Homeland, serie tv: cast, trama e personaggi

557
homeland
da Homeland stagione 2

Il genere televisivo spy thriller non conosce mai crisi. Il pubblico ama le avvincenti storie di spionaggio ed essere partecipe di indagini sotto copertura con finali al cardiopalma. Tuttavia, nonostante ci siano un’infinità di serie tv di questo tipo, solo alcune riescono davvero a fare breccia nel cuore dei telespettatori. Tra le più appassionanti degli ultimi anni c’è sicuramente Homeland – Caccia alla Spia, diventata una vera e propria serie cult.

Ispirata alla famosa serie israeliana Prisoners of War creata da Gideon Raff, Homeland, creata da Howard Gordon e Alex Gansa per Showtime, racconta dell’agente della CIA, Carrie Mathison, affetta da disturbo bipolare, alle prese una nuova possibile minaccia per gli Stati Uniti.

Homeland cast e trama

Dopo otto ani di prigionia, il sergente dei Marines, Nicholas Brody (Damian Lewis), ritenuto scomparso in azione durante la guerra in Iraq, viene invece liberato e fa ritorno a casa. Una volta arrivato negli States, Brody viene accolto come un eroe nazionale, un sopravvissuto che non si è mai piegato ai suoi aguzzini.

Ma mentre tutti acclamano il ritorno dell’eroe, c’è chi non è convinto della veridicità della sua storia. L’analista della CIA, Carrie Mathison (Claire Danes), è l’unica a sospettare di Brody, credendo che possa essere una vera minaccia per gli Stati Uniti. L’agente ha infatti identificato Bordy come uno sconosciuto prigioniero di guerra americano che poi si è convertito all’Islam ed è diventato uno dei seguaci di al-Qaida.

Nonostante i suoi sospetti, Carrie non è in grado di provare le sue teorie per mancanza di prove. Non riuscendo però a mollare il caso, l’agente decide di coinvolgere i suoi capi, chiedendo che Brody sia messo sotto stretta sorveglianza per evitare e prevenire un nuovo attacco terroristico su suolo americano. Carrie è convinta infatti che le prove della colpevolezza di Brody siano nascoste nel suo garage dove l’ex marine compie in segreto i suoi riti di preghiera. Non avendo purtroppo telecamere nascoste nell’edificio, l’agente è costretta a mollare la presa.

Mentre le indagini di Carrie procedono a rilento, Brody invece diventa il volto pubblico delle forze armate statunitensi; tra interviste e ospitate nei talk show, l’ex marine è ormai l’uomo più amato d’America. La sua popolarità è alle stelle e c’è chi addirittura pensa ci possa essere un futuro per lui nel mondo politico.

Carrie dovrà fare ricorso a tutti i suoi assi nella manica per smascherare Brody e arrivare finalmente alla verità.

Homeland personaggi

La serie Homeland – Caccia alla Spia, andata in onda dal 2013 al 2020 per ben 8 stagioni e 96 episodi, negli anni ha subito diversi stravolgimenti di cast. Nonostante i protagonisti siano sempre gli stessi, ad ogni stagione c’è un nuovo personaggio che fa la sua comparsa e che sarà inevitabilmente al centro dell’azione.

Protagonista indiscussa della serie è Carrie Mathison, interpretata da Claire Danes, un’analista della CIA assegnata all’unita Antiterrorismo. E’ una donna forte e determinata nonostante debba affrontare la difficile realtà del suo disturbo bipolare, malattia di cui anche il padre era affetto. A complicare la vita di Carrie ci pensa l’ex marine Nicholas Brody (Damian Lewis), rimasto prigioniero di al-Qaida per otto anni e misteriosamente liberato dalle sue carceri.

Ma mentre la Mathison si affanna a cercare le prove del coinvolgimento di Brody in attività terroristiche, l’ex marine tenta di riprendere in mano la propria vita. Dopo otto anni torna a casa ma scopre che sua moglie Jessica Brody (Morena Baccarin), dopo la sua presunta morte, ha iniziato una relazione con Mike Faber (Diego Klattenhoff), capitano dei Marines e migliore amico di Brody. Insomma, nonostante tutta l’America ormai lo veda come un eroe, Nicholas sente di aver perso tutto.

A guidare l’Antiterrorismo e le indagini contro Abu Nazir (Navid Negahban), alto membro di al-Qaida, è David Estes (David Harewood), capo dell’agente Mathison. Ma uno dei personaggi più importanti della serie e della vita di Carrie è senza dubbio Saul Berenson (Mandy Patinkin), capo della divisione Medio Oriente della CIA, nonché suo amico e mentore.

