babadook

Babadook è uno dei film di cui si è più parlato nel 2015 e che ha, in un certo senso, rivoluzionato il genere horror, sia per quanto riguarda la trama, sia riguardo gli effetti spettacolari.

 

Il film, diretto da Jennifer Kent, è stato diffuso in tutto il mondo, tra cui l’Italia, ottenendo una grande successo e riuscendo a farsi apprezzare anche per la sua semplicità.

Ecco, allora, dieci cose da sapere su Babadook.

Babadook film

babadook

1. Da cortometraggio a film. Quando è stato chiesto alla regista Jennifer Kent da dove avesse preso l’idea, lei ha rivelato che arrivava da un’esperienza vissuta da una sua amica. La regista ha dichiarato che “Ho un’amica che è una madre single, il cui figlio è stato traumatizzato da questa figura mostruosa che pensava di vedere ovunque in casa. “E se questa cosa fosse reale, ad un certo punto?” Così ho realizzato Monster (2005) su quest’idea. Ma non potevo lasciarlo solo. Ci sono tornata sopra e ho realizzato Babadook”.

2. L’innocenza di Samuel. La parte del piccolo Samuel avrebbe dovuto rappresentare l’innocenza che solo un bambino di 6 anni potrebbe avere. Quindi, come la regista ha dichiarato, sono stati fatti diversi provini a bambini di 8/9 anni, accorgendosi che a quell’età sono già fin troppo svegli per avere quell’innocenza richiesta. Alla fine, l’attenzione si è concentrata su Noah Wiseman che aveva anni sia al tempo del provino, che durante le riprese.

Babadook trailer

3. Il film è distribuito da Koch Media. Impossibile perdersi il trailer di un film come Babadook, che ha visto la distribuzione italiana grazie a Koch Media e che ha avuto modo di essere presentato anche al Torino Film Festival.

Babadook streaming

4. Il film si trova in streaming su diverse piattaforme. Un film come Babadook andrebbe assolutamente visto. Chi desidera vederlo, o rivederlo perché particolarmente affezionato, lo può fare grazie alla presenza del film sulle piattaforme digitali legali di Rakuten Tv, Google Play, iTunes e TimVision.

Babadook trama

5. Una donna che non riesce ad amare. La trama di Babadook si apre sulla figura di Amelia (Essie Davis) che è ancora in lutto sei anni dopo la morte violenta del marito. Allo stesso tempo, però, si trova a dover lottare per dare un’educazione a Samuel (Noah Wiseman) il figlio ribelle di sei anni, che non riesce ad amare.

6. Un mostro che tormenta i sogni di un bambino. Samuel, che si dimostra ribelle verso la madre, in realtà è un bambino tormentato dai propri incubi, sogni in cui si manifesta un mostro che, secondo il piccolo, è venuto ad uccidere sia lui, che la madre. Quando in casa arriva un libro di fiabe su Babadook, Samuel è convinto che sia lui la creatura che sogna da tempo le sue allucinazioni diventano sempre più forti. Inizialmente poco convinta, ma spaventata dalla sorte del figlio, Amelia di renderà presto conto che in casa c’è una presenza e che forse, il mostro di cui il figlio le ha raccontato, potrebbe essere reale.

Babadook curiosità

babadook

7. La Rai ha censurato lo spot tv del film. Che la Rai arrivasse a censurare determinate scene di film, non è un fatto. Che arrivasse, però, a rifiutarsi di trasmettere un intero spot tv è stata altra cosa. Pare, infatti, che la tv di bandiera si sia rifiutata a meno di 24 ore prima della trasmissione dello spot, sebbene il film fosse stato classificato come “Per tutti”.

8. Nel film vi sono effetti sonori riconducibili a Warcraft. In alcune scene in cui è presente Babadook, è possibile ascoltare un effetto sonoro che proviene direttamente da Warcraft II, un gioco per computer realizzato da Blizzard. Questo effetto era una risposta al richiamo dei draghi nel gioco di strategia punta e clicca.

9. Un libro è stato associato al film. Come tutti i film, anche questo è stato protagonista di una campagna pubblicitaria. In questo caso, era possibile acquistare una copia del libro fatto a mano e intitolato The Babadook Pop-Up Book, per ottanta dollari. Per prime duemila copie erano state numerate e firmate dalla regista, Jennifer Kent. Il libro contiene immagini pop-up e pagine aggiuntive non visualizzate nel film. La campagna è stata aperta per raggiungere un importo limitato e sono stati venduti circa 9.500 libri.

Babadook: spiegazione del finale

10. Una tregua tra uomini e mostri. Il finale di Babadook risolve le varie vicende del film maniera anticonvenzionale, cioè con fare ironico e audace. L’epilogo è come se segnasse un momento di pace nella guerra che si manifesta tra mostri e uomini, senza voler per forza spaventare a tutti i costi. Il film cerca di insegnare a convivere con le proprie paure, indipendentemente dall’età, piuttosto che negarle.

Fonte: IMDb