George Lucas condivide i suoi pensieri sui sequel Disney di Star Wars, dice che non ha rimpianti sulle sue riedizioni

-

Nonostante abbia dato vita a Star Wars, una delle saghe più grandi e amate della storia, George Lucas ha un rapporto complicato con i fan del franchise. Che si tratti dei prequel considerati deludenti dai devoti della trilogia originale o del fatto che abbia apportato cambiamenti radicali a quei film classici con varie riedizioni, Lucas si è scontrato a lungo con gli ammiratori del suo lavoro.

La nuova tecnologia lo ha visto apportare spesso modifiche radicali a Una nuova speranza, L’Impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi. I cambiamenti retroattivi apportati grazie alle nuove tecnologie sono stati tantissimi e spaziano dagli Ewok lampeggianti a una battaglia sulla Morte Nera ampiamente revisionata, e persino Darth Vader che urlava “Noooo!” mentre getta l’imperatore Palpatine verso la sua morte -temporanea – fino a Hayden Christensen inserito nella scena finale dell’episodio VI.

Forse il problema più grande, però, era il fatto che le versioni originali di Star Wars sono ormai quasi impossibili da trovare.

In occasione della sua presenza al Festival di Cannes, dove gli è stata assegnata la Palma d’Oro alla carriera, George Lucas ha difeso la sua decisione di tornare indietro e “ripulire” i film originali. “Sono fermamente convinto che il regista, o lo scrittore, o il cineasta dovrebbero avere il diritto di avere il loro film come lo vogliono”, ha detto, chiarendo che non approverebbe mai una rimasterizzazione in 4K di le Guerre Stellari del 1977.

“Abbiamo pubblicato l’originale su laserdisc e tutti si sono arrabbiati davvero, hanno detto: ‘Sembra terribile.’ E io ho detto: ‘Sì, lo so'”, ha aggiunto Lucas. “Questo è quello che sembrava.” Il regista ha parlato brevemente dei nuovi sequel di Star Wars e ha lasciato intendere che la Disney ha commesso alcuni gravi errori.

“Ero quello che sapeva davvero cosa fosse Star Wars… che conosceva davvero questo mondo, perché c’è molto da dire,” ha spiegato. “La Forza, per esempio, nessuno la capiva. Quando hanno avviate altre storie dopo che ho venduto l’azienda, molte delle idee che erano nell’originale sono andate perdute. Ma è così che stanno le cose.” “Sono un ragazzo testardo e non volevo che la gente mi dicesse come realizzare i miei film”, ha concluso Lucas quando gli è stato chiesto quale fosse il segreto del suo successo.

George Lucas al Festival di Cannes. Foto di Luigi De Pompeis © Cinefilos.it

Il fondatore della Lucasfilm ha sempre scelto con attenzione le sue parole quando si tratta dell’approccio della Disney a Star Wars, anche se molte persone hanno problemi simili con le storie che abbiamo visto nei cinema e su Disney+. La Casa di Topolino, tuttavia, ha reso il franchise più grande di quanto non fosse stato da molto tempo.

Dopotutto, quando Lucas vendette lo studio, non c’erano piani precisi per un’altra trilogia, non era ancora riuscito a far decollare la serie live-action Underworld e apparentemente aveva poco interesse a tornare in una Galassia Molto, Molto Lontana. Se il passaggio da Lucas e Disney della Lucasfilm abbia fatto bene al franchise di Star Wars, sembra ancora troppo presto per dirlo.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -