House of The Dragon – stagione 2, episodio 1 recap: “Un figlio per un figlio”

-

Indipendentemente da quanto tempo sia passato dall’ultima volta che House of The Dragon della HBO è apparsa sui nostri schermi, la serie non perde tempo a riprendere i giorni da dove li avevamo lasciati. Probabilmente si potrebbe sospettare il contrario, dato che, dopo la conclusione della nuovissima sequenza dei titoli di testa, l’episodio inizia non tra le mura della Fortezza Rossa o tra le scogliere di Roccia del Drago, ma molto più a nord, il più a nord possibile senza imbattersi nella Barriera.

È qui che si è ritrovato il principe Jacaerys Velaryon (Harry Collett), ancora impegnato ad assicurarsi preziose alleanze per conto della madre, la regina Rhaenyra Targaryen (Emma D’Arcy). Non sorprende che un viaggio dagli Stark richieda un po’ più di tempo per tornare – così tanto tempo, in effetti, che Jace ha avuto un’acconciatura molto luminosa – ma se la Stagione 1 ci ha fatto conoscere le origini della Canzone del Ghiaccio e del Fuoco, la Stagione 2 non tarda a ricordarci cosa profetizza, per gentile concessione dell’attuale Lord di Grande Inverno, Cregan Stark (Tom Taylor). L’inverno è alle porte e anche se non arriverà per Rhaenyra, la regina Alicent (Olivia Cooke) o i loro figli, ciò non significa che le minacce attuali che circondano tutti loro non saranno altrettanto costose o non si riveleranno ancora più divisive nelle settimane a venire.

I verdi non sono tutti d’accordo in ‘House of the Dragon’ Stagione 2, Episodio 1

House of Dragon - stagione 2, episodio 1

Prima che la più grande misura di ritorsione si concretizzi, “Un figlio per un figlio“, scritto dal co-creatore e showrunner Ryan Condal e diretto da Alan Taylor, è tanto un’occasione per familiarizzare con la posizione di ogni personaggio rilevante quanto un sottile presagio di ciò che ci aspetta. Alcune posizioni possono essere più sorprendenti di altre: avreste potuto colpirmi con una piuma quando l’episodio ha tagliato sul Lord Comandante della Guardia Reale, Ser Criston Cole (Fabien Frankel), in ginocchio davanti ad Alicent, chiaramente adorando lei piuttosto che i Sette. Inoltre, il casuale scambio di opinioni sul tempo che hanno avuto in seguito, così come la tranquilla insistenza di Alicent sul fatto che il loro breve errore di giudizio non può ripetersi, sembrano suggerire che probabilmente questo accade da un po’ di tempo, quindi la vera domanda è: da quanto tempo va avanti?

Non c’è tempo per Alicent e Criston di discutere ulteriormente della loro relazione illecita, e ancor meno per noi di metabolizzarla, prima che vengano convocati all’ultima riunione di aggiornamento sulla guerra per il neo-incoronato re Aegon II (Tom Glynn-Carney) e tutti i membri del suo piccolo consiglio. Aegon ha deciso di trattare la riunione come una giornata “Porta tuo figlio al lavoro”, con grande disappunto della sorella-moglie, la regina Helaena (Phia Saban), e le sue preoccupazioni per l’arrivo del loro figlio maggiore ed erede, Jaehaerys, non sono del tutto infondate. Il bambino è decisamente troppo piccolo per capire tutto quello che sta succedendo; è più contento di giocare con la palla di pietra di Ser Tyland Lannister (Jefferson Hall) e Aegon, a sua volta, è più distratto dalle buffonate del figlio, mentre il resto del Consiglio cerca di discutere del blocco appena attuato da Rhaenyra, che taglia i viaggi e il commercio sulla costa ad Approdo del Re. Alicent deve persino usare la sua voce da mamma severa per riportare tutto sulla retta via.

Meno desiderabile è il fatto che Aegon abbia invitato un altro ospite indesiderato alla riunione del piccolo consiglio, sotto forma di suo fratello Aemond (Ewan Mitchell), che ha i suoi suggerimenti su come portare la lotta direttamente ai Neri. Se dipendesse da Aegon, lui e Aemond salirebbero semplicemente sui loro draghi e intimidirebbero o brucerebbero le case che ancora si oppongono, ma Alicent e l’attuale Primo Cavaliere del Re, Otto Hightower (Rhys Ifans), non sono favorevoli a questo piano. “Se perdiamo i draghi in guerra, non ci sarà modo di richiamarli”, dice Alicent, che sembra un’osservazione particolarmente acuta nei confronti di Aemond, considerando che l’incapacità di frenare gli impulsi dei draghi è esattamente ciò che ha fatto uccidere il figlio di Rhaenyra. Alla fine, Otto dice che devono privilegiare “pazienza e moderazione” nel loro approccio a questo conflitto, e l’odioso sospiro che Aegon emette mentre sprofonda nella sua sedia è così infantile e petulante che mi viene da ridere.

