James Gunn descrisse lo scrittore Damon Lindelof come “un artista della truffa senza integrità”

Dopo l'annuncio che Damon Lindelof sta sviluppando Lanterns per i DC Studios, un commento riaffiorato su Facebook di James Gunn ha rivelato cosa pensava dell'ultimo scriba del DCU nel 2012.

-

Se c’è una cosa che abbiamo imparato nell’era dei social media è che alcune persone hanno un’ottima memoria (il che significa che un commento un tempo innocente può tornare a perseguitare anche i migliori di noi). Ieri è stato confermato che Max’s Lanterns ha affidato a Chris Mundy, Tom King e Damon Lindelof la stesura dell’episodio pilota e della “bibbia” della tanto attesa serie televisiva. Ora, i pensieri di James Gunn  su quest’ultima sono stati rivelati in un commento riapparso su Facebook.

Il 18 marzo 2012, il co-CEO dei DC Studios e regista di Superman ha dichiarato: “Lindelof è vicino a Satana nel mio libro a causa della fine di Lost. È l’Uri Gellar dei narratori, un artista della truffa senza alcuna integrità. E un bugiardo“.

Qualcosa deve essere cambiato da allora, visto che James Gunn  si è messo a scrivere su Instagram e sui thread per proclamareUn caloroso benvenuto a Chris e [Damon Lindelof] mentre si uniscono alla famiglia dei DC Studios“.

Onestamente non daremmo troppa importanza a questo giudizio negativo del regista. Perché? Come molti fan, sembra che sia semplicemente deluso e arrabbiato per un finale che ha diviso enormemente le opinioni quando è andato in onda per la prima volta nel 2010.

È difficile ignorare il fatto che James Gunn  abbia descritto lo scrittore più prolifico di Lanterns come un “artista della truffa” e un “bugiardo” senza “integrità“. Tuttavia, il regista di Guardiani della Galassia ha sempre fatto sentire la sua voce sui social media. In questo periodo, inoltre, James Gunn non aveva ancora raggiunto il grande pubblico e ha condiviso spesso pensieri onesti e brutali sui suoi futuri colleghi.

È probabile che Damon Lindelof non stia perdendo il sonno per l’opinione di James Gunn  sul finale di Lost (una pelle spessa è d’obbligo per qualsiasi creativo coinvolto nella divisiva stagione finale) e questa è acqua passata. Tuttavia, il fatto che James Gunn  abbia cambiato idea sul lavoro del regista nel corso degli ultimi 12 anni è senza dubbio ciò che lo ha spinto a portare Lindelof a bordo per Lanterns.

È la storia di una coppia di Lanterne Verdi, John Stewart e Hal Jordan“, ha detto Gunn di Lanterns dopo il suo primo annuncio. “Abbiamo alcune altre Lanterne inserite, ma si tratta di uno show televisivo su base terrestre, quasi come True Detective, con una coppia di Lanterne Verdi che sono poliziotti spaziali che sorvegliano il Distretto Terra e che scoprono un mistero terrificante che si collega alla nostra storia più grande del DCU“.

Potete vedere uno screenshot del commento di Gunn su Facebook nel post X qui sotto.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Bikeriders backstage

The Bikeriders: Jeff Nichols e Austin Bulter raccontano il film

Uomini duri e incapaci di guardarsi dentro, raccontati dal punto di vista di una delle loro donne, mentre sullo sfondo si srotola il più...
- Pubblicità -