Julie and the Phantoms

Arriva su Netflix il 10 settembre Julie and the Phantoms, una nuova serie musicale a target giovanile che si avvale di un nome di grande fama e prestigio: Kenny Ortega. Per chi non conoscesse il regista e coreografo, si tratta della mente dietro al successo planetario di High School Musical e Descendants e che qui si ritrova ad aver a che fare con musica, scuola e adolescenti. La serie è ispirata ad un prodotto brasiliano, Julie e os Fantasmas, è stata creata Dan Cross e Dave Hoge (I Thunderman), diretta da Kenny Ortega, Paul Becker (Descendants, Mirror Mirror), Kristin Hanggi e Kabir Akhtar, mentre le coreografie sono state curate da Ortega stesso e Paul Becker.

Julie and the Phantoms la storia

La storia parte dal 1985: i Sunset Curves, il chitarrista e compositore Luke, interpretato da Charlie Gillespie, il batterista Alex, interpretato da Owen Patrick Joyner, e il bassista Reggie, interpretato da Jeremy Shada, sono una band emergente, che perde tragicamente la vita in un incidente. Saltiamo poi in avanti, fino al 2020, e siamo con Julie (Madison Reyes), una ragazzina orfana di madre, che per il dolore della perdita non riesce più a coltivare la passione che la legava proprio alla mamma: la musica. In un momento di sconforto, mentre rovista tra le cianfrusaglie della madre, in garage, trova in CD dei Sunset Curves; inserendo il CD nel lettore, quella che sembra essere una magia fa materializzare i tre ragazzi nel suo garage: sono fantasmi. Scopriamo poi che Julie è l’unica che può vederli e che, quando suonano tutti insieme, lo diventano magicamente visibili a tutti, come fossero il gruppo di sfondo e Julie la frontgirl. Con la complicità della sua più cara amica, Julie fonda la sua band: Julie and the Phantoms.

La serie si sviluppaseguendo le declinazioni che assumono la passione per la musica e l’importanza dell’amicizia, entrembi i temi diventano fondamentali per la protagonista che impara anche a conoscersi meglio attraverso questo buffo terzetto di fantasmi adolescenti. Sarà infatti la musica e il sostegno di questi nuovi insoliti amici a permetterle di trovare il coraggio di superare la morte della madre e soprattutto di trovare la propria voce.
Non mancano, come ogni serie a terget giovanile, le linee narrative romantiche, i personaggi stereotipati, come la reginetta un po’ bulla o il belloccio stupido. Tuttavia la nostra protagonista rifugge dagli schemi e dai cliché. Julie non è la classica emarginata imbranata, è una ragazza volitiva, amata, caparbia, il suo abbigliamento è vivace e vistoso, non ha problemi a farsi riconoscere e quando trova la propria voce diventa un vero e proprio vulcano.

La colonna sonora di Julie and the Phantoms

A fare da pilastro a tutta la serie c’è naturalmente la colonna sonora. Scritta e prodotta dalla DJDTP, la colonna sonora funge da vero e proprio strumento narrativo, utilizzando molte canzoni come device narrativi, grazie alle quali la storia procede o, in altri casi, attraverso le quali la storia si spiega. Anche i generi spaziano nell’ambito di ritmi orecchiabili più o meno cool, dal pop rock commerciale, che rappresenta meglio la musica di Julie al K-pop in salsa occidentale, per Carrie, la reginetta della scuola. Tutte le canzoni sono fatte per entrare nella testa dei giovani spettatori e non uscirne mai più.

Una vera e propria apoteosi dei buoni sentimenti, Julie and the Phantoms è un prodotto di ottima qualità nel genere musicale per i più piccoli, è scritto con sufficiente arguzia e promette di mietere parecchie vittime, soprattutto tra il pubblico femminile.