A proposito di Aegon, è chiaro che si sta ancora adattando alla sua posizione di potere, soprattutto quando si tratta di ascoltare le petizioni del suo popolo. La guerra di costruzione sembra avere un effetto negativo anche sugli abitanti di Approdo del Re. A quanto pare, è stata richiesta una decima regolare di bestiame per sostenere i draghi e il loro crescente pattugliamento del territorio fedele, e Otto deve ricordare al nipote che non può andare in giro a promettere agli allevatori che restituirà loro le pecore per un capriccio. Ma anche la posizione di Otto come Primo Cavaliere sembra un po’ più precaria del solito, soprattutto perché Lord Larys Strong (Matthew Needham) non si fa problemi ad avvicinarsi al re o a far credere che Otto sia stato insediato nel suo ruolo da quando il nonno di Aegon era re. Di certo Aegon non vuole essere il re che è stato Viserys (Paddy Considine), vero?

Non è solo la tensione tra fratelli a guidare questo sotterfugio: Aemond fa capire a Criston che le simpatie della madre verso Rhaenyra sono una debolezza. Criston, che al momento è più che prevenuto nei confronti di Alicent, difende prontamente la regina, citando il suo “cuore caldo” e classificando allo stesso tempo Rhaenyra come un “ragno astuto” capace di attirare chiunque nella sua tela. Se Alicent prova ancora amore per Rhaenyra, sostiene Criston, è solo perché è stata manipolata. Ma, come vediamo in seguito, quando Alicent è sola e accende le candele in preghiera per i membri della famiglia perduti, si degna di onorare anche Lucerys (Elliot Grihault). Questo momento di lutto privato potrebbe essere l’ultima volta che si crea un sentimento di affinità tra le due parti della famiglia, soprattutto quando la strana osservazione di Helaena sulla paura dei topi assume un significato tragico.

I Blacks piangono uno dei loro in House of the Dragon – Stagione 2, Episodio 1

house of the dragon 2 episodio 1

L’altra parte della guerra è molto più sparpagliata sulla scia della morte di Lucerys: Jace viene a sapere della morte del fratello mentre si trova ancora alla Barriera, in compagnia degli Stark, mentre il Principe Daemon (Matt Smith) decide che si prenderà la responsabilità di volare ad Approdo del Re e uccidere Vhagar, se è necessario. Tuttavia, non può fare la sua mossa da solo e chiede a sua cugina, la principessa Rhaenys (Eve Best), di unirsi a lui.

Due draghi sono meglio di uno, naturalmente, soprattutto contro una vecchia e famosa come Vhagar, ma Rhaenys rifiuta l’invito a partecipare a un’azione così impulsiva e sbagliata come l’attacco ad Approdo del Re. Sia lei che il suo drago, Meleys, sono esausti per gli sforzi compiuti sorvolando ogni specchio d’acqua tra Roccia del Drago e Capo Tempesta, a guardia del blocco che i Neri hanno tenuto contro Approdo del Re. Daemon approfitta della loro conversazione per affermare che se Rhaenys avesse ridotto in cenere i Verdi il giorno dell’incoronazione di Aegon quando ne aveva la possibilità, la tragedia che ne è seguita non sarebbe accaduta.

In un certo senso non ha torto, ma la frustrazione di Daemon sembra derivare soprattutto dal fatto che Rhaenyra si sta crogiolando nel suo dolore di madre invece di prendere decisioni vendicative per reagire come regina. Al momento, infatti, sta cavalcando su Syrax, alla ricerca di qualsiasi traccia del corpo di suo figlio o del suo drago all’indomani dello scontro con Aemond e Vhagar. Come sottolinea astutamente Rhaenys, Rhaenyra ha chiaramente bisogno di sapere con certezza che Luke è morto prima di fare qualsiasi mossa decisa.