In ognuna delle stagioni di Homeland, la storia si fa sempre più intricata e i personaggi continuano ad aumentare. Il lavoro della CIA si interseca a quello della politica e alla fine è sempre più difficile riconoscere i buoni dai cattivi.

Homeland 8: l’ultima stagione?

Grazie al successo ottenuto dalla sua sesta stagione, Homeland, nel 2016 è stata rinnovata per altre due stagioni. L’ottava stagione, che sarebbe stata poi l’ultima della serie, è andata in onda sul cane Showtime dal 9 febbraio al 26 aprile 2020.

[SPOILER ALERT]

In quest’ultima stagione vediamo Carrie Mathison che cerca di riprendersi dallo shock dei mesi di prigionia nei gulag russi. Nonostante fisicamente l’agente CIA stia recuperando le forze, è la memoria a farle brutti scherzi. I suoi ricordi sono confusi e frammentati e la donna si trova ancora in un precario stato emotivo.

Nel frattempo Saul Berenson è diventato consigliere della Sicurezza Nazionale al servizio del Presidente Warner. Il suo obiettivo, nonché il più importante dell’amministrazione Warner, è mettere fine alla guerra in Afghanistan. Saul ha quindi il compito difficile di negoziare la pace con i talebani ma per farlo ha bisogno dell’aiuto di Carrie e dei suo contatti in Medio Oriente. La città di Kabul fa infatti resistenza e, per difendersi dagli attacchi stranieri, crea alleanze con pericolosi mercenari e signori della guerra.

Contro quindi il parere dei medici, Saul convince Carrie a tornare in azione per aiutarlo nella sua difficile missione, un’ultima volta.

Con l’ottava stupefacente stagione di Homeland si chiude un cerchio. Carrie tornerà in azione e, tra missioni sotto copertura, salti temporali e decisioni discutibili, anche la sua lealtà verrà messa in discussione, come quella dell’ex marine Nicholas Brody nella prima stagione. Inoltre, molte delle questioni irrisolte delle stagioni precedenti trovano una loro risoluzione negli ultimi episodi di Homeland 8.

Homeland 9: il futuro della serie

Con la messa in onda dell’ottava stagione di Homeland e del suo finale ricco di tensione, in molti si sono chiesti se gli autori non avessero in mente una nuova stagione conclusiva. Il finale di Homeland 8 ha infatti lasciato tutti i fan della serie a bocca aperta. Vediamo quindi nel dettaglio cos’è successo in quest’ultima puntata, la 8×12 dal titolo “Prigioni di Guerra”.

[SPOILER ALERT]

Nel finale Carrie sembra intenzionata a uccidere il suo mentore Saul Berenson nel tentativo così di costringerlo a divulgare il nome della sua fonte segreta, spingendo a sua volta l’intelligence russa a consegnare un’importante prova che avrebbe fermato una nuova guerra in Medio Oriente. Tuttavia, Saul riconosce il bluff di Carrie e, prima che le possa mettere e mani sulle informazioni, brucia la sua fonte.

A questo punto l’azione si sposta in Russia due anni e mezzo più tardi. Carrie si è trasferita a Mosca dove vive con il suo nuovo fidanzato, Yevgeny Gromov (Costa Ronin), ex ufficiale delle forze armate russe, e ha appena scritto un libro contro la CIA. Nonostante tutto però, Carrie continua a lavorare per gli Stati Uniti, mandando informazioni riservate a Saul, sostituendo di fatto il suo vecchio informatore.

Questo intricato e ambiguo finale, per i fan della serie nasconde la volontà da parte degli autori di produrre una nuova stagione di Homeland. Tuttavia in una recente intervista rilasciata a Entertainment Weekly, Alex Gansa ha dichiarato di non aver fatto piani per una nona stagione di Homeland.

“Come ha detto Howard (Gordon), ‘Mai dire mai!”. Siamo tutti contenti di come sia finita la serie. Per adesso un nuovo capitolo non sembra necessario ma chi lo sa cosa potrà accadere in futuro […] ma per adesso, sembra proprio la fine”. [fonte: Entertainment Weekly]

Homeland su Netflix

Tutte le stagioni di Homeland – Caccia alla Spia, sono disponibili in abbonamento sulla piattaforma streaming di Netflix.

Fonte: Wiki, IMDB, Fandom, Entertainment Weekly