Daisy Ridley

Daisy Ridley è diventata il nuovo volto del franchise di Star Wars dopo aver ricoperto il ruolo di Rey nella trilogia sequel. Eppure, in seguito all’uscita de L’Ascesa di Skywalker nelle sale, l’attrice ha rivelato che non è stato facile per lei trovare dei nuovi progetti a cui prendere parte.

 
 

In una recente intervista con Entertainment Weekly, l’attrice ha infatti spiegato che, ancora prima del lockdown che ha messo in ginocchio l’industria cinematografica mondiale, quindi nel periodo immediatamente successivo alla fine della saga degli Skywalker, nulla stava succedendo nella sua carriera professionale.

“È stato molto triste chiudere con Star Wars”, ha spiegato l’attrice alla celebre rivista. “Quando il film è uscito, non facevo altro che esclamare: ‘Oh mio Dio’. È stato un capitolo davvero importante per la saga. Stranamente, nei mesi a venire non ho ricevuto molte offerte di lavoro. Naturalmente, ora come ora, è davvero bello poter lavorare, ma non aver avuto molto all’epoca mi ha spinto ad elaborare troppo gli ultimi cinque anni.”

“Essere costretta a rallentare, è stato in parte un bene per la mia salute mentale, perché Star Wars ha davvero stravolto la mia vita”, ha continuato l’attrice. “Stranamente, però, all’inizio dell’inizio non ho ricevuto davvero nessuna chiamata o proposta. Continuavo a pensare: ‘Nessuno vuole assumermi!’. Effettivamente, all’inizio dell’anno ho sostenuto davvero un sacco di provini, e non sono riuscita ad ottenere neanche una parte.”

Daisy Ridley come Hayden Christensen?

E se il successo di Star Wars avesse “danneggiato” la carriera di Daisy Ridley come già accaduto in passato, ad esempio, ad Hayden Christensen? Ovviamente è troppo presto per dirlo. Sperando che le cose per la giovane attrice possano cambiare, ricordiamo che il prossimo anno la vedremo in Chaos Walking, il nuovo sci-fi di Doug Liman in cui reciterà al fianco di Tom Holland.