gal gadot

È Gal Gadot in persona ad annunciare che l’uscita di Wonder Woman 1984 è stata posticipata fino al 2020. Warner Bros. e DC Films hanno messo a segno un ottimo colpo al box office nel 2017, con l’uscita primaverile di Wonder Woman. La stella di Gal Gadot è esplosa grazie al film, e con lei anche la reputazione, già buona, della regista Patty Jenkins ha ricevuto una notevole spinta nel panorama hollywoodiano.

 

L’annuncio del sequel è stato quindi scontato, mentre la produzione del film è attualmente in corso, visto che il film era previsto per la fine del 2019. Si tratta di uno slot forte per affluenza di pubblico, ma circondato, come c’è da aspettarsi, da tanti altri titoli, e quindi molta concorrenza. Così, anche grazie all’ottima performance al box office durante la stagione calda, la WB ha deciso di spostare il film.

Gal Gadot ha annunciato che Wonder Woman 1984 uscirà al cinema il 5 giugno del 2020, invece che il 1° novembre 2019. Con questo spostamento, il film DC evita la concorrenza al box office di Sonic, Terminator 6, e di Frozen 2, con una possibilità in più di arrivare a eguagliare quell’incasso di 820 milioni che ha sorpreso la stessa produzione.

LEGGI ANCHE: Wonder Woman 1984: Minerva diventa “violenta” sul set – foto

Con la produzione ancora in corso, questo ritardo garantirà a Patty Jenkins e alla sua squadra tanto tempo in più per lavorare al film, con più spazio per riprese aggiuntive e post-produzione. Per quanto riguarda le prossime uscite DC al cinema, sono in programma Shazam!, già girato, e Birds of Prey con Margot Robbie e Joker con Joaquin Phoenix.

Wonder Woman 1984: ecco come tornerà Steve Trevor?

Il film vedrà ancora come protagonista Gal Gadot opposta a Kristen Wiig, scelta per interpretare la villain Cheetah. L’ultimo acquisto del cast è Pedro Pascal, di cui non è stato ancora confermato il personaggio. Il film sarà ambientato durante la Guerra Fredda e la sceneggiatura è stata curata da Goeff Johns e Patty Jenkins.

Wonder Woman 1984 arriverà al cinema il 5 giugno del 2020.

Fonte