Poli Opposti

Lui tranquillo, lei sempre nervosa. Lui scende a compromessi, lei rimane ferma nelle sue idee. Lui aiuta le coppie a tornare insieme, lei le aiuta a dividersi. Due persone talmente distanti non potrebbero esistere, eppure…si attraggono! Parte con questa premessa il primo lungometraggio di Max Croci, Poli Opposti, la commedia della 01 Distribution al cinema dal’8 Ottobre, che vede come protagonisti Luca Argentero e Sarah Felberbaum insieme a Giampaolo Morelli, Anna Safroncik, Elena Di Cioccio, Grazia Schiavo e l’esordiente e bravissimo Riccardo Russo.

 
 

In Poli Opposti Stefano (Luca Argentero) è un dolce terapista di coppia, infelice del suo matrimonio con l’egoista Mariasole (Anna Safroncik) mentre Claudia (Sarah Felberbaum) è un avvocato divorzista, anche detta La Iena, madre di Luca (Riccardo Russo), ragazzino sveglio ma poco seguito. Dopo un primo incontro-scontro, Stefano e Claudia finiscono per essere vicini di casa e la guerra tra i due e il loro modi di pensare totalmente diversi si sfoga tra dispetti, ripicche e innegabile attrazione.

Poli OppostiCome ci insegnano i grandi classici della commedia sentimentale, Poli Opposti ripropone il concetto dell’importanza del romanticismo nella vita. Con giochi di regia originali (anche se a volte forzati), Max Croci omaggia più volte quel tipo di film che con il lieto fine ha fatto sognare generazioni intere e quindi non ci fa mancare la corsa sotto la pioggia, l’immancabile piedino di lei che si alza con il primo grande bacio e anche quel tocco di magia che aiuta i due protagonisti ad andare incontro al loro destino insieme.

Leggi anche Poli Opposti, Luca Argentero: “Mi piace essere l’eroe romantico”

Tutto molto ben costruito e molto all’americana, ma forse tutto troppo. C’è tanta prevedibilità nella trama, con personaggi esageratamente caricaturali tanto da essere poco credibili ma di cui sappiamo già il destino dopo le prime scene e sebbene siano tutti particolarmente centrati (in particolare Luca Argentero e Giampaolo Morelli), la Claudia di Sarah Felberbaum non convince fino in fondo, forzando troppo il suo personaggio.

Infine, le situazioni comiche che ci aspetteremmo da una commedia del genere vengono a mancare e questo fa perdere ulteriore ritmo ad una sceneggiatura già debole di suo che con un’incipit originale ci promette un film che mai vedremo.