House of the Dragon stagione 2 episodio 2: la spiegazione del finale di “Rhaenyra la Crudele”

-

ATTENZIONE – L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU RHAENYRA LA CRUDERE, EPISODIO 2 DELLA STAGIONE 2 DI HOUSE OF THE DRAGON

Il finale dell’episodio 2 della seconda stagione di House of the Dragon, intitolato Rhaenyra la Crudele, alza ulteriormente la posta in gioco per quello che riguarda la guerra civile dei Targaryen, pur continuando alcuni degli archi narrativi più sorprendenti della serie. Gran parte del secondo episodio funge da risposta all’uccisione del piccolo principe Jaehaerys Targaryen da parte di Blood and Cheese e al modo in cui reagiscono entrambe le parti in conflitto allo scoprire la terribile morte. Gli stessi Blood e Cheese vengono entrambi uccisi, Rhaenyra Targaryen è furiosa con suo marito/zio, Daemon, e Ser Criston Cole manda Ser Arryk Cargyll ad uccidere la Regina Nera.

La guerra non è facile e governare potrebbe essere ancora più difficile sia per Aegon che per Rhaenyra. Le conseguenze del gesto di Blood and Cheese non fanno altro che complicare le cose, con Arryk ed Erryk Cargyll che muoiono entrambi alla fine della puntata.

Spiegazione della morte di Ser Arryk ed Erryk

Il duello dei gemelli Cargyll

La stagione 2 di House of the Dragon offre al pubblico la sua prima vera sequenza d’azione con il duello dei gemelli Cargyll. Arryk ed Erryk si trovano faccia a faccia in un incontro fatale che provoca la morte di entrambi i fratelli. La svolta nella battaglia, ovviamente, è che è estremamente difficile dire quale fratello sia quale, anche se sembra che Arryk sia quello che dice di amare ancora suo fratello, nonostante si siano separati (il che avrebbe senso, dato che Erryk è colui che ha lasciato Approdo del Re).

Perché Ser Erryk si toglie la vita nell’episodio 2 della stagione 2 di House of the Dragon

Alla fine, Erryk uccide Arryk trafiggendolo con una spada, un finale brutale ma inevitabile: i fratelli potevano anche essersi presi cura l’uno dell’altro in passato, ma l’esito del duello era uccidere o essere uccisi. Erryk poi cade sulla sua stessa spada, una decisione sorprendente e tragica, anche se può essere spiegata. L’uccisione di congiunti è un’azione terribile a Westeros e si dice che coloro che lo fanno siano maledetti dagli dei.

L’uccisione di parenti è un’azione terribile a Westeros e si dice che coloro che lo fanno siano maledetti dagli dei. Erryk, un cavaliere d’onore, lo sa, e così cade sulla sua stessa spada in parte per questo, ma anche perché non vorrebbe vivere sapendo di aver ucciso suo fratello, con il quale una volta era un’anima sola.

Questo potrebbe anche essere il motivo per cui chiede a Rhaenyra di perdonarlo, forse anche per il fatto di aver permesso al fratello di riuscire ad attaccarla, e di perdonare anche la sua “morte”: i voti della Guardia Reale (o Guardia della Regina) durano fino alla loro morte, a meno che non vengano sollevati dai loro incarichi prima di allora, e questo, tecnicamente, è la scelta di Erryk di porre fine al suo servizio.

In che modo il duello dei gemelli Cargyll è diverso dal libro

La lotta tra Arryk ed Erryk è tratta da Fuoco & Sangue di George R.R. Martin, ma presenta alcune differenze fondamentali rispetto al materiale originale. La presenza di Rhaenyra non è menzionata nel libro, e quindi Erryk non arriva per difenderla. I resoconti variano su come si è svolto esattamente il combattimento, sebbene il risultato finale sia lo stesso: entrambi i fratelli muoiono. Ecco il passaggio da Fuoco & Sangue:

“I gemelli combatterono per quasi un’ora, dice il Gran Maestro Munkun; il clangore dell’acciaio contro l’acciaio svegliò metà della corte della regina, ma gli spettatori potevano solo restare a guardare impotenti, perché nessun uomo poteva dire quale fosse il fratello. alla fine, Ser Arryk e Ser Erryk si procurarono ferite mortali a vicenda e morirono l’uno nelle braccia dell’altro con le lacrime sulle guance.”

“Il resoconto di Mushroom è più breve, più dettagliato e nel complesso più cattivo. La lotta durò solo pochi istanti, dice il nostro sciocco. Non ci furono dichiarazioni di amore fraterno; ogni Cargyll denunciò l’altro come traditore mentre si scontrarono. Ser Erryk, in piedi sopra il suo gemello sulla scala dopo essere salito sui gradini a spirale, sferrò il primo colpo mortale, un feroce taglio verso il basso che quasi mozzò il braccio di suo fratello all’altezza della spalla, ma mentre crollava, Ser Arryk afferrò il mantello bianco del suo uccisore e lo tirò abbastanza vicino da piantargli un pugnale in profondità nel ventre. Ser Arryk era morto prima che arrivassero le prime guardie, ma Ser Erryk impiegò quattro giorni per morire a causa della ferita allo stomaco, urlando di dolore e maledicendo per tutto il tempo il suo fratello traditore.”

