Solo: A Star Wars Story sarà pure ambientato nel passato, ma ha portato con sé parecchie Easter eggs e riferimenti alle trilogie originali. Gli spin-off di Star Wars stanno ampliando l’universo, collegandosi a quello che sappiamo già, e i creatori hanno fatto del loro meglio per creare nuove, fantastiche connessioni.

Nonostante lo sviluppo di Solo: A Star Wars Story non sia andato troppo liscio, il prodotto finale è arrivato, ed espande l’universo e la mitologia di Star Wars in modo incredibile. Ecco una collezione di Easter Eggs, omaggi segreti a leggende dell’universo esteso, riferimenti per i fan più esperti, e piccoli dettagli che chiunque apprezzerà. Attenzione agli SPOILER.

Ecco le 30 cose su Solo: a Star Wars Story che vi siete persi.

30Chewbacca rompe la tavola del Dejarik

solo a star wars story

Ogni fan di Star Wars conosce i famosissimi, classici oloscacchi del Millennium Falcon. Fortunatamente, Solo: A Star Wars Story non ha mancato di includerli, e in modo migliore di quanto i fan si aspettassero. Ufficialmente, il gioco è chiamato Dejarik, si gioca con otto pezzi su una scacchiera circolare, e fu introdotto nello Star Wars originale nel 1977 come strumento per mostrare quanto un wookie si possa arrabbiare per qualcosa di così piccolo. È tornato poi ne Il risveglio della Forza, e Solo mostra come Chewbe ha imparato a giocare… rompendolo. Beckett si becca l’ira di Chewbe quando cerca di insegnargli il gioco: il wookie si arrabbia cerca di gettare i pezzi giù dalla scacchiera. Ma questi non si muovono, e la scacchiera si limita a ad un’intermittenza. Se guardate bene, due pezzi scompaiono dalla scacchiera.

Indietro