La madre: la spiegazione del finale del film horror

-

Prima di portare sul grande schermo l’adattamento cinematografico di It, il più celebre tra i romanzi di Stephen King, il regista Andy Muschietti si era già affermato come talento del genere horror grazie al film del 2013 La madre (qui la recensione), suo debutto alla regia di un lungometraggio. Ad aver fortemente creduto in lui è stato il regista premio Oscar Guillermo Del Toro, il quale ha sostenuto il progetto svolgendo il ruolo di produttore esecutivo.

Con la volontà di apportare qualcosa di nuovo e spaventoso al cinema, distaccandosi dai classici horror degli ultimi anni, Muschietti ha lavorato a lungo sulla realizzazione de La madre. L’idea per il lungometraggio nacque dal desiderio di approfondire le tematiche e la storia raccontate nel suo cortometraggio del 2008 Mamà. Da qui si sviluppa dunque una storia che, attraverso l’orrore, porta avanti una profonda quanto inquietante riflessione sulla maternità.

Tutti gli amanti dell’horror ritroveranno qui un’opera degna di essere inserita tra le migliori degli ultimi anni per questo genere. Prima di intraprendere una visione di La madre, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e alla spiegazione del finale. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

La madre Jessica Chastain
Jessica Chastain La madre. Foto di George Kraychyk – © 2012 – Universal Pictures

La trama e il cast di La madre

La storia narrata è quella di due sorelle, Lily Victoria, che spariscono nel bosco nel giorno in cui i loro genitori restano uccisi. Da allora lo zio Luke e la sua fidanzata Annabel non hanno fatto altro che cercarle. A distanza di anni, le due vengono infine ritrovate all’interno di un tetro capanno abbandonato. Per loro ha così inizio una nuova vita preso la casa dello zio, ma ben presto una serie di eventi inspiegabili e inquietanti iniziano infatti ad accadere, e la coppia di adulti comincia a chiedersi se le ragazze siano realmente gli unici ospiti ad essere stati accolti nella loro casa.

Cresce dunque in Annabel la convinzione che in casa aleggi una presenza maligna. Le sorelle presentare semplicemente i sintomi di un trauma, ma intorno a questo sembra realmente esserci la presenza di un fantasma del passato. Allo stesso tempo, Annabel non può non chiedersi come abbiano fatto le due bambine a sopravvivere tutti quegli anni da sole nel bosco. Scoprirà a sue spese che non erano sole, che qualcosa vegliava su di loro con fare protettivo, e che quel qualcosa è entrato ora in casa loro per reclamare ciò che gli appartiene.

 

Per interpretare Annabel, la protagonista del film, l’attrice candidata all’Oscar Jessica Chastain è sempre stata la sola e unica scelta del regista. Accanto a lei, l’attore Nikolaj Coster-Waldau interpreta il ruolo dello zio Luke e di suo fratello Jeffrey. Waldau è meglio noto per aver interpretato Jaime Lannister in Il Trono di Spade. Ad interpretare le due bambini del titolo vi sono rispettivamente Megan Charpentier nei panni di Victoria e Isabelle Nélisse in quelli di Lilly. Quest’ultima, in particolare, non parlava inglese all’epoca delle riprese, e per ciò non ha molte battute all’interno del film.

La madre cast
Megan Charpentier, Isabelle Nélisse in La madre. Foto di George Kraychyk – © 2012 – Universal Pictures

Infine, ad interpretare la spaventosa madre del titolo vi è l’attore Javier Botet. Questi, affetto dalla sindrome di Marfan, presenta un corpo esile e longilineo, con mani dalle dita lunghissime. Più volte ha infatti interpretato creature mostruose all’interno di film come Rec, La mummia, Crimson Peak, It e Slender Man. Per indossare il trucco richiesto per il ruolo della madre, gli ci volevano circa quattro ore ogni giorno. A dar voce alla madre sono però le attrici Laura Guiteras Melina Matthews.

La spiegazione del finale del film

A fornire un primo indizio su ciò che sta accadendo in La madre, è il collegamento che il dottor Dreyfus fa di un racconto fattole da Victoria, che egli riconduce alla storia di Edith. Secoli prima, questa donna era stata mandata in manicomio e le era stato portato via il figlio. Un giorno, però, riuscì a fuggire e a recuperare il suo bambino prima di correre nel bosco. Giunta ad un dirupo, decise di saltare giù con il bambino in mano. Tuttavia, durante la discesa urta un ramo e il bambino rimane impigliato, mentre Edith annega nell’acqua sottostante.

Pertanto, lo spirito di Edith non è mai stato in grado di riposare completamente e ora vive come entità “mamma” e progetta di portare Victoria e Lily sulla stessa scogliera da cui è saltata molti anni prima. Tuttavia, Annabel ritrova il cadavere del bambino di Edith negli archivi di Dreyfus e lo porta alla scogliera prima che lo spirito possa prendere Victoria e Lily. La vista del cadavere del suo bambino fa sì che Edith riappaia e sembri placarsi. Tuttavia, le grida di Lily la portano ad attaccare e quasi uccidere Annabel e Luke prima di portare le ragazze verso la scogliera.

La madre trama film
Isabelle Nélisse in La madre. © 2013 – Universal Pictures

Annabel si batte per evitare che vadano con la mamma e, sebbene i suoi sforzi non fermino la mamma, fanno sì che Victoria scelga di restare con i suoi nuovi genitori. Lily, però, non fa la stessa scelta. Lei e la madre si gettano dunque nel precipizio e condividono un abbraccio affettuoso prima di scontrarsi con il ramo ed esplodere in un turbine di falene. Una di queste, simile a quelle che si presentavano prima e dopo la comparsa della madre, si posa sulla mano di Victoria e le fa credere che Lily sia spiritualmente accanto a lei.

La madre, dunque, affronta il tema della maternità, tanto quella dello spirito di Edith quanto quella di Annabel, che in realtà inizialmente non vuole essere madre e maturerà questo desiderio solo nel corso del film. La sua costante lotta per salvare Victoria e Lily mostra la sua volontà imperitura di proteggere quelle che ora ritiene essere sue figlie. Dal punto di vista delle due bambine, però, mentre Victoria riconosce in Annabel una possibile nuova figura materna, dopo quella biologica ormai perdura, ciò non avviene per Lily.

La più piccola, infatti, non ha ricordi di una vita precedente allo spirito madre, perché era molto giovane quando il padre l’ha portata via dalla madre biologica e questo è un motivo fondamentale per cui alla fine decide di andare con Edith. A prescindere dal legame che si è creato ultimamente con Annabel, c’è qualcosa dentro di lei che le fa vedere lo spirito come la sua vera madre ed è per questo che è disposta ad andare con lei fino in fondo, in quanto è stata educata a pensarla come tale.

La madre: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. La madre è infatti disponibile nei cataloghi di Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Rai Play, Now e Amazon Prime Video. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di venerdì 14 giugno alle ore 21:15 sul canale Italia 2.

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Insospettabile follia: dal cast al finale, tutte le curiosità sul film

Quello del revenge movie è da sempre un filone di film particolarmente popolari e acclamati, dove il protagonista di turno intraprende una spedizione punitiva nei confronti...
- Pubblicità -