La versione di House of the Dragon ha elementi di entrambi i resoconti chiave, ma ancora una volta sceglie di raccontare la sua versione della storia. Rhaenyra è l’obiettivo dell’attacco, quindi c’è una logica nell’averla presente e nel cercare di renderlo un’esperienza con una posta in gioco più alta, una scena più emotiva. Il fatto che Erryk si lasci cadere sulla sua spada rende tutto più tragico, anche se è anche possibile che nessuno fuori da quella stanza scopra la verità sulla sua morte.

Perché la relazione tra Alicent Highttower e Criston Cole continua

Il finale di House Of The Dragon Stagione 2 Episodio 2 mostra un altro momento trai due

La relazione tra Alicent Hightower e Criston Cole riprende alla fine dell’episodio 2 stagione 2 di House of the Dragon, nonostante i due abbiano mantenuto le distanze l’uno dall’altro all’inizio della puntata. È un momento che viene gradualmente costruito – dopo che Alicent viene a sapere che suo padre non è più il Primo Cavaliere del Re, del complotto per uccidere Rhaenyra (che è stato architettato direttamente da Cole) e di vedere Aegon in lacrime – e tuttavia arriva ancora come una sorta di sorpresa, dato che lei lo schiaffeggia più volte all’inizio.

Dimostra che c’è un forte elemento di lussuria tra loro, ma anche che nessuno dei due sa come gestire le proprie emozioni, e quindi si intrecciano con il dolore, il senso di colpa, la tristezza, la rabbia e l’isolamento.

È un mix potente quello che porta al loro ultimo incontro sessuale. A quanto pare Alicent vuole qualcosa – qualsiasi cosa – che possa farla sentire meglio, ma potrebbe anche riguardare i suoi sentimenti verso se stessa e la sua traballante rettitudine. Una parte di lei potrebbe amarlo, un’altra potrebbe detestarlo, ma quando vuole essere amata e detesta se stessa, allora stare con Criston esaudisce entrambi gli impulsi allo stesso tempo.

Perché Aegon piange alla fine di House Of The Dragon Stagione 2, episodio 2

È una delle scene più umane del re

Un altro momento sorprendente che arriva alla fine della puntata di House Of The Dragon, è una scena di re Aegon II in lacrime, visto da sua madre, che sceglie di ignorarlo. Si potrebbe sostenere che la sua scelta è dovuta al fatto che ha bisogno di stare da solo, ma è più probabile che lei stessa sia arrabbiata con lui e non voglia affrontarlo in quello stato o sappia di non poterlo aiutare.

Vedere [Aegon] piangere davvero è un momento potente, e anche se non rimuove le cose brutte che ha fatto o lo rende improvvisamente una persona migliore, lo fa percepire molto più umano.

Aegon mostra molte emozioni durante l’episodio, ma è soprattutto il suo dolore che si manifesta come rabbia, il che sembra più appropriato sia per un uomo di Westeros che certamente per un re (anche se è poco più che un ragazzo).

Aegon ha perso suo figlio, il suo matrimonio è essenzialmente composto da due persone che vivono vite separate senza alcuna idea di come comunicare, non ha il rispetto delle persone intorno a lui – inclusa la sua stessa famiglia – ed è bloccato nell’essere re quando non avrebbe mai voluto esserlo, eppure il suo potere che deriva da quella posizione viene annullato da altri. Le parole che forse lo feriscono più di tutte, però, sono quelle di Otto che insinuano il dubbio: quando Aegon dice che il padre lo ha nominato re, Otto replica “è questo che pensi?”.

Aegon, come gli altri figli di Alicent, non ha mai ricevuto amore da Viserys, certamente non paragonato a quello che ha ricevuto Rhaenyra. Sembra che in questo episodio tutto il suo trauma lo travolga: la realizzazione che forse suo padre non voleva davvero che lui diventasse re, che è un finto sovrano installato come burattino di Otto e Alicent, che non ha mai sentito l’amore di quelli che avrebbero dovuto amarlo, e ora è incapace di mostrare quell’amore agli altri. Con così tanta perdita, rabbia e solitudine in realtà non c’è da meravigliarsi che crolli.

Criston Cole nel ruolo del Primo Cavaliere del Re: cosa succede a Otto Hightower

Finirà bene per King Aegon II e i Verdi?

Aegon che sostituisce Otto Hightower come Primo Cavaliere del Re, cedendo invece la posizione a Criston Cole, segnala un cambiamento decisivo nella Danza dei Draghi. Ci saranno meno complotti dietro le porte chiuse ad Approdo del Re e più azione all’aperto.

Dalla stagione 2 di House of the Dragon, episodio 3 in poi, aspettiamoci che Cole guidi gli uomini per costruire l’esercito verde, ottenere sostegno e sconfiggere i fedeli ai Neri di Rhaenyra. Aegon vuole un “pugno di ferro”, vuole sangue e lo otterrà.

Per quanto riguarda Otto, in Fuoco & Sangue si dice poco di ciò che gli accade dopo che Aegon lo ha privato della posizione di Primo Cavaliere del Re – anzi, da quel momento il suo nome viene menzionato solo altre tre volte (una delle quali è la sua morte sul fine della guerra civile). Dice che tornerà a Vecchi Città alla fine di questo episodio, ma resta da vedere esattamente cosa succederà nella serie.

House of the Dragon stagione 2 è disponibile su Sky e NOW (in contemporanea con gli Stati Uniti), con un nuovo episodio a settimana.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Insospettabile follia: dal cast al finale, tutte le curiosità sul film

Quello del revenge movie è da sempre un filone di film particolarmente popolari e acclamati, dove il protagonista di turno intraprende una spedizione punitiva nei confronti...
- Pubblicità -