Armie Hammer afferma di aver “contemplato il suicidio dopo l’accusa di stupro”

L'attore ha parlato per la prima volta, due anni dopo essere stato accusato di aver abusato sessualmente ed emotivamente di più donne

-

Due anni dopo aver affrontato una serie di accuse di abusi sessuali che hanno posto fine alla sua carriera di star del cinema, Armie Hammer sta tentando di raccontare la sua versione della storia. In una nuova intervista, ha ammesso di aver contemplato il suicidio dopo la sua caduta e afferma di essere stato abusato sessualmente da un giovane pastore a 13 anni. Hammer – che è stato oggetto di un’indagine della polizia di Los Angeles dopo essere stato accusato di stupro – nega ogni illecito criminale, ma ammette di essere stato emotivamente offensivo nei confronti degli ex partner che aveva incontrato su Internet.

L’attore, che è stato accusato di aver professato il feticismo per il cannibalismo, ora afferma che il suo interesse per il BDSM ha origine traumatiche, probabilmente emerso dopo essere stato abuso sessuale dal suo giovane pastore quando aveva 13 anni. “Quello che ha fatto per me è stato introdurre la sessualità nella mia vita in un modo che era completamente fuori dal mio controllo”, dice Armie Hammer. “Ero impotente nella situazione. Non avevo alcuna agenzia nella situazione. La sessualità mi è stata presentata in un modo spaventoso in cui non avevo alcun controllo. I miei interessi poi sono andati a: voglio avere il controllo della situazione, sessualmente.”

Parlando con la newsletter digitale Air Mail , Hammer racconta per la prima volta la sua versione della storia. Air Mail riferisce che Armie Hammer ha raccontato a due persone dei suoi abusi infantili e la pubblicazione afferma di aver verificato la cosa con alcuni familiari dell’attore. Hammer è stato accusato nel 2021 di abusi sessuali e comportamento improprio da parte di numerose donne, le cui affermazioni sono aumentate vertiginosamente sui social media e hanno messo l’attore di “The Social Network” al centro di una tempesta mediatica. Sulla scia dello scandalo, Hammer è stato abbandonato dalla sua agenzia, WME, ed è stato licenziato da una pletora di progetti, tra cui “Un matrimonio esplosivo” di Jennifer Lopez. Negli ultimi due anni, l’attore ha lavorato come venditore di multiproprietà alle Isole Cayman e ha trascorso del tempo in una struttura di recupero. L’anno scorso, una docuserie Discovery +, House of Hammer“, ha raccontato la caduta di Hammer con una manciata di suoi accusatori che si sono fatti avanti pubblicamente davanti alla telecamera.

Hammer rivela di aver contemplato il suicidio mentre la sua vita si stava sgretolando. “Sono appena uscito nell’oceano e ho nuotato il più lontano possibile e speravo di annegare, o di essere colpito da una barca o mangiato da uno squalo“, dice Hammer a Air Mail, ricordando un periodo alle Cayman. “Poi ho capito che i miei figli erano ancora a terra e che non potevo farlo ai miei figli“. Armie Hammer è stato sposato con la conduttrice televisiva Elizabeth Chambers per 10 anni e hanno annunciato la loro separazione prima che le accuse venissero mosse contro Hammer. La coppia condivide due figli piccoli.

Nella sua nuova intervista, Hammer entra nei dettagli discutendo alcune delle accuse contro di lui, minando la natura delle accuse e dipingendo un quadro molto diverso da quello esposto dai suoi accusatori. L’accusa più schiacciante contro Hammer è stata quella di una donna, conosciuta come Effie, che lo ha accusato di averla violentata violentemente, il che ha portato alle indagini della polizia di Los Angeles. Effie è la donna dietro l’account Instagram “House of Effie“, che per primo ha rivelato accuse scioccanti contro Armie Hammer, ottenendo un’attenzione diffusa all’inizio del 2021.

Hammer commenta i suoi rapporti con le accusatrici Courtney Vucekovich e Paige Lorenze, riconoscendo che “le dinamiche di potere erano sbagliate” e ammettendo “un milione per cento” di essere stato emotivamente violento nei confronti di entrambe le donne. “Vorrei queste donne più giovani tra i 20 e i 30 anni. All’epoca ero un attore di successo. Avrebbero potuto essere felici di stare solo con me e avrebbero detto di sì a cose a cui forse non avrebbero detto di sì in altre circostanze”, dice Hammer. “Questo è uno squilibrio di potere nella situazione.”

Nell’intervista, Hammer nega l’illecito criminale e riduce il suo comportamento e le successive accuse all’essere “uno stronzo“. “Sono qui per riconoscere i miei errori, assumermi la responsabilità del fatto che ero uno stronzo, che ero egoista, che ho usato le persone per farmi sentire meglio e, quando ho finito, sono andato avanti“, dice Hammer. “Ora sono una persona più sana, più felice, più equilibrata. Sono in grado di essere lì per i miei figli in un modo in cui non lo sono mai stato… Sono davvero grato per la mia vita, la mia guarigione e tutto il resto. Non tornerei indietro se potessi cancellare tutto quello che mi è successo.

L’attore di “Chiamami col tuo nome” afferma di essere migliorato durante la sua guarigione e ora sta lavorando come con un compagno sobrio di un collega tossicodipendente uscito dalla riabilitazione. “Mi trasferirò da lui e vivrò con lui, gli farò seguire una sana routine, lo inserirò in un buon programma di riunioni [di recupero], lo porterò in palestra, cucinerò cibo sano per lui“, dice Hammer di lavorando come un compagno sobrio. “Sembra che la mia guarigione abbia preso una svolta da me che ho bisogno di aiuto per rimanere sobrio, a me che sono in grado di aiutare gli altri.

Hammer conferma anche alcune notizie diffuse secondo cui ha trovato un amico in Robert Downey Jr., che lo ha sostenuto durante la sua caduta e il periodo di riabilitazione. Secondo quanto riferito in precedenza che l’attore di “Iron Man” ha pagato per il suo trattamento e gli ha fornito ulteriore assistenza finanziaria e un posto dove stare per aiutarlo a rimettersi in piedi. “Ci sono esempi ovunque, Robert [Downey Jr.] è uno di loro, di persone che hanno attraversato queste cose e hanno trovato la redenzione attraverso un nuovo percorso. E questo, credo, è ciò che manca in questa cultura dell’annullamento e del risveglio della folla “, afferma Hammer. “Nel momento in cui qualcuno fa qualcosa di sbagliato, viene buttato via. Non c’è possibilità di riabilitazione“. Continua: “Quando gettano qualcuno come me sul fuoco per proteggersi… non fanno altro che aumentare il fuoco. E quel fuoco ora è fuori controllo e brucerà tutti”.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Insospettabile follia: dal cast al finale, tutte le curiosità sul film

Quello del revenge movie è da sempre un filone di film particolarmente popolari e acclamati, dove il protagonista di turno intraprende una spedizione punitiva nei confronti...
- Pubblicità -