Fallout: la spiegazione del finale della prima stagione

Il finale spiegato: I nostri eroi incendiano il mondo?

-

Il cast e la troupe di Fallout sembrano sperare in un rinnovo della seconda stagione e, visto il modo in cui si è conclusa la prima stagione, è meglio che sia così. Le prime reazioni della critica e dei fan non hanno fatto altro che elogiare l’ultimo adattamento del videogioco. Grazie a un design di produzione stellare, a personaggi ben approfonditi e a una vera e apparente riverenza per il materiale di partenza, Fallout è un adattamento raro che si espande su quello stesso materiale di partenza piuttosto che seguirlo strettamente.

Per otto episodi seguiamo un’allegra abitante della camera blindata di nome Lucy (Ella Purnell), un aspirante cavaliere della Confraternita d’Acciaio di nome Maximus (Aaron Moten) e un attore d’anteguerra diventato un Ghoul assetato di sangue, un tempo attore di nome Cooper Howard (Walton Goggins). Il lungo viaggio che questi tre intraprendono converge in un finale di stagione esplosivo. Non solo vengono fatte delle rivelazioni che cambiano realmente i giochi di Fallout così come li conosciamo, ma viene anche svelata una location che i fan non vedevano da molto, molto tempo.

Per molto tempo, la cosiddetta “Grande Guerra” che ha creato la Terra Desolata nucleare è stata causata dal governo cinese a seguito del conflitto in corso tra Cina e Stati Uniti. La serie Fallout rivela che tutto ciò era una menzogna e che il comunismo era solo un depistaggio. Attraverso dei flashback in cui un Cooper pre-Ghoul spia la moglie Barb (Frances Turner), scopriamo la sconvolgente verità. La Vault-Tec non solo era consapevole dell’inevitabile olocausto nucleare, ma ne era direttamente responsabile. Apprendiamo che hanno sganciato le bombe durante una riunione con la Vault-Tec e altre potenti entità aziendali in quella che potrebbe essere una riunione di un’Enclave prebellica.

Pochi istanti dopo questa notizia bomba, scopriamo anche che il padre di Lucy, Hank (Kyle MacLachlan), non è chi diceva di essere. Invece di essere nato in un Vault, Hank era vivo 200 anni fa, prima ancora dell’inizio della guerra, e lavorava come impiegato di alto livello alla Vault-Tec. Il compiacimento di Hank nei confronti del genocidio peggiora ulteriormente quando lui stesso è coinvolto in quell’atrocità. Lucy scopre anche che Hank è responsabile dell’esplosione che ha distrutto Shady Sands, la comunità che il leader dei raider Moldaver (Sarita Choudhury) e la madre di Lucy, Rose (Elle Vertes), hanno contribuito a costruire. Uccidere la madre di Lucy è già abbastanza grave, ma Rose è sopravvissuta a malapena ed è diventata un Ghoul selvaggio. Alla fine Lucy pone fine alle sofferenze della madre, ma non prima che Hank indossi un’armatura elettrica e fugga.

Moldaver riporta l’energia a Los Angeles

Moldaver riporta l'energia a Los Angeles

Non appena arriva la Fratellanza d’Acciaio, le forze di Moldaver vengono completamente decimate e lei viene ferita a morte. Fortunatamente, prima di allora riesce a ottenere i progressi del dottor Wilzig (Michael Emerson) nel campo dell’energia da fusione fredda. Il tempo a sua disposizione per utilizzare quella che è senza dubbio l’invenzione più importante della storia è limitato, così, nonostante le ferite mortali, accende il reattore.

Seduti accanto al cadavere di Rose, appena ucciso dai Ghoul, Moldaver e Maximus osservano le luci di Los Angeles accendersi per la prima volta dopo secoli. Hank potrebbe aver avuto ragione nel senso che Moldaver è diventata disperata e squilibrata quanto lui, e questo sembra quasi essere vano, dato che la sua intera comunità è stata uccisa dalla Fratellanza. Tuttavia, accendendo quel reattore, Moldaver ha dato a una potenziale nuova generazione di abitanti delle Terre Desolate qualcosa che nessun altro ha avuto per decenni.

