The Old Guard
BY AIMEE SPINKS/NETFLIX.

Si intitola The Old Guard il nuovo film originale Netflix, disponibile sulla piattaforma dal 10 luglio. Basato sul fumetto in tre volumi omonimo di Greg Rucka, che firma anche la sceneggiatura, il film è diretto da Gina Prince-Bythewood, regista che si sta facendo spazio nel mondo del cinema action, e che vedremo forse al timone dei prossimi progetti SONY su Black Cat e Silver Sable.

 
 

Il film racconta di un antico corpo di guerrieri immortali, guidati da Andy, la più anziana tra loro. Sono creature speciali, che una volta morte, si risvegliano investite di questo incredibile potere, l’immortalità. Guariscono da qualsiasi ferita, sono imbattibili nello scontro corpo a corpo, sono delle macchine letali che, nel corso dei secoli, hanno aiutato l’umanità. Accanto a Andy, decennio dopo decennio, sono arrivati altri immortali: Joe e Nicky, soldati che si sono scontrati durante le Crociate, uccidendosi a vicenda, per poi scoprire, in questa nuova vita immortale, di essere anime gemelle; Booker, che ha combattuto nell’esercito di Napoleone, e lì è morto e poi rinato, osservando da lontano tutta la sua famiglia, moglie e tre figli, crescere, invecchiare e morire. Infine arriva Nile, giovane marine in Afghanistan, che dopo una missione finita con la sua gola tranciata, si risveglia viva, vegeta e senza un graffio o una cicatrice, una nuova immortale che si unisce, incredula, alla Vecchia Guardia, che intanto si trova ad affrontare un nemico inedito. Una casa farmaceutica si è messa in testa di studiarli, vivisezionarli ed estirpare dal loro DNA una panacea per tutti i mali del mondo e, forse, un elisir di lunga vita.

Il cast stellare di The Old Guard

Il primo elemento di interesse che va sottolineato nella recensione di The Old Guard è senza dubbio il cast. Inclusivo, variegato, innegabilmente bello e caratterizzato da dosi massicce di talento. La più giovane del gruppo e interprete di Nile, Kiki Layne, l’abbiamo già vista (e ce ne siamo innamorati) in Se la strada potesse parlare, di Barry Jenkins, ma qui sfodera tutta una serie di skill action inedite ed estremamente nelle sue corde. Tocca poi al fascinoso Matthias Schoenaerts, che interpreta Booker, e che alla componente action aggiunge anche quella più introspettiva del gruppo, dal momento che mette sul piatto non il dono dell’immortalità, ma la sua maledizione, ovvero la sopravvivenza a tutti coloro che gli sono stati cari e che non ci sono più. Reduce dal successo di Aladdin in live action, in cui interpreta Jafar, Marwan Kenzari è Joe, il soldato musulmano morto durante le crociate. Il suo destino, nel film, è legato a doppio filo a quello di Nicky, interpretato da Luca Marinelli. Il golden boy del cinema italiano torna qui all’azione pura, dopo la capatina nel genere con Lo chiamavano Jeeg Robot, e dimostra di essere completamente a suo agio nei panni di un soldato cristiano immortale, trapiantato ai nostri giorni e follemente innamorato del suo compagno (è il caso di dirlo) di una vita, Joe.

The Old Guard film 2020Charlize l’immortale

Chiude il gruppo la leader, Charlize Theron, che interpreta Andromaca di Scizia. Che sia la famosa principessa di Tebe andata in sposa a Ettore di Troia, non ne abbiamo certezza, sappiamo però che, dopo la prima morte, si è risvegliata immortale, e decisamente letale. L’attrice premio Oscar ha già dimostrato di essere perfettamente in grado di reggere un film d’azione, Atomica Bionda ne è la prova, ma questa volta, senza poter contare su un personaggio glamour, come quello di Lorraine, né su un look ed un abbigliamento accattivante, come nel caso di Æon Flux, o ancora su un’ambientazione postapocalittica da vera dura, come per Furiosa, Theron riduce all’essenziale la sua performance, dimostrando che il suo flessuoso corpo, allenato alla danza classica e alle movenze seducenti che l’hanno fatta conoscere al mondo (vedi spot Martini), si prestano benissimo alle coreografie acrobatiche e alle botte da orbi che tira giù in The Old Guard. Senza troppi fronzoli, la sua Andy è un personaggio solido, duro, molto severo, sofferente, forse l’elemento più interessante del film, specialmente quando “mena”.

Nonostante questo cast incredibile e una buona dose di azione pura e divertente, The Old Guard mostra il suo limite nella sua natura seriale. È l’adattamento del primo capitolo di una trilogia, ed è scritto come tale, non ha quindi un’autonomia narrativa e lascia aperte troppe strade, accenna troppi personaggi, propone pigramente troppi flashback, abbozza tutta la storia, senza approfondire nessuno degli argomenti toccati, sperando forse in un sequel che non sappiamo se sia ufficiale o meno. Questa mancanza di solidità nella struttura della storia mina tutta la resa del film, che si riduce, appunto, ad una serie di scene d’azione divertenti e nulla più.