L'alba del pianeta delle scimmie film

Settimo film della serie de Il pianeta delle scimmie, iniziata nel 1968, L’alba del pianeta delle scimmie è anche il primo di una nuova trilogia dedicata a tale universo narrativo. Si tratta di un vero e proprio reboot, che porta gli spettatori a scoprire le origini e le motivazioni dietro l’ascesa dei primati e la decadenza della razza umana. Acclamata per i suoi incredibili effetti speciali, comprendenti l’utilizzo di motion capture per le scimmie protagoniste, la pellicola ha poi avuto due sequel, intitolati Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie e The War – Il pianeta delle scimmie.

 

Pur narrando le origini di tutto, ed essendo dunque una pellicola grossomodo originale, il film trae alcuni dei suoi elementi dal quarto titolo della saga, 1999: conquista della terra. Regista e sceneggiatori si sono infatti ispirati a questo per dar vita all’iniziale ribellione dei primati. Nonostante i richiami, però, L’alba del pianeta delle scimmie è anche il primo film della serie dove le scimmie non vengono realizzate tramite costumi e trucco ma grazie alla tecnica della motion capture, che negli anni era diventata sempre più avanzata ed utilizzata.

Al momento della sua uscita in sala il film ha generato grande interesse, affermandosi poi come un grande successo al box office. A fronte di un budget di “soli” 93 milioni di dollari, questo è infatti stato in grado di guadagnarne oltre 481 in tutto il mondo, giustificando così la realizzazione dei successivi capitoli. Anche la critica ha particolarmente apprezzato il film, giudicato come una brillante rilettura della saga e impreziosito dall’utilizzo di superbi ed estremamente realistici effetti speciali. Gli autori di questi sono poi anche stati nominati al premio Oscar, senza però riportare la vittoria.

L’alba del pianeta delle scimmie: la trama del film

Tutto ha inizio con la cattura di tre scimpanzé nella giungla del Congo. Questi vengono poi portati all’interno dell’azienda farmaceutica Gen-Sys di San Francisco. Qui lo scenziato Will Rodman si trova ad utilizzarli come cavie per il virus ALZ-112, il quale si spera possa rivelarsi una cura efficace contro l’Alzheimer, malattia di cui è affetto anche il padre di Will. Gli effetti non sono però quelli sperati, e per limitare i danni tutti i primati vengono fatti eliminare dal cinico capo dell’azienda, Steven Jacobs. Prima che ciò avvenga, però, Will riesce a prelevare un giovane scimpanzé e a portarlo a casa propria, sperando di poter provare l’efficacia del farmaco. Alla piccola scimmia egli dà il nome di Cesare, affezionandosene subito.

Allo stesso tempo anche Cesare inizia a nutrire un legame verso Will, in cui riconosce il suo salvatore e un vero e proprio amico. Continuando a testare sul primate il farmaco, Will si accorge ben presto che l’intelligenza di questi si sviluppa in modo incredibile, raggiungendo livelli fuori dal comune. Il virus, infatti, riesce a svolgere la sua funzione, potenziando i recettori neuronali. L’unicità di Cesare diventa però presto nota, portando a conseguenze inaspettate. Vedendo in lui una possibilità di arricchirsi, Jacobs lo fa catturare e rinchiudere insieme ad altre scimmie. Questa si rivelerà però una mossa sbagliata. Cesare, infatti, inizia a nutrire un sempre maggiore odio verso la razza umana, e iniziando a sodalizzare con i suoi simili progetta una rivoluzione.

L’alba del pianeta delle scimmie: il cast del film

Protagonista assoluto del film è lo scimpanzé Cesare, che impara qui a possedere la straordinaria intelligenza che porterà il suo popolo a diventare la razza dominante. A dargli vita è naturalmente il celebre Andy Serkis, considerato un vero e proprio maestro nonché massimo esponente della motion capture. Dopo aver interpretato con tale tecnica personaggi come Gollum e King Kong, egli ha intrapreso un lungo processo di studio al fine di poter rappresentare nel modo più realistico possibile il primate. Per riuscirvi ha basato il comportamento di Cesare su quello di un vero scimpanzé, con il quale è stato a stretto contatto per diverso tempo, studiandone anche la postura e le movenze.

A dar vita all’umano Will Rodman era invece stato inizialmente contattato l’attore Tobey Maguire. Questi, però, rifiutò la parte, che venne allora offerta al suo collega nella trilogia di Spider-Man, James Franco. L’attore accettò con piacere il ruolo, dichiarandosi un grande fan della saga di fantascienza. Freida Pinto, divenuta celebre grazie a The Millionarie, interpreta invece Caroline Aranha, primatologa sentimentalmente legata a Will. L’attore John Lithgow è invece Charles, il padre di Will affetto da Alzheimer. Nei ruoli degli antagonisti si ritrovano invece altri noti attori. David Oyelowo veste i panni di Steven Jacobs, mentre Brian Cox, quelli di John Landon, manager dell’istituto farmaceutico. Tom Felton, meglio noto per essere stato Draco Malfoy nella saga di Harry Potter, è qui il crudele custode Dodge Landon.

L’alba del pianeta delle scimmie: il trailer e dove vedere il film in streaming

Per gli appassionati del film, o per chi desidera vederlo per la prima volta, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme streaming oggi disponibili. L’alba del pianeta delle scimmie è infatti presente su Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Infinity, Apple iTunes, Amazon Prime Video, e Tim Vision. Per poter usufruire del film, sarà necessario sottoscrivere un abbonamento generale o noleggiare il singolo film. In questo modo sarà poi possibile vedere il titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video, senza limiti di tempo. Il film è inoltre in programma in televisione per venerdì 16 ottobre alle ore 21:00 sul canale 20 Mediaset.

Fonte: IMdb