, Wakanda, per prendere il suo posto in qualità di nuovo re. Tuttavia, un vecchio nemico ricompare sui radar e il doppio ruolo di T’Challa di sovrano e di Black Panther è messo alla prova, quando viene trascinato in un conflitto che mette l’intero fato di Wakanda e del mondo in pericolo.

Chadwick Boseman interpreta il protagonista, T’Challa, già visto in Captain America Civil War. Nei ruoli principali del film ci saranno, oltre a Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’O, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Angela Basset, Forest Whitaker e Andy Serkis. Nei ruoli di comprimari compariranno invece Letitia Wright, Winston Duke, Florence Kasumba, Sterling K. Brown e John Kani.

Black Panther: i fan DC vogliono sabotare il film su Rotten Tomatoes

Fonte: Cinemablend