Batman il ritorno

Batman il ritorno, è il sequel di Batman, il film ispirato al fumetto del supereroe pipistrello, uscito nel 1992, è dal mio punto di vista il migliore lavoro del visionario Tim Burton, tenuto conto delle pellicole successive. Il mondo oscuro di Tim Burton è quello di una fiaba nera, visto con una lente black romanticist in qui la portata morale è spesso contestualizzata e non generica.

 
Titolo originale Batman returns
Regista Tim Burton
Produzione PolyGram Filmed Entertainment
Warner Bros. Pictures
Scritto da Story
Daniel Waters
Sam Hamm
Screenplay
Daniel Waters
Batman creato da
Bob Kane
Cast Michael Keaton Bruce Wayne
Danny De Vito Pinguino
Michelle PfeifferCatwoman
Christopher Walken – Max Shreck
Musica Denny Elfman
Distribuzione Warner Bros
Uscita USA 16 Giugno 1992
Uscita Italia 9 Settembre 1992
Durata 126 minuti
Budget 80.000.000 $
Incasso totale 282,800,000 $

Gli eroi dei film  di Tim Burton sono perlopiù antieroi, figure deboli all’apparenza, esteriormente claudicanti, con delle pecche ben visibili. Eppure sono quelli che hanno una maggiore caratura morale, che si contrappone a quella abbacinante, sfarzosa, esteriore dei contesti in qui gli essi si trovano. Tim Burton nei suoi film prende come oggetto l’etica protestante americana dell’indefettibile, e soprattutto la cultura mediatica patinata dei sorrisi televisivi, dei sentimenti liberali espressi nella prorompenza aggressiva ed arrogante, per ribaltarli totalmente, in film immaginifici dove la morte fa parte della vita, ed in questa filosofia c’è dolcezza ironia e divertimento.

Batman il ritorno: il capolavoro di Tim Burton

In Batman il ritorno c’è anche il potere, ambiguo e dispotico, e ci sono le vite di Catwoman e Pinguino, lacerate da una realtà che li ha rifiutati e trasformati. Si inizia con il dramma dei ricchi coniugi Cobblepot, costretti a rigettare nelle fogne il loro tributante figlio pinguino all’interno di una culla sigillata.

Batman il ritorno

La telecamera segue il percorso della culla nelle fogne fino a quando appare il titolo del film accerchiato da un nugolo di pipistrelli, creando un effetto visivo notevole, che insieme agli altri ed alle scene d’azione da lustro alla bravura registica. Già dalle prime immagini siamo trasportati nel mondo di Batman e di Burton, questo anche grazie alle musiche di Danny Elfmann, autore di innumerevoli colonne sonore di Batman il ritorno, in particolare a sostegno dell’universo onirico e fiabesco di Tim BurtonPinguino diventa il re delle fogne con al seguito la gang di clown del “Triangolo Rosso”, tenta di distruggere il Batman di Michael Keaton, progetta il rapimento di tutti i bambini primogeniti della città, per affogarli nelle fogne. Ma è Max Shrex il vero cattivo, piuttosto reale, sembra essere uscito dai “Simpson”.

E’ un avido magnate dell’industria di Gotham City, ha avvelenato con residui tossici dell’industria tessile “con depuratori” le fogne cittadine, ha ucciso il suo vecchio socio di affari, lotta con ostinazione per la costruzione di una mega centrale elettrica che in realtà sarà un accumulatore di energia che sottrarrà l’elettricità della città, muove i fili della politica a suo favore, sostiene Pinguino (Danny De Vito) per la sua elezione a sindaco della città in una campagna elettorale volta a distruggere l’immagine di Batman, poi lascia Pinguino, quando la sua popolarità è crollata, ed uccide Selina Kile (Michelle Pfeiffer), umiliata segretaria, quando scopre i suoi loschi piani da realizzare attraverso la centrale elettrica. Selina rediviva si trasformerà nella furente Catwoman.

Batman il ritornoLa parabola del Pinguino di Danny De Vito è ben costruita nella sua tragicità, egli è sofferente per essere stato rifiutato alla nascita, aggirato dal mondo degli umani e di nuovo ributtato nelle fogne dove alla fine del film morirà. Batman sembra essere un savio accompagnatore che ci guida nel mondo tratteggiato da Tim Burton, in una Gotham City in qui i caratteri delle parole, le statue ed i palazzi, dall’esterno e negli interni, sembrano usciti dal terzo reicht, tra balconi gotici e tetti delle case che sembrano provenire da “Il Gabinetto del dottor Calligaris”.

Dopo Batman il ritorno, Tim Burton non girerà più film sull’uomo pipistrello. Il perché sembra averlo spiegato proprio lui in un’intervista a cura di Valentina Neri: “Lei ha diretto anche “Batman il ritorno, mentre si è limitato a produrre il terzo episodio “Batman Forever”. Come mai? La Warner mi ha impedito di girarlo. Pare che a McDonald’s e Burger King, che compravano le licenze commerciali, non fosse piaciuto il personaggio di Penguin. Facemmo una riunione e mi dissero: “Ma che cos’è quel liquame nero? Cosa fa uscire dalla bocca di Danny de Vito? Ed io ho risposto: “E voi nelle nostre di bocche che roba strana mettete?”

Di Mattia Gallo