Quando Peter Morgan cominciò a stendere la sceneggiatura di Rush, l’ex pilota di Formula 1 Niki Lauda ebbe soltanto due richieste: non farlo sembrare gay e portarlo a vincere un Oscar.

 

Il risultato del lavoro di Morgan, il celebre film di Ron Howard basato sugli avvenimenti del mondiale di Formula 1 del 1976, pare aver esaudito il primo desiderio dell’ex campione della Ferrari: il “Niki Lauda” del film, infatti, non si risparmia nel celebre duello con James Hunt, una battaglia epica che ha lasciato un ricordo indelebile nella testa dei fans e non solo. Per quanto riguarda la seconda richiesta, bè il film è stato accompagnato da numerose standing ovations nelle sue proiezioni, compresa una serata di gala al Toronto International Film Festival, evento a cui ha partecipato lo stesso ex pilota.

“Valeva la pena di venire” afferma Lauda “Sono arrivato appena in tempo per la scena finale e sono tornato a Vienna alle 6 del mattino seguente. E’ stato davvero fantastico”.

Vi ricordiamo che potete vedere le nostre interviste ai protagonisti Ron HowardChris HemsworthDaniel Bruhl. Nel cast di Rush insieme a Chris Hemsworth e Daniel Brühl anche Alexandra Maria Lara, Christian McKay, James Michael Rankin, Jensen Freeman, Natalie Dormer e, nel ruolo della moglie di Hunt, Olivia Wilde.

Ecco la trama del film: Il racconto di una delle più celebri rivalità sportive della storia, quella tra i piloti di Formula 1 James Hunt e Niki Lauda. Nato da un ambiente privelgiato, carismatico e affascinante, Hunt non poteva essere più diverso dal metodico e riservato Lauda: la loro rivalità nacque fin dai tempi della Formual 3 e continuò per anni, fermata nemmeno dal terribile incidente che vide protagonista Lauda nel 1976 al Nürburgring. Il film nasce da un soggetto di Peter Morgan, autore anche della sceneggiatura, ed è prodotto da Ron Howard stesso con la sua Imagine Brian Grazer, insieme a Brian Oliver della Cross Creek e Tim Bevan e Eric Fellner della Working Title.