Sì, Chef! - La brigade film 2022
- Pubblicità -

Arriva nelle sale italiane il 7 dicembre Sì, chef! – La Brigade, diretto da Louis Julien-Petit, già autore e regista di Le invisibili. In occasione della presentazione del film, abbiamo incontrato il regista che ha risposto a domande e curiosità su questa commedia dal cuore grande e dal sapore confortante.

 
 

-In questo periodo c’è una vera e propria moda di raccontare storie ambientate in cucina, sia al cinema che nella serialità. Come mai lo spazio della cucina si presta così bene a raccontare l’uomo?

La cucina affascina perché è un microcosmo. Un luogo segreto poco accessibile al grande pubblico. Per “La Brigade”, sono rimasto affascinato da Catherine Grosjean, una cuoca che dava lezioni a minori migranti. 100/100 laureati e di successo. Un modello di integrazione là dove tutti gli altri stigmatizzano queste persone. Mi sono reso conto, durante la mia indagine, che la cucina francese era stata fatta da stranieri per anni. Volevo fare un film sulla trasmissione dell’amore per la cucina, più che sulla sua tecnica. Infatti nel film la cucina crea un legame tra Cathy e i giovani protagonisti, e lei riesce a far rivivere loro i ricordi della loro giovane vita sradicata.

-La storia parla di seconde possibilità e di imparare a conoscersi. Succede a Marie Cathy e succede anche ai ragazzi che imparano a conoscere se stessi e a sapere cosa vogliono attraverso un mestiere. Non le sembra però che nella vita sia molto difficile concedere seconde opportunità?

Non è una seconda possibilità, ma una prima possibilità. Questi giovani arrivano in Francia per iniziare a vivere, per imparare. La prima cosa che vogliono è tornare a casa e diffondere la loro conoscenza per impedire ad altri di attraversare mari e paesi. Sono degli eroi. Personalmente non l’avrei fatto: lasciare la mia casa a 10 anni… e penso che non lo faresti neanche tu.

-Il film racconta di una realtà, quella dei migranti, molto drammatica, ma invece di metterla in scena attraverso il conflitto, scelta più classica, si è preferito farlo con un linguaggio emotivo e accogliente. Come mai?

La commedia sociale è il genere che lo permette. I protagonisti di questa storia non hanno niente, quindi hanno tutto da guadagnare. Assistiamo a una lotta di personaggi ordinari a cui accade una storia straordinaria. La commedia è invitante in questo senso, il soggetto è condiviso e lascia spazio alla speranza, alla fine del film.

-Qual è la condizione degli immigrati in Francia? I giovani che chiedono i documenti vengono davvero sottoposti a visite mediche così specifiche?

Sì. Esistono le visite mediche. In Francia diamo il benvenuto all’Oceano Vichingo. Più seriamente, il film rende omaggio anche a tutti gli assistenti sociali che aiutano quotidianamente e con atti pratici affinché questi giovani possano integrarsi. È difficile togliere l’etichetta di “migranti”, ma la storia lo ha dimostrato e lo dimostrerà, con le guerre e il riscaldamento globale, migreremo tutti. Non è una storia di paesi e di confini, ma di umanità.

-Nel film ha lavorato con attori navigati come François Cluzet e Audrey Lamy, ma ha anche avuto intorno tantissimi giovani interpreti. Com’è stato gestire una tale quantità di attori giovani?

300 giovani coinvolti. 100 hanno partecipato a laboratori teatrali. Ho selezionato 50 persone che hanno iniziato il film. Non avevamo la sceneggiatura o le scene. Gli spiegavo tutto mentre procedevo. Il film è stato girato nell’ordine della sceneggiatura. Ho voluto proporre agli spettatori di assistere all’emancipazione di questi giovani.

-Nel cinema di oggi la commedia è solo evasione o, come in questo caso, può essere anche strumento per accendere una luce sulla contemporaneità e sui suoi problemi?

François Truffaut diceva che si va al cinema o per riconoscersi o per divertirsi. Vorrei fare entrambe le cose. Proporre problemi della società, cambiare il modo di vedere le cose, toccare la società civile e talvolta, quando necessario, riflettere sulla disobbedienza civile: è proibito ma è giusto. Mettere lo spettatore nella condizione di chiedersi: cosa avresti fatto al posto del personaggio?

Distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection, Sì, chef! – La Brigade è al cinema dal 7 dicembre.

- Pubblicità -