Maximus diventa finalmente un cavaliere della Fratellanza d’Acciaio

Maximus diventa finalmente un cavaliere Fratellanza d'Acciaio
Foto di JOJO WHILDEN/JoJo Whilden/Prime Video – © Amazon Content Services LLC

Maximus è stato messo al tappeto da Hank poco prima di fuggire e si è svegliato trovando Moldaver che accendeva il reattore. Guarda le luci di Los Angeles accendersi mentre Moldaver soccombe alle sue ferite. In seguito, Dane (Xelia Mendes-Jones), compagno di Maximus, arriva con il resto dei soldati della Fratellanza e presume erroneamente che sia stato Maximus a uccidere Moldaver.

Dane convince il resto della Confraternita a unirsi e a dichiarare Maximus Cavaliere ufficiale della Confraternita d’Acciaio. È qualcosa che Maximus ha sognato e a cui ha aspirato durante gli eventi dell’intera serie. Ora, però, vuole solo stare con Lucy e iniziare una nuova vita al Vault 33. Probabilmente, inoltre, avrà più di qualche parola di riguardo per Hank, dal momento che ora sa che è lui l’uomo che ha distrutto la sua casa.

Lucy e il Ghoul non hanno avuto un grande rapporto nel corso della serie, ma formano una tiepida alleanza per cercare di trovare Hank. Si scopre che il Ghoul non voleva alcun tipo di ricompensa monetaria per aver consegnato la materia a fusione fredda a Moldaver. Quello che cercava davvero erano informazioni sui membri della Vault-Tec che hanno ingannato la morte e sono stati congelati criogenicamente. A quanto pare, la moglie e la figlia del Ghoul potrebbero essere ancora là fuori.

Anche Lucy vuole delle risposte e concorda sul fatto che seguire Hank potrebbe condurli alle persone responsabili di questo mondo di dolore e caos. Ha passato tutta la vita a pensare che i Vault fossero un baluardo di sicurezza e progresso, ma ora vede che sono solo strumenti minori di una cospirazione più grande. Né lei né il Ghoul si rendono conto che i membri congelati della Vault-Tec si trovano proprio accanto al luogo in cui è iniziata l’intera serie.

Norm è intrappolato nel Vault 31

Norm è intrappolato nel Vault 31Mentre Lucy è impegnata nella sua avventura, suo fratello Norm (Moises Arias) sta scoprendo alcuni oscuri segreti a casa, nel Vault 33. Lui e Chet (Dave Register) scoprono che gli abitanti del Vault 32 non sono stati uccisi da Moldaver, ma si sono uccisi a vicenda in una piaga di apparente violenza e follia. Rimane anche il mistero dei razziatori avvelenati, ma sembra abbastanza chiaro che dietro ci sia Stephanie (Annabel O’Hagan).

Norm riesce a intrufolarsi nel Vault 31 per trovare il supervisore, solo per scoprire che l’intero Vault è gestito da un cervello su un rombo. Il cervello appartiene all’importante dirigente della Vault-Tec Bud Askins (Michael Esper), che sta attualmente supervisionando i dirigenti congelati che hanno trovato un rifugio prima della caduta delle bombe. Norm vuole condividere queste informazioni con i suoi compagni, ma purtroppo Bud lo chiude dentro.

La scena finale della stagione 1 di ‘Fallout’ anticipa i Deathclaws e New Vegas

La stagione 1 di Fallout si conclude con Hank che attraversa il deserto e ciò che incontra fa presagire due sviluppi molto interessanti per la seconda stagione. In primo luogo, Hank si imbatte in un teschio unico che appartiene inequivocabilmente a un Deathclaw. Di tutte le creature della storia di Fallout, i Deathclaw sono facilmente i più noti, in quanto sono l’apice della predazione nelle Terre Desolate. Se dovessero comparire nella prossima stagione, rappresenterebbero una sfida formidabile per i nostri eroi.

Ancora più significativo è il luogo in cui Hank finisce alla fine della puntata. Deve aver camminato per un bel po’, perché il luogo che trova non è altro che New Vegas, uno dei luoghi più iconici e amati di tutta la storia di Fallout. Si tratta di una rara sfaccettatura della società che dà vita a tante nuove trame e implicazioni, che si spera verranno esplorate nella seconda stagione.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -