Detroit film

Dopo aver realizzato gli acclamati The Hurt Locker e Zero Dark Thirty, la regista premio Oscar Kathryn Bigelow porta al cinema nel 2017 il film Detroit, incentrato sui violenti scontri verificatisi nella città dal 23 al 27 luglio del 1967. Durante questi, scatenatisi in seguito all’aggressione di alcuni poliziotti ai danni di afroamericani, si contarono un totale di 43 morte e oltre mille feriti. Furono giornate difficilissime per gli Stati Uniti, sempre più divisi dagli scontri razziali. In particolare, il film si concentra sugli eventi accaduti all’interno dell’Algiers Motel, e da cui si arrivò al processo contro tre poliziotti accusati di omicidio.

 

La sceneggiatura è scritta ancora una volta da Mark Boal, collaboratore con la regista anche per i precedenti due titoli già citati. Questi iniziò a lavorare al film in seguito ad una lunga ricerca, condotta attraverso fonti e versioni differenti dell’episodio. Come sempre, la regia della Bigelow si rivelò poi decisiva per conferire all’opera la sua grandezza. Per la quasi intera durata del film, lungo due ore e venti, si è infatti letteralmente rapiti dal ritmo e dall’intensità della situazione. Attraverso una costruzione quasi claustrofobica, lo spettatore è infatti costretto a stare a stretto contatto con i personaggi, partecipando alle loro vicende.

Al momento della sua uscita il film viene accolto in maniera particolarmente positiva dalla critica, che elogia in particolare la sceneggiatura, la regia e le interpretazioni dei protagonisti. Nonostante tali premesse, il film non riuscì ad ottenere un buon risultato al box office. A fronte di un budget di circa 40 milioni, arrivò infatti ad incassarne solo 26 in tutto il mondo. Detroit è però un film da recuperare assolutamente, capace di narrare con un coinvolgimento non comune le vicende al centro della trama. Diverse sono poi le curiosità legate al film, e le principali tra queste si potranno scoprire proseguendo nella lettura.

Detroit: la trama del film

Come in parte anticipato, il film si concentra sui brutali scontri razziali che nel luglio del 1967 sconvolsero la città di Detroit. I sobborghi della città, abitati da molti africani, divengono infatti scenario di un’accesa rivolta che porta a numerosi morti, feriti e edifici distrutti. Tutto ha inizio nel momento in cui un gruppo di agenti, tra cui spicca il razzista Krauss, irrompono in un club eseguendo una retata. Ha così inizio il primo dei quattro giorni di rivolta, tra cui celebre è quanto avvenuto all’interno di un hotel locale. In esso si trovano a pernottare alcuni afroamericani, tra cui il musicista Larry Reed. Il loro riparo sicuro finisce però con il non essere più tale nel momento in cui la polizia farà irruzione, tra cui il poliziotto Krass. Per chi si trova all’interno dell’edificio ha così inizio una notte lunghissima, dettata dalla terrore e dal desiderio di restare vivi.

Detroit cast

Detroit: il cast del film

Con un cast di giovani ma già affermati interpreti, Detroit vanta interpretazioni di grande intensità, con gli interpreti perfettamente calati e credibili nei loro ruoli. Tra i principali protagonisti si ritrova John Boyega (Star Wars VII – Il risveglio della forza), che interpreta la guardia giurata Melvin Dismukes. Il suo è uno dei punti di vista più importanti all’interno del film, poiché si pone a metà tra gli uomini di legge e il popolo afroamericano. Accanto a lui, particolarmente memorabile è Will Poulter (The Revenant), che dà invece vita al crudele poliziotto Philip Krauss. L’interpretazione dell’attore è stata lodata come una delle più intense e migliori del film. L’attore e cantante Algee Smith (The Hate U Give) interpreta invece il musicista Larry Reed. Per il film egli ha anche inciso il brano Grow, presente nella colonna sonora.

Tra gli altri attori presenti in ruoli di rilievo vi sono Jacob Latimore (Collateral Beauty), che interpreta Fred Temple, Jason Mitchell (Straight Outta Compton), nei panni di Carl Cooper, e Hannah Murray (Il Trono di Spade), in quelli di Julie Ann. Kaitlyn Dever (Justified – L’uomo della legge) è Karen, mentre il rapper Peyton Alex Smith ricopre il ruolo di Lee. Vi sono poi nomi particolarmente noti come Jack Reynor (Il segreto), che dà vita al personaggio di Demens. Anthony Mackie, celebre per il ruolo di Falcon nel Marvel Cinematic Universe è invece Greene, uno dei coinvolti negli eventi nell’hotel. L’attore e regista John Krasinski (A Quiet Place, invece, partecipa al film nel ruolo dell’avvocato Auerbach.

Detroit: la vera storia dietro al film

Nel raccontare la storia degli scontri di Detroit, la Bigelow e lo sceneggiatore Boal hanno dichiarato di essere rimasti fedeli il più possibili a quanto realmente accaduto. La loro volontà di accuratezza è poi stata lodata dai sopravvissuti alla notte nel hotel Algiers, i quali hanno affermato che quanto viene mostrato è estremamente simile a ciò che successe realmente. Nonostante ciò, regista e sceneggiatore decisero comunque di prendersi alcune libertà, così da poter dar vita anche ad alcune soluzioni più cinematografiche. I nomi utilizzati nel film non sono quelli veri dei coinvolti, e tale differenza ha permesso di poter romanzare alcune delle situazioni mostrate, senza discostarsi però dal reale.

Come riportato anche dal film, l’evento che diede origine agli scontri si verificò nel momento in cui un raid della polizia portò le forze dell’ordine al bar notturno Blind Pig, il quale si rivelò privo di licenza. Gli agenti presenti iniziarono così a far sgomberare il posto, dando vita ad accesi conflitti con i clienti e i passanti lì presenti. I toni divennero poi sempre più violenti, fino a degenerare in scontri di aperto stampo razzista. Durante gli scontri, diversi afroamericani si rifugiarono nel hotel Algiers, dove vennero però raggiunti da alcuni poliziotti, tra cui David Senak (nel film chiamato Philip Krauss). Qui gli agenti iniziano a dar vita ad una vera e propria notte di torture, finendo poi con l’uccidere a sangue freddo tre dei presenti.

Ciò portò in seguito ad un processo nei confronti dei poliziotti coinvolti, i quali vennero accusati di omicidio. Come si può ritrovare anche nel film, la giuria incaricata di giudicare il caso era realmente composta da sole persone bianche. In modo tutt’altro che sorprendente il verdetto scagionò dunque i poliziotti, affermando che quanto da loro commesso era in realtà riconducibile a legittima difesa. Con il tempo, tale giudizio è stato ampiamente criticato e ritenuto non veritiero. Ciò è avvalorato da una serie di prove presentate in tribunale ma mai realmente considerate ai fini del giudizio. Gli scontri terminarono così senza che i responsabili degli omicidi subissero particolari condanne.

Detroit: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. Detroit è infatti presente su Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Netflix e Amazon Prime Video. Per poter usufruire del film, sarà necessario sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film. In questo modo sarà poi possibile vedere il titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video, senza limiti di tempo. Il film è inoltre in programma in televisione per venerdì 23 ottobre alle ore 21:10 sul canale Rai Movie.

Fonte: IMDb, HistoryvsHollywood