ATTENZIONE, l’articolo contiene SPOILER su Avengers: Infinity War, al cinema dal 25 aprile.

Avengers: Infinity War

Cosa si nasconde dietro le due ore e trenta minuti del film numero 19 del Marvel Cinematic Universe? Ecco di seguito ben 40 Easter Eggs, tra cameo e riferimenti nascosti, che forse non avete colto in Avengers: Infinity War. Per ragioni di fruibilità, questa sarà solo la Parte 1 (qui la Parte 2) dell’elenco che potete cominciare a consultare di seguito:

  • LEGGI ANCHE – Avengers: Infinity War, la recensione

10L’originale costume di Cap

I fan sono stati in grado di prepararsi per la delusione fin dall’inizio, con Captain America: Il primo Vendicatore che conferma che la classica armatura in scala di Steve Rogers non era davvero adatta per l’adattamento al cinema. Anche così, il costume ufficiale di Cap è stato aggiornato più volte nel corso degli anni, prima che la sua armatura in Age of Ultron diventasse un nuovo standard per la sua uniforme di Vendicatore. Gli eventi di Civil War, hanno avuto come conseguenza, sul costume, la rimozione dei simboli degli Avengers. E in Infinity War anche i dettagli rossi e la stella splendente sul suo petto sono stati offuscati (rispecchiando il suo passaggio all’ombra).

Ma i registi hanno fatto in modo di rendere omaggio ai fumetti come mai prima d’ora. Dopo che Steve ha subito qualche danno dalla miriade di nemici che si allineano contro di lui, il tessuto della sua tuta si sfalda rivelando cosa c’è sotto. Potrebbe essere facilmente sfuggito, ma a tener bene gli occhi aperti, si notano le scaglie del costume classico dei fumetti.

Star Lord AKA Flash Gordon

I fan della Marvel si sono resi conto di quello che si stava cercando di fare con il team di Infinity War quando il trailer ha mostrato Star-Lord e Tony Stark che dovevano mettere insieme un piano d’attacco. Inutile dire che Stark non era affatto contento di lavorare con qualcuno come Peter Quill. La loro collaborazione non parte esattamente con il piede giusto, ma il miglior “meta” di Tony nei confronti di Quill è quando si riferisce a lui in modo licenzioso chiamandolo “Flash Gordon”.

La maggior parte degli appassionati di fantascienza avrà sentito parlare di Flash Gordon. Ma quello che forse non sanno è che questo eroe è stato inconsapevolmente spinto lontano dalla Terra in uno spazio sconosciuto, e lasciato lì per abbattere un malvagio despota alieno – a quel punto non gli è stata lasciata la possibilità di tornare a casa.

Dal momento che Flash Gordon è uscito nel 1980, è anche probabile che Peter abbia, in effetti, capito tale riferimento.

Indietro