Kevin Costner ha girato Horizon nella metà del tempo necessario a girare Balla coi lupi

-

Kevin Costner ha da tempo dichiarato che la sua prossima serie di film Horizon: An American Saga (la nostra recensione) era per lui il più profondo progetto di passione che potesse esistere, quindi le notizie provenienti dl Festival di Cannes che acclamano il film come un’epopea western nel senso più ampio del termine sono del tutto fondate. L’attore, regista e co-sceneggiatore non solo ha riversato il suo tempo, la sua visione e la sua ambizione nella serie di film, ma ne ha anche finanziato gran parte, assicurandosi che il suo sogno diventasse il più vicino possibile a ciò che aveva immaginato.

Durante una conversazione con Steve Weintraub di Collider prima dell’anteprima del film a Cannes, Kevin Costner ha raccontato come, per realizzare Horizon, non solo gli effetti pratici dovevano essere il più grandiosi e audaci possibile, ma anche che il cast e la troupe dovevano essere preparati a una sfida che molti di loro non avevano mai affrontato prima sul set di un film.

Ha spiegato come è stato girare una sequenza con il fuoco vero: “È difficile. Ha iniziato a fare freddo proprio in quel periodo. Non aveva superato i 100° e quando abbiamo girato quella scena l’acqua era gelata. Dovevamo avere una cisterna in caso di incendio, ma l’acqua si congelava nella cisterna e non potevamo spegnere il fuoco. Quindi, era improbabile che avremmo bruciato qualcosa, tanto per cominciare. Ma quando sei là fuori nel [mondo] reale, stiamo girando un documentario di sei ore sulla realizzazione di questi quattro film, e ci troviamo in mezzo a tempeste di vento. Siamo sotto i monsoni e cerchiamo di fare un film. Siamo là fuori con i nostri picconi a cercare di togliere la neve per fare una scena perché non c’è neve. Ho girato Balla coi lupi in 106 giorni; questo film l’abbiamo girato in 52 giorni. È probabilmente più grande di Balla coi lupi”.

Da “Balla coi lupi” a “Horizon”, Kevin Costner non ne ha mai abbastanza del selvaggio West

Quando è stato annunciato che il prossimo grande progetto di Costner, che avrebbe fatto seguito alla sua lunga partecipazione all’amata serie televisiva Yellowstone di Taylor Sheridan, sarebbe stato un franchise di film western, nessuno si è sentito esattamente in colpa. L’uomo ha un’affinità con i tempi dei cowboy, dei fuorilegge e della battaglia per il West, come si evince dai progetti che hanno costellato la sua decennale carriera. Naturalmente, a molti di noi è tornato in mente il primo film dell’attore, Balla coi lupi, del 1990. La prima parte di Horizon arriva nei cinema il 28 giugno e la seconda parte il 16 agosto.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -