Subemergence film

Il regista Wim Wenders è uno dei massimi esponenti del Nuovo cinema tedesco, affermatosi a livello internazionale con capolavori come Paris, Texas e Il cielo sopra Berlino. Negli ultimi anni impegnatosi nella realizzazione di documentari quali Pina e Il sale della terra, il suo ultimo film di fiction risale al 2017 ed è intitolato Subemergence. Questo, scritto da Erin Dignam, si inserisce perfettamente nella poetica delle ultime opere del regista, da sempre votato ad una ricerca introspettiva e psicologica dell’animo umano. Con questo suo, attualmente ultimo film di fiction, Wenders si spinge dunque più in là, ricercando nuovi territori dell’animo.

Il lungometraggio non è però frutto di un’idea originale, bensì è l’adattamento dell’omonimo romanzo scritto da J. M. Ledgard nel 2013. Questo è stato acclamato come uno dei romanzi più importanti del decennio, presentando in sé una considerevole varietà di generi. La storia si alterna infatti tra una love story e una spy story, includendo anche una serie di descrizioni dell’esplorazione dell’oceano che diventano ulteriori metafore per l’animo umano. Già per questi elementi, l’opera si presentava perfetta per Wenders, che finì infatti con l’interessarsene. Presentato al Festival di Toronto, il film non ha però riscontrato il successo sperato.

Subemergence ottenne infatti scarsi risultati al box office, finendo con il passare rapidamente in secondo piano. A distanza di qualche anno, però, si tratta di un film meritevole di essere riscoperto, che svela la capacità del suo autore di dire ancora qualcosa di profondo sull’animo umano. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama e al cast di attori. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Subemergence: la trama del film

Protagonista del film è James More, un ingegnere in vacanza in un piccolo comune della Normandia. Il soggiorno per lui si anima quando, in spiaggia, incontra Danielle Flinders, una bellissima biomatematica che si occupa di studiare le profondità degli oceani. James resta immediatamente colpito da lei e nei giorni seguenti i due iniziano a frequentarsi. A lui, lei confida poi il desiderio di esplorare gli abissi del Mar Glaciale Artico per vedere cosa si cela nei suoi fondali e quali forme di vita abitino quell’ecosistema. Finito il soggiorno, invece, James deve partire per la Somalia, dove costruirà dei pozzi all’interno di un grande sistema idrico.

Almeno questo è ciò che l’uomo racconta. In realtà, egli è un agente segreto inglese incaricato di intercettare un gruppo di terroristi di provenienza islamica per traffico di ordigni in Europa. Continuando a mantenere la copertura, i due si salutano con la promessa di rincontrarsi presto e di rimanere in contatto. Danielle, tuttavia, non riceverà alcuna telefonata da lui, scoprendo poi quasi per caso la verità su James e sul fatto che la sua scomparsa è data dal suo essere stato catturato dai jihadisti ed è sottoposto a terribili torture. Per i due ha inizio un’incredibile e pericolosa avventura prima di potersi rivedere.

Subemergence cast

Subemergence: il cast e le location del film

Per il ruolo dei due protagonisti, Wenders ha scelto due attori particolarmente noti nell’attuale panorama cinematografico. Il primo di questi, presente nei panni di James More, è l’attore James McAvoy, noto per essere Charles Xavier nei film prequel degli X-Men. Nei panni di Danielle Flinders, invece, vi è l’attrice svedese premio Oscar Alicia Vikander. L’attrice è stata scelta nonostante nel libro il personaggio di Danielle è descritta come una donna con origini australiane e della Martinica, un’isola delle Antille. Nel film sono poi presenti gli attori Reda Kateb nei panni di Saif, Jannik Schumann in quelli di Paul e Alexander Siddig nel ruolo del dottor Shadid.

Oltre ad un cast internazionale, Wenders si è avvalso per il suo film anche di una serie di location esotiche particolarmente affascinanti. Oltre ad essersi svolte in varie località della Francia, della Germania e della Spagna, le riprese si sono svolte in particolare nelle isole Gibuti e Fær Øer, anche note come le Isole Faroe. Le prime appartengono allo stato africano Repubblica di Gibuti, posto all’estremità meridionale del Mar Rosso. Le Faroe, invece, sono 18 isole che formano un arcipelago situato al largo delle coste settentrionali dell’Europa, dipendenti dalla Danimarca.

Subemergence: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Subemergence è infatti disponibile nel catalogo di Chili, Tim Vision e Amazon Prime Video. Per vederlo, basterà noleggiare il singolo film, avendo così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di martedì 22 giugno alle ore 21:10 sul canale Rai Movie.

Fonte: IMDb