Loki stagione 2: spiegazione del finale del sesto e ultimo episodio

L'ultimo episodio della seconda stagione di Loki ha davvero posto le basi per il futuro del MCU.

Loki stagione 2 spiegazione finale

La seconda stagione di Loki si è conclusa con un finale importante che porterà a diverse ramificazioni temporali e nuovi propositi per il personaggio interpretato da Tom Hiddleston. Nella fattispecie, Loki è diventato un nuovo dio, parte integrante della stabilità dell’intero multiverso Marvel. Inoltre, sembra che Loki abbia finalmente scoperto quale sia il suo “glorioso scopo” finale. Come si è visto nella serie, Loki e la TVA erano alle prese con le conseguenze della morte di Colui che Rimane e con il conseguente afflusso di nuove linee temporali ramificate che aveva creato. Questo ha messo a dura prova il Telaio Temporale della TVA, che aveva il compito di intrecciare le varie ramificazioni nella Sacra Linea Temporale. Avendo acquisito il controllo sulla sua nuova afflizione nota come time-slipping, il finale della seconda stagione di Loki presenta un drastico cambiamento dello status quo del personaggio.

10Loki ha salvato il Multiverso

Dopo aver trascorso secoli a imparare tutto il possibile e a cercare continuamente di usare il Moltiplicatore di Portata di O.B. e Victor Timely per stabilizzare il Telaio Temporale, Loki scopre che il problema ha una portata più grande. Sceglie così di rompere il loop e di “cambiare l’equazione”, distruggendo intenzionalmente il Telaio Temporale e usando i suoi poteri per salvare tutte le linee temporali ramificate, diventando un nuovo dio custode del Telaio Temporale per l’intero multiverso.

Indietro