joker
- Pubblicità -

Sebbene Todd Phillips abbia già negato qualsiasi legame con l’universo cinematografico DC ed escluso ogni possibilità di un futuro incontro con altri personaggi, il film sulle “origini” di Joker conserva un legame importante con il fumetto e in particolare con il rapporto del clown principe del crimine e la famiglia Wayne. Batman è quindi una parte importante della storia, e proprio la sua influenza ha permesso al regista di raggiungere il perfetto equilibrio tra originalità e rispetto della fonte.

- Pubblicità -

A parlarne è lo stesso Phillips in un’intervista con Comicbook, spiegando che alcuni collegamenti con il crociato di Gotham sono stati tagliati in sala di montaggio:

Probabilmente c’era molto più Batman nei tagli precedenti, sicuramente avevamo qualcosa in più ma è comunque divertente il modo in cui siamo riusciti a mantenere un piede nel mondo dei fumetti e un piede nella nostra realtà. L’equilibrio ci ha permesso di realizzare un film libero, grazie alla Warner e alla DC che ci hanno lasciato fare tutto quello che volevamo. Non dovevamo menzionare la Batmobile o altro, e questo è stato grandioso“.

Correlato – Joker: Joaquin Phoenix abbandona un’intervista dopo una domanda scomoda

Vi ricordiamo che Joker vede nel cast anche Zazie BeetzFrances ConroyBrett CullenDante Pereira-OlsonDouglas Hodge e Josh Pais e che arriverà nelle sale il 4 ottobre 2019, come ufficializzato nelle ultime settimane dalla Warner Bros.

Contrariamente alle altre apparizioni del personaggio nei Batman di Tim Burton, nella trilogia del Cavaliero Oscuro di Christopher Nolan e in Suicide SquadJoker sarà ambientato negli anni Ottanta e racconterà l’evoluzione di un uomo ordinario e la sua trasformazione nel criminale che tutti conosciamo.

Ho amato il Joker di The Dark Knight, e anche quello di Jared Leto di Sucide Squad che è venuto dopo, così come il ritratto di Jack Nicholson“, ha dichiarato Phillips parlando dei possibili riferimenti alle vecchie versioni del clown principe del crimine e dell’eredità che il suo Joker si porta dietro. “Negli Stati Uniti, i fumetti sono il nostro Shakespeare, e come esistono varie versioni dell’Amleto, così noi potremmo offrire varie versioni di Joker in futuro.” “Onestamente non riusciamo ancora a credere alla vittoria di Venezia. Ci vorrà del tempo per realizzare“, ha commentato il regista nell’intervista con Variety.

Leggi la recensione di Joker

Fonte: Comicbook

- Pubblicità -