Ant-Man and The Wasp

A quanto pare, gli amici e i conoscenti di Paul Rudd lo hanno preso in giro quando hanno scoperto che l’attore era stato scelto per interpretare Ant-Man nel MCU. Dopo il debutto nel film omonimo del 2015 diretto da Peyton Reed, l’attore è tornato nei panni del personaggio in altri tre titoli dell’universo condiviso: Captain America: Civil War, Ant-Man & the Wasp e il campione d’incassi Avengers: Endgame

 

Adesso, ci si aspetta che Ant-Man sarà uno degli eroi della seconda generazione a portare avanti il team, dal momento che gli archi narrativi di alcuni dei Vendicatori originali si sono ufficialmente conclusi. Tuttavia, l’attore ha spiegato che inizialmente è stato preso in giro quando ha comunicato che i Marvel Studios lo avevano ufficialmente ingaggiato per il ruolo di Scott Lang.

Mentre i fan attendono di sapere cosa il MCU ha in serbo per il futuro di Ant-Man, Paul Rudd ha parlato del ruolo in una recente conversazione con il collega Chris Evans avvenuta durante il celebre format “Actors on Actors at Home” di Variety. L’attore ha spiegato che, dopo aver saputo del casting, non solo la gente lo prendeva in giro, ma pensavano anche che non si trattasse di un superoere dai poteri così straordinari. Ciononostante, Rudd ha sempre preso il ruolo molto seriamente, appunto perché conosceva la ricca storia del personaggio nei fumetti.

Paul Rudd su Ant-Man: “Volevo creare un personaggio… un supereroe che fosse anche una persona normale.”

“Dicevo: ‘Ho ottenuto la parte. Interpreterò Ant-Man’, e le persone mi dicevano: ‘Che cosa fa Ant-Man?’. E allora io rispondevo: ‘Ha la capacità di ridursi alle dimensioni di una formica mantenendo comunque la sua forza… ma può anche controllare le formiche, parlare con le formiche’. E le persone ridevano mentre lo spiegavo”, ha spiegato l’attore.

“Non sono esattamente il primo nome a cui la gente pensa quando si tratta di interpretare un grande supereroe. Volevo provarci. Volevo creare un personaggio… un supereroe che fosse anche una persona normale. L’intero mondo de supereroi mi sembrava così opprimente. Tutto si riduceva a: ‘Che cosa fa questo personaggio?’. Io volevo che fosse riconoscibile.”

L’attore ha poi concluso dicendo: “Questi personaggi sono importanti per molte persone e l’unica cosa che vuoi è trattarli con rispetto e rendere giustizia. E certamente, il personaggio – quando è stato creato da Jack Kirby e Stan Lee e da tutti alla Marvel – era in circolazione da un po’.”

Ricordiamo che Paul Rudd tornerà a vestire i panni di Scott Lang in Ant-Man 3, che sarà diretto ancora una volta da Peyton Redd. Oltre a tornare nei panni del protagonista, Rudd collaborerà anche alla sceneggiatura del film insieme a Jeff Loveness (Rick and Morty). Al momento il film non ha ancora una data di uscita.