Ryan Reynolds prende in giro la CGI ai baffi di Henry Cavill in Justice League

842

L’ultimo a prendersi gioco dei baffi di Henry Cavill, digitalmente rimossi dopo i reshoot di Justice League, è Ryan Reynolds in una clip promozionale di Aviation Gin pubblicata sul suo profilo twitter ufficiale. Ovviamente il riferimento è stato subito colto dai fan che hanno iniziato a scherzare sotto il post con immagini dell’attore.

Vi ricordiamo che la coincidenza tra le riprese di Mission Impossibile: Fallout e le riprese aggiuntive di Justice League aveva creato non pochi problemi alla Warner Bros., obbligata dalla Paramount a non “intervenire” sui baffi di Cavill e a rimuoverli grazie alla tecnologia Risultato? Una CGI grossolana che non rende giustizia all’attore e un’inevitabile ondata di commenti negativi e altri goliardici da parte del popolo del web.

Ero rimasto un po ‘sorpreso” aveva dichiarato Cavill in un’intervista, “perché quando abbiamo deciso di tenere i baffi non mi aspettavo certo che tutti gli eventi si svolgessero in quel modo. E di certo non mi aspettavo che i reshoot di Justice League fossero così costosi…”

Qui sotto potete dare uno sguardo alla simpatica clip con Reynolds.

Justice League: un fan toglie i baffi a Henry Cavill e fa meglio dei VFX

Tempo fa Christopher McQuarrie, regista di Mission Impossible Fallout, aveva fatto chiarezza e messo finalmente un punto definitivo sulla questione spiegando che “Quando è arrivata la richiesta da parte della Warner Bros. per il reshoot di Justice League, Charles Roven mi ha chiamato e ha detto: “Abbiamo bisogno del tuo aiuto e dobbiamo radere i baffi di Henry [Cavill] per queste riprese. Gli risposi che naturalmente avrei fatto tutto il possibile per aiutarli, ma che dovevo anche pensare al nostro film.”

“Così cercai di parlare con tutti e capire quale sarebbe la programmazione […] La soluzione sarebbe stata far ricrescere i baffi di Henry e poi riempire digitalmente ciò che mancava, però dei baffi finti in primo piano su un obiettivo da 75mm sembreranno sempre un paio di baffi finti […] Successivamente abbiamo offerto il nostro compromesso, calcolando i soldi necessari per questa operazione, e si aggiravano intorno ai 3 milioni di dollari per gli effetti visivi. Ecco quanto sarebbe costato aggiungere digitalmente i baffi di Henry Cavill, quindi abbiamo detto di sì alla proposta della Warner. A quel punto la Paramount Pictures è entrata in scena e si è categoricamente rifiutata.