I vitelloni cast

Dopo aver diretto Lo sceicco bianco nel 1952, il grande Federico Fellini torna al cinema con una storia particolarmente personale. I vitelloni è infatti il racconto di un gruppo di amici alle prese con una piatta esistenza nella città di Rimini, dove il regista nacque. Presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, il film vinse il Leone d’argento, affermandosi da subito per la sua forza narrativa e comunicativa. Con il tempo sarebbe infatti diventato uno dei più acclamati titoli nella filmografia del celebre regista, e uno di quelli che meglio di altri riesce a racchiuderne la poetica.

 

I vitelloni ottenne importanti riconoscimenti anche all’estero, dove si affermò come un grandissimo successo. Oltre a ricevere una nomination al premio Oscar per la miglior sceneggiatura, il film venne indicato dalla critica statunitense come uno dei migliori film dell’anno. In molti riconobbero la nascita di un nuovo autore, destinato a fare grandi cose all’interno del panorama cinematografico mondiale. Con questo film, infatti, Fellini iniziò ad ottenere numerosi ammiratori in ogni parte del mondo, ispirando generazioni di registi.

Sono molte le curiosità relative al film, dal casting alla sceneggiatura e fino al titolo del film. Questo infatti non andava a genio ai produttori, ma Fellini insistette per mantenerlo. Vitellone indicava infatti un buono a nulla, e sembra fosse il modo in cui Fellini venne apostrofato dalla vittima di un suo scherzo. Un titolo semplice ma che racchiude tutto il senso del film e dei suoi personaggi protagonisti. Continuando nella lettura, sarà possibile scoprire tutto ciò che c’è da sapere sul film, come anche dopo è possibile ritrovarlo in streaming.

I vitelloni: la trama del film

Protagonisti del film sono un gruppo di cinque amici romagnoli, ognuno con le proprie particolarità ma tutti accomunati da una certa noia nei confronti della vita di provincia e dalla ribellione verso ogni forma di responsabilità. Questi sono l’intellettuale Leopoldo, il donnaiolo Fausto, il maturo Moraldo, l’infantile Alberto e l’inguaribile giocatore Riccardo. Le loro vite si snodano attraverso una serie di episodi nell’amata e odiata città di Rimini. Il gruppo tenta in tutti i modi di inseguire il divertimento ad ogni costo, ma dovranno ben presto scontrarsi con la necessità di entrare a far parte del mondo adulto.

Alberto, in particolare, si ritrova a doversi cercare un lavoro dopo che la sorella, unica della casa a lavorare, abbandona lui e la madre. Fausto, invece, finisce con il mettere incinta la fidanzata Sandra, ritrovandosi così a dover onorare l’amore nei suoi confronti portandola all’altare. Allo stesso modo anche gli altri tre si renderanno conto che forse è giunto il momento di cercare il proprio posto nel mondo. Tra scorribande e goliardiche feste, si ritroveranno ad avvertire la fine di un periodo importante della loro vita. L’unica possibilità di salvezza potrebbe allora essere il lasciare la città, oppure rimanere e continuare la vita di sempre.

I vitelloni film

I vitelloni: il cast del film

Per dar vita al suo gruppo di vitelloni, Fellini decise di affidarsi ad una serie di attori con cui aveva già collaborato, i cui nomi erano però ancora pressocché sconosciuti all’epoca. Egli affidò infatti a Franco Interlenghi il ruolo di Moraldo, a Franco Fabrizi quello di Fausto, a Leopoldo Trieste quello di Leopoldo e a suo fratello Riccardo Fellini quello di Riccardo. Il ruolo di Alberto venne invece interpretato dall’amico Alberto Sordi, con cui Fellini aveva già collaborato per il precedente film. Tali scelte portarono il regista a scontrarsi duramente con il produttore Lorenzo Pegoraro. Questi lamentava infatti l’assenza di un attore di fama nel cast. L’unico più noto, Sordi, si era invece rivelato un fiasco al botteghino con i film precedenti, e rappresentava dunque un rischio.

Fellini fu però irremovibile riguardo la scelta degli attori. Pegoraro gli chiese allora di bilanciare la cosa coinvolgendo almeno un noto attore. Il regista allora si rivolse al celebre Vittorio De Sica, offrendogli la parte dell’anziano attore di teatro Sergio Natali. De Sica si dimostrò interessato al ruolo, salvo poi rifiutare. Al suo posto venne allora scelto Achille Majeroni, il quale vantava una buona fama. Nel film si ritrovano poi anche Leonora Ruffo nei panni di Sandra e l’attrice austriaca Claude Farell in quelli di Olga, sorella di Alberto. Nel film è inoltre presente un inaspettato cameo di Fellini. La sua voce doppia infatti l’ultima battuta di Moraldo alla fine del film. Ciò sottolineo il carattere autobiografico del momento della sua partenza dalla città natale.

I vitelloni: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di una delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. I vitelloni è infatti disponibile su Infinity. Per vederlo, basterà sottoscrivere un abbonamento generale, avendo poi accesso a questo come a tutti gli altri titoli del catalogo. Una soluzione di questo tipo permetterà di non avere tempi di scadenza sul titolo, e di poterlo dunque vedere ogni volta che lo si vorrà. Il film è inoltre in programma in televisione per sabato 10 ottobre alle ore 21:10 sul canale Rai Storia.

Fonte: IMDb