Ni una mas: recensione del teen drama spagnolo di Netflix

La serie tv di Netflix Spagna che ricorda l’importanza di denunciare e combattere a gran voce a fianco delle donne

A meno di un mese dal suo debutto, il teen drama spagnolo Ni una mas è ancora in vetta alla Top 10 di Netflix, subito dopo l’acclamata e tanto attesa serie Bridgerton. Ma a cosa deve il suo inaspettato successo? Ispirata all’omonimo romanzo di Miguel Sáez Carral (autore e produttore esecutivo della serie), Ni una mas racconta una drammatica storia di abusi, violenze e traumi adolescenziali, in cui le vite di quattro giovani donne si intrecciano per dare voce e coraggio a tutte noi.

Alma, Greta, Nata e Berta

Alma (interpretata dalla talentuosa Nicole Wallace) è una diciassettenne ribelle che, mentre tenta maldestramente di finire la scuola superiore, mette a dura prova la pazienza dei suoi genitori e professori con festini, scappatelle e droga. Ad accompagnarla ci sono le sue due migliori amiche, Greta (Clara Galle) e Nata (Aicha Villaverde), con cui, tra una birbantata e l’altra, affronta gli immancabili problemi adolescenziali: la solitudine, la gelosia, il conflitto con i genitori, le relazioni tossiche e il disagio di non sentirsi comprese.

In foto le attrici (da sinistra a destra) Clara Galle, Aicha Villaverde e Nicole Wallace | NI UNA MAS. Cr. Javier del CerroNetflix © 2024.

Un giorno, però, la vita di Alma viene sconvolta dal ritorno di un’amica di vecchia data, Berta (Teresa De Mera), che nasconde dietro una grave depressione (simboleggiata anche dai lunghi capelli blu, colore spesso usato per trasmettere sentimenti di tristezza e disperazione) una violenza atroce subita poco tempo prima. Questo evento spinge Alma a creare l’account @iam_colemanmiller, un profilo social dove inizia a denunciare anonimamente le ingiustizie e gli abusi subiti dalle ragazze, e attraverso cui spera di rompere l’omertà e la vergogna che circondano le donne vittime di abusi.

“Come e quando è avvenuta questa aggressione? Chi c’è dietro questo profilo? Quanto c’è di vero in queste accuse e chi è la vera vittima?”

Il dolore di una di noi è il dolore di tutte.

Sulle note della iconica canzone You Should See Me In A Crown di Billie Eilish, Alma sceglie di non restare ancora in silenzio e agire concretamente fissando all’entrata della scuola un enorme manifesto con la scritta: “Lì dentro si nasconde uno stupratore”. È così che inizia Ni una mas, con una delle frasi più difficili da pronunciare e che – insieme allo stesso titolo – impatta sullo spettatore come un pugno dritto nello stomaco. Da questa scena il racconto farà poi qualche passo indietro per poter presentare ciò che ha condotto la protagonista fino a quel momento.

La trama si sviluppa quindi come una storia corale in cui, attraverso le esperienze vissute dalle quattro adolescenti, Sáez Carral porta sul piccolo schermo le diverse facce del dolore e della violenza. L’anticonformista Alma è stata abusata una sera da uno dei suoi amici mentre era sotto effetto di alcol e droghe; l’introversa e solitaria Berta ha subito abusi da un professore e non è stata creduta; l’aristocratica e ingenua Nata è plagiata e raggirata dal suo fidanzato Alberto (Gabriel Guevara); mentre la fedele Greta, in una società eteropatriarcale come la nostra, fatica a mostrarsi al mondo per ciò che è e per la propria omosessualità.

Seppur con storie, attitudini e reazioni diverse, le voci delle quattro giovani (e non solo) finiscono quindi per collimare tutte nel coraggioso e fermo grido di battaglia di Alma. Un grido che chiede pace in un mondo che, per lo più, viola le donne fisicamente, psicologicamente ed economicamente fin da bambine.

In foto le attrici (da sinistra a destra) Nicole Wallace (Alma) e Teresa de Mera (Berta) nell’episodio 07 di NI UNA MAS. Cr. Javier del CerroNetflix © 2024.

Non una di più: l’importanza di spezzare le catene 

Al di là di qualche forzatura di trama (come ad esempio l’enorme piantagione di cannabis del fratello e dei genitori di Greta, introdotta come unica possibilità per far fronte all’economia familiare) e del fatto che i personaggi adulti sono i più piatti e fragili, Ni una mas è una serie che intrattiene e coinvolge lo spettatore, non solo grazie alle tematiche aggressive e attuali, ma anche a un cast di giovani attori che impersonano al meglio la complessa e turbante psicologia dei loro personaggi.

Infine, Sáez Carral, attraverso un buon mix di cliché e artifici del genere thriller e del teen drama – che a tratti ricordano alcune serie celebri come 13 Reasons Why, Euphoria ed Élite – affronta quindi senza compromessi la gravità della cultura machista e dello stupro, i problemi dei social e delle trasgressioni, esplorandone le molteplici sfaccettature e lanciando un importante messaggio:

Uniamoci affinché la violenza non si ripeta. Uniamoci affinché nessuna vittima, nessuna donna, si senta sola e perduta… come Berta.