La moglie di Frankenstein

Il film La Sposa di Frankenstein appartenente al Dark Universe della Universal è ancora in fase di sviluppo. Ricordiamo che lo Studio Universal è uno dei più antichi di Hollywood, ancora in attività, e che sin dai suoi primi giorni ha avuto grande successo di pubblico con i film che portavano al cinema i grandi mostri della letteratura, tanto che sono diventati un suo vero e proprio marchio.

 

A partire dagli anni ’20 e mantenendo lo slancio fino agli anni ’50, la Universal ha sfruttato con grande felicità degli spettatori e delle tasche degli investitori, le figure di Dracula, Frankenstein e l’Uomo Invisible (solo per citarne alcuni) e questo lavoro ha anche posto le basi per i film di mostri in tutto il mondo. I Toho Studios del Giappone hanno sviluppato Godzilla, la Hammer Film Productions inglese ha rilasciato titoli come Revenge of Frankenstein e The Abominable Snowman. I film sui mostri erano un grande affare e, negli ultimi anni, la Universal ha deciso di voler esplorare ancora una volta quei titoli originali.

Sfortunatamente, The Dark Universe – un universo condiviso che racchiudeva tutti questi mostri – si è aperto e chiuso con l’insuccesso de La Mummia, con Tom Cruise. I creativi della Universal nel progetto, Alex Kurtzman e Chris Morgan si sono allontanati subito dopo che il film non ha registrato il successo sperato. Alla fine, la Universal ha deciso di abbandonare tranquillamente il suo concetto di Dark Universe a favore del riavvio autonomo per ogni mostro, il che ha già portato ad un ottimo prodotto, L’uomo invisibile con Elizabeth Moss.

David Koepp ha riscritto la sceneggiatura de La Sposa di Frankenstein

In altre parole, il Dark Universe può anche essere morto, ma l’impegno di Universal nel riportare sullo schermo i mostri classici per una nuova generazione potrebbe non esserlo. Ciò è stato ulteriormente sottolineato recentemente da una conversazione che Collider ha avuto con l’acclamato sceneggiatore David Koepp. Durante l’intervista, Koepp ha rivelato di aver ha deciso di rivisitare la sua sceneggiatura per La sposa di Frankenstein, mentre il progetto è andato in pausa a causa del COVID-19. Koepp ha affermato di essere stato in grado di trasformare la sceneggiatura in ciò che aveva sempre desiderato e attribuisce il merito di aver avuto questa possibilità alla Universal, che è stata così gentile da permettergli di “riprovare” a riscrivere una storia su cui molte persone si sono avvicendate:

“Ora ho una versione nuova, una versione che a loro piace molto. Penso che al momento stiano parlando con i registi (…) Non tutte le idee funzionano ma è merito loro. Ciò che ho davvero ammirato della Universal è che hanno durante lo sviluppo hanno avuto la lucidità di alzare le mani e dirmi: “Aspetta. Questa cosa non sta funzionando. Fermiamoci a pensare a dei progetti per un anno o due.” Ho pensato che fosse davvero una scelta intelligente. E le grandi aziende oggigiorno non lo fanno spesso. Non ci sono molti momenti in cui vanno le grandi aziende capiscono subito che il loro progetto non sta funzionando, si fermano e ripartono dall’inizio.”