Die Hard - Vivere o morire film

Divenuta una delle saghe cinematografiche d’azione più celebri di sempre, Die Hard comprende oggi cinque titoli usciti in sala in un arco temporale che va dal 1988 al 2013. Protagonista assoluto è l’attore Bruce Willis, che ricopre qui il ruolo del poliziotto John McClane. Nel corso degli anni, questi si è trovato coinvolto in avventure sempre più estreme e rischiose, in missioni adatte soltanto ad un uomo “duro a morire”. Anche per merito di ciò, il personaggio è stato indicato come uno dei più iconici del cinema, nonché uno dei più importanti nella carriera di Willis.

Tutto ebbe inizio con Die Hard – Trappola di cristallo, il quale ebbe poi un tale successo che i produttori decisero di dar vita ad una serie di sequel. Il quarto di questi, uscito nel 2007, è Die Hard – Vivere o morire, diretto da Len Wiseman, già autore della saga di Underworld. Assente dal cinema dal 1995, il personaggio di McClane viene qui riportato in scena per combattere una nuova imprevedibile minaccia: quella del terrorismo informatico. La trama del film si basa infatti non solo sui personaggi dello scrittore Roderick Thorp, ma anche sull’articolo Addio alle armi di John Carlin, dove si affronta proprio il pericolo di tale minaccia virtuale.

Per dar vita alle nuove avventure del poliziotto si è deciso di rendere il film meno simile ai primi due capitoli e più vicino invece al terzo. Come lì, anche in questo caso la stragrande maggioranza del film si svolge in ambienti esterni e urbani, e anche in questo caso McClane viene aiutato nella lotta al terrorismo da un civile. Accolto in maniera positiva dalla critica, il film ha confermato il grande interesse nei confronti della saga. A fronte di un budget di 110 milioni di dollari, infatti, questo è riuscito ad incassarne ben 388 in tutto il mondo. Ad oggi, Die Hard – Vivere o morire è il film dal maggior incasso di tutta la saga.

Die Hard – Vivere o morire: la trama del film

Sono passati diversi anni dalla sua ultima grande missione, e il poliziotto McClane è un uomo diverso, invecchiato ma tenace come sempre. Ancora una volta, però, si trova a dover salvare la situazione e l’intera nazione nel momento in cui l’FBI subisce un potente attacco informatico. Questo genera un blackout dei sistemi di sicurezza, mandando in tilt il paese. McClane viene così chiamato all’azione, con il compito di trovare l’hacker Matthew Farrell. A sua insaputa questi ha infatti contribuito a rendere operativo un progetto architettato dalla squadra di cyber-terroristi capitanati da Thomas Gabriel. Questi era un dipendente del Dipartimento della Difesa, e caduto in disgrazia cerca ora la vendetta.

Affiancato da Farrell, McClane tenta così di impedire altri attacchi, cercando allo stesso tempo di rintracciare la base operativa di Gabriel e dei suoi uomini. Il terrorista, però, è ben consapevole della fama del poliziotto, e per assicurarsi un vantaggio nei suoi confronti decide di rapire sua figlia Lucy. La faccenda diventa così personale, e McClane torna ad essere l’inarrestabile macchina da guerra che era, dimostrando di essere duro a morire proprio come un tempo. Nulla lo fermerà dal trovare i rapitori di sua figlia, e lo scontro sarà più sanguinoso che mai.

Die Hard - Vivere o morire cast

Die Hard – Vivere o morire: il cast del film

Immaginare il personaggio di John McClane con il volto di un altro attore è ormai impossibile. Bruce Willis ha negli anni dimostrato di essere l’interprete giusto per la parte, sfoggiando un carisma unico e perfetto per il ruolo. Fu proprio il primo film della saga a conferirgli grande notorietà. Particolarmente devoto al ruolo, l’attore si allenò a lungo in vista delle riprese con l’obiettivo di poter personalmente prendere parte alle tante spericolate acrobazie previste, senza ricorrere dunque a controfigure. Nonostante ciò, l’attore riportò comunque una profonda ferita sopra l’occhio destro, che lo costrinse ad un ricovero ospedaliero. Come accaduto anche per i precedenti capitoli, Willis ha anche in questo caso avuto grande potere decisionale su quanto scritto in sceneggiatura. Diverse scene e dialoghi vennero infatti riscritti per rientrare maggiormente nelle volontà dell’attore, il quale conosce meglio di chiunque altro il proprio personaggio.

Willis desiderava inoltre esplorare nuovi aspetti del personaggio, e propose ai produttori di introdurre il rapporto tra McClane e sua figlia. Venne così inserito il personaggio di Lucy McClane, interpretata dall’attrice Mary Elizabeth Winstead, oggi nota per aver interpretato Cacciatrice in Birds of Prey. L’attore Justin Long interpreta invece l’hacker Matthew Farrell, colui che aiuterà McClane nella sua missione. Per tale personaggio, originariamente Wills avrebbe voluto l’attore Ben Affleck, il quale non si dichiarò però interessato. Ad interpretare il villain Thomas Gabriel è l’attore Timothy Olyphant, il quale propose anche alcune modifiche circa il proprio personaggio. Dalla parte dei cattivi si ritrova anche Maggie Q nei panni di Mai Lihn, braccio destro e amante di Gabriel. L’attore e regista Kevin Smith è invece l’hacker Frederick “Warlock” Kaludis.

Die Hard – Vivere o morire: il sequel, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Dato il grande successo del film, i produttori decisero di far proseguire la saga con un quinto capitolo. Questo arriva al cinema nel 2013 con il titolo di Die Hard – Un buon giorno per morire, spostando l’azione dagli Stati Uniti alla Russia. Viene inoltre introdotto il personaggio di Jack McClane, figlio del protagonista, interpretato da Jai Courtney. Anche questo a sua volta si affermò come un buon successo, incassando circa 304 milioni di dollari a fronte di un budget di circa 92. Willis ha poi dichiarato di voler realizzare almeno un sesto capitolo prima di mandare in pensione il personaggio. Attualmente, però, non vi sono stati significativi aggiornamenti a riguardo, e prima di rivedere il personaggio al cinema potrebbe volerci più tempo del previsto.

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. Die Hard – Vivere o morire è infatti presente su Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Infinity e Tim Vision. Per poter usufruire del film, sarà necessario sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film. In questo modo sarà poi possibile vedere il titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video, senza limiti di tempo. Il film è inoltre in programma in televisione per mercoledì 25 novembre alle ore 21:00 sul canale 20 Mediaset.

Fonte: IMDb