Superman IV

Superman IV è il film del 1987 diretto da Sidney J. Furie e con protagonisti nel cast Christopher Reeve, Margot Kidder, Gene Hackman e Mariel Hemingway.

OLYMPUS DIGITAL CAMERATrama: Quando la crescente tensione tra Stati Uniti e Unione Sovietica sembra vicina ad rendere reale l’incubo di una guerra nucleare, Superman si rende conto che l’umanità va salvata prima di tutto da se stessa e dopo un accorato intervento alle Nazioni Unite, prende la situazione di petto e si incarica di smantellare gli arsenali nucleari mondiali. A mettergli i bastoni tra le ruote ci penserà una  vecchia conoscenza, Lex Luthor, che nel frattempo ha creato un proprio clone dell’eroe, con l’obbiettivo di toglierlo di mezzo una volta per tutte;  ne seguiranno le proverbiali botte da orbi, caduta e ritorno del protagonista,  al termine delle quali Superman si congederà per lungo tempo dagli spettatori.

Analisi: Il quarto capitolo delle avventure di Superman col volto di Christopher Reeve rappresenta il tentativo estremo di rilanciare il personaggio, dopo i disastri combinati col precedente lungometraggio: una sfida già in partenza circondata da un’aura di scetticismo, a partire da quello dello stesso Reeve, che ormai ‘ingabbiato’ nel personaggio, fatica a costruirsi una carriera al di fuori di esso e accetta, con poca convinzione, di tornarne a indossare il costume; con lui tornano i sodali Margot Kidder – Lois Lane e Gene Hackman – Lex Luthor, assenti nel precedente lavoro.

A dirigere il progetto viene chiamato Sidney J. Furie, noto in precedenza per Ipcress ed Entity. L’obbiettivo è quello di restituire al personaggio l’aura epica del primo e in parte del secondo lungometraggio, senza dimenticare la componente ironica, ma evitando di scadere nell’ossessione per la gag che aveva caratterizzato il terzo capitolo. Non manca nemmeno la componente sentimentale, stavolta in forma di un triangolo appena accennato, quando Clark Kent attira le attenzioni della rampante figlia del nuovo proprietario del Daily Planet, interpretata da Mariel Hemingway.

superman IV recensioneIl risultato è però modesto, il film si trascina all’insegna di una stucchevole prevedibilità, gli attori prestano nuovamente, ma senza crederci troppo il loro volto ai personaggi e il film risulta un’operazione fuori tempo massimo, in un anno che vede l’uscita di Robocop e Predator, prodotti molto più duri e violenti, lontani anni luce dalle gesta del boy scout in costume rosso e blu: non è più tempo per Superman, si avvicina l’ora di Batman, che infatti sarebbe approdato sugli schermi di lì ad un paio d’anni. 

Dopo alcune disastrose visioni di prova, il film ampiamente tagliato e rimaneggiato, ma ciò non basta a salvarlo:  critica impietosa, disinteresse del pubblico, incassi che non coprono i costi e film finito nel dimenticatoio, condannando il personaggio ad un esilio ventennale dalle sale,  interrotto solo dal poco riuscito Superman Returns e più recentemente col definitivo rilancio di Man of Steel.

Loading...