Alla fine, la sua traiettoria di volo la porta a una spiaggia dove i resti di Arrax sono stati portati a riva, ma la reazione istintiva del pubblico all’atterraggio di un drago nelle vicinanze sembra essere quella di fuggire terrorizzata, lasciando a Rhaenyra abbastanza spazio per indagare lei stessa su ciò che è rimasto impigliato nel groviglio di una rete da pesca. C’è un’ala di drago e abbastanza vestiti di Luke lasciati nel groviglio per confermare che i suoi peggiori timori sono veri. Anche Syrax si unisce a Rhaenyra nel lutto per il figlio, lanciando un grido che risuona sulla riva. Quando la regina torna dalla sua ricerca, l’unica parola che riserva al suo consiglio è la richiesta della testa di Aemond Targaryen. In privato, quando Jace torna dalla Barriera, riesce a malapena a raccontare i suoi successi con gli Arryn e gli Stark prima che madre e figlio cadano l’uno nelle braccia dell’altro, piangendo la loro perdita comune.

Nel frattempo, la ritirata di Verme Bianco da Approdo del Re sembra essere appena diventata un vantaggio per Roccia del Drago, quando Daemon trova la spia stessa, che ha strappato Mysaria (Sonoya Mizuno) dalla stiva di una nave in fuga. Per un momento, sembra quasi che egli sia propenso a fare amicizia con la sua ex amante, considerando l’attuale frattura che si sta allargando tra lui e Rhaenyra, ma, dato che Mysaria era disposta ad accettare denaro dai loro nemici in cambio di informazioni, viene considerata più una prigioniera di guerra che una potenziale alleata. Più tardi, tuttavia, Daemon propone una transazione tra i due: se lei gli fornirà informazioni importanti su come intrufolarsi nella Fortezza Rossa senza essere scoperti, guadagnerà la libertà. In seguito alla richiesta di Rhaenyra, carica di dolore, di ottenere la testa di Aemond, Daemon elabora il suo piano di vendetta, ingaggiando degli assassini per introdursi nel palazzo e uccidere il principe. Uno di loro è un membro dei Goldcloaks della Guardia Cittadina, che in privato professa ancora fedeltà a Daemon (Sam C. Wilson); l’altro è un acchiapparatti reale con una conoscenza approfondita della struttura della Fortezza Rossa (Mark Stobbart).

I due uomini (soprannominati Blood and Cheese in Fire & Blood di George R.R. Martin, anche se nella serie non vengono mai chiamati così) si intrufolano nel castello e, a un certo punto, con un colpo di ironia particolarmente crudele, passano davanti ad Aegon e alla sua schiera di leali lord che bevono mentre sono distesi sul Trono di Spade. È anche un piano che quasi non si realizza in diversi momenti: inizialmente, l’acchiapparatti ha dei ripensamenti sull’idea di salire negli appartamenti reali, dove i servitori della sua razza non sono ammessi, e in seguito, Aemond sembra non trovarsi da nessuna parte, anche se ha chiaramente appena concluso la sua riunione segreta di pianificazione con Criston, se la mappa e le monete lasciate ancora sul tavolo sono un’indicazione.

In un’altra stanza, tuttavia, gli assassini scoprono Helaena da sola, con i suoi due figli entrambi addormentati nel letto. Ricordando le parole di Daemon – “un figlio per un figlio” – e non volendo tornare a mani vuote, ordinano alla regina di scegliere tra i suoi figli addormentati, dal momento che non sono in grado di dire quale dei due sia un maschio solo con uno sguardo. In un primo momento, Helaena tentenna, offrendo loro gli stessi gioielli che indossa se li soddisfano, ma poi, costretta, punta un dito tremante su Jaehaerys. Anche in questo caso, gli assalitori esitano, chiedendosi se la regina non stia cercando di ingannarli per uccidere un figlio meno prezioso, ma uno sguardo ad Helaena conferma che sta davvero consegnando l’erede al Trono di Spade per essere ucciso.

È un evento che si rivela ancora più orribile grazie a ciò che non vediamo, ma che sentiamo. Afferrando la figlia sopravvissuta, Helaena corre fuori dalla stanza al suono orribile del suo primogenito e dell’erede al Trono di Spade che viene pugnalato e decapitato, attraverso la Fortezza Rossa, fino alla camera da letto di sua madre – dove, senza sorpresa, Alicent e Criston si stanno dando battaglia ancora una volta. Helaena si accascia a terra, con il suo secondogenito tra le braccia, all’inizio sembra intontita, finché non guarda Alicent con risolutezza e dice, quasi con calma: “Hanno ucciso il ragazzo”.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

UFO Sweden trama film

UFO Sweden: tutte le curiosità sul film di fantascienza

Anche la Svezia hai suoi film sugli alieni, come UFO Sweden, diretto da Victor Danell a partire da un’idea del gruppo Crazy Pictures in...
- Pubblicità -