Zack Snyder, regista di L’Uomo d’Acciaio, afferma che Superman sarebbe stato “falso” se non avesse ucciso Zod

-

L’Uomo d’Acciaio era il film ricco d’azione che molti fan desideravano, ma l’atto finale si è rivelato estremamente controverso. Sopraffatta dal generale Zod, Metropolis è ridotta a una montagna di macerie, con l’eroe incapace di salvare migliaia di innocenti. Tuttavia, quando arriva il momento di salvare una famiglia che sta per essere annientata dalla vista a raggi X di Zod, Superman decide che l’unico modo per riuscirci era spezzare il collo del cattivo, uccidendolo sul colpo.

Zack Snyder ha ribadito la sua convinzione che non solo Superman non avesse altra scelta, ma che abbia anche fatto la cosa giusta imponendo una giustizia letale al suo compagno alieno. “Non si sarebbe fermato, non aveva intenzione di negoziare una tregue, quindi o Zod o noi”, spiega il regista. “E questo era più o meno il gioco. Non c’era una via di mezzo. Zod diceva che avrebbe combattuto fino a quando lui non lo avesse ucciso o viceversa, questo è il gioco, non c’è mai stato niente di simile e mi chiedevano perché avrei dovuto mettere Superman in quella posizione?”.

“Io penso, ‘Beh, se Superman non riesce a gestire quella posizione allora è falso, quindi non deve piacerti, deve affrontare gli scenari che gli si presentano, e scegliere quando qualcosa è al di fuori della sua moralità.'”

Per quello che vale, l’attore di Zod Michael Shannon è d’accordo con la versione di Snyder. L’anno scorso, la star di The Flash disse: “No, non pensavo ci fosse un altro modo per finire, davvero. Voglio dire, Zod dice che o io o te. Non ti lascerò sopravvivere. Ti ucciderò, a meno che tu non uccida me. E questo mi sembrava abbastanza tragico, sai?”

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

ALTRE STORIE

- Pubblicità -