Harrison Ford Indiana Jones
- Pubblicità -

La presidente della Lucasfilm, Kathleen Kennedy, spiega perché Indiana Jones 5 potrebbe essere l’ultimo film del franchise poco dopo la conclusione delle riprese.

- Pubblicità -

Durante un incontro con Vanity Fair in merito all’universo in continua espansione di Star Wars, il presidente della Lucasfilm Kathleen Kennedy ha guardato al futuro del franchise di Indiana Jones. Riflettendo sul fallimento al botteghino di Solo: A Star Wars Story, la dirigente dello studio ha ritenuto che fare il film senza Harrison Ford fosse una parte importante del flop e ha lasciato intendere che Indiana Jones 5 potrebbe essere l’ultimo film del franchise di avventura perché di quella.

“Dovrebbero esserci dei momenti lungo la strada in cui impari le cose. Potrebbe essere stato sicuramente un momento di apprendimento. Alcune persone hanno parlato di come, beh, forse Solo avrebbe dovuto essere uno show televisivo. Ma anche fare Solo come un programma televisivo senza Harrison Ford nei panni di Han Solo… è lo stesso pensiero. Forse avrei dovuto riconoscerlo prima. Non avremmo mai fatto Indiana Jones senza Harrison Ford. Avendo appena finito il quinto film, posso dirtelo, non c’è stato un giorno in cui io non fossi sul set e pensavo, sì, questo è Indiana Jones”.

La presenza di Harrison Ford è quindi fondamentale per il franchise, così come lo era per il personaggio di Han Solo, e così, data l’età e la ovvia difficoltà a recitare in ruoli action, è plausibile che questo quinto capitolo sarà l’ultimo di Indiana Jones.

Cosa sappiamo di Indiana Jones 5

James Mangold (Logan – The Wolverine) sarà il regista di Indiana Jones 5 al posto di Steven Spielberg, che invece aveva diretto tutti gli altri capitoli precedenti della saga. A bordo del progetto torna invece John Williams, già compositore dell’iconica colonna sonora che accompagna il personaggio da 40 anni. Nel cast, oltre a Harrison Ford, ci sarà anche Phoebe Waller-Bridge. Le riprese dovrebbe partire in primavera.

Prima dell’ingaggio di Mangold, la sceneggiatura era stata affidata a David Koepp,  he ha poi lasciato il progetto insieme a Spielberg. Prima di Koepp, anche Jonathan Kasdan (figlio dello sceneggiatore de I predatori dell’arca perduta, Lawrence Kasdan) aveva messo le mani sullo script. L’uscita nelle sale del film è già stata posticipata diverse volte: inizialmente previsto per il 19 Luglio 2019, il film è stato rinviato prima al 10 Luglio 2020, poi al 9 Luglio 2021 e infine al 29 Luglio 2022. L’ultima data d’uscita utile del film è il 30 giugno 2023.

- Pubblicità -