L’Amica Geniale – Storia del nuovo cognome, recensione

Su Rai Uno dal 10 febbraio, la serie arriva al cinema per soli tre giorni, 27, 28 e 29 gennaio, con la proiezione dei primi due episodi.

497
L'amica geniale: storia del nuovo cognome 1x01

Arriverà il 10 febbraio su Rai Uno il primo di quattro appuntamenti con L’Amica Geniale – Storia del nuovo cognome, la seconda stagione della serie di successo tratta dall’omonima tetralogia scritta da Elena Ferrante. Per chi fosse impaziente, i primi due episodi, già presentati alla stampa, saranno proiettati al cinema il 27, 28 e 29 gennaio, prima che lo show arrivi sulla rete ammiraglia.

La storia prende le mosse esattamente dal finale della prima stagione. Troviamo Lila alle prese con la nuova condizione di Signora Carracci, con un marito dal quale sente di essere stata ingannata, dopo che ha scoperto il suo accordo, in complicità con il fratello e il padre, con i boss dei rione, quei fratelli Solara, che lei tanto ha cercato di allontanare, rifiutando persino la mano di uno dei due. Dal canto suo, Elena sembra vivere un periodo di smarrimento, la lontananza di Lila e la divergenza delle loro scelte di vita la fa sentire smarrita, tanto che persino lo studio sembra non interessarle più. Chi invece continua a coinvolgerla è Nino Sarratore, che continua a vedere a scuola e ad ammirare da lontano.

L’Amica Geniale – Storia del nuovo cognome è fedele al romanzo

Il lavoro di adattamento, anche questa volta portato avanti dal team di sceneggiatori formato da Francesco Piccolo, Laura Paolucci e da Saverio Costanzo, a tutti gli effetti ideatore della serie e regista di quasi tutti gli episodi, continua ad essere supervisionato dal “fantasma amico” della Ferrante, secondo una definizione dello stesso Costanzo. Quest’opera di supervisione si avverte profondamente, soprattutto considerando la grande fedeltà alla pagina che almeno nei primi due episodi si respira a pieno. Dopotutto anche nella prima stagione immagini e parole procedevano di pari passo, con un fisiologico impoverimento del testo nella trasposizione in video.

In questo secondo capitolo della storia dell’amicizia tra Lenù e Lila non siamo più di fronte a due bambine o ad adolescenti timide o turbolente. Le due protagoniste sono diventate due giovani donne e in quanto tali cominciano a scoprirsi non solo pensieri e interessi, sogni e ambizioni, ma anche corpo. La scoperta del corpo, desiderato e violato, è un passaggio fondamentale per questo capitolo della storia delle due protagoniste, che vivono in maniera così differente, ma sempre solitaria, un rapporto intimo e travagliato con il loro essere donne.

La scoperta del corpo

L'amica geniale: storia del nuovo cognome 1x02Se nelle pagine scritte dalla Ferrante questo rapporto tra l’essere donna e corpo è argomentato nelle pieghe della mente di Elena, dal cui punto di vista è raccontato il romanzo, nella serie assume la forma a volte un po’ fredda e didascalica della voce (sempre di Elena) fuoricampo. Se da una parte questa scelta è comprensibile, dato che la voce fuori campo è lo strumento cinematografico adatto a trasporre la prima persona letteraria, dall’altro l’effetto didascalico è inevitabile e l’impoverimento concettuale una diretta conseguenza.

L’aspetto di questa grande produzione che più è efficace, in questa stagione come nella precedente, è la scelta del cast, ancora guidato da Margherita Mazzucco e Gaia Girace, nei panni di Elena e Lila. I volti, i tratti, i gesti dei giovani interpreti dei ragazzi e delle ragazze del rione sembrano portarci indietro nel tempo, raccontano preoccupazioni e saggezza spicciola, passioni e paure, con un risultato di incredibile bellezza, soprattutto nelle sequenze d’insieme.

Un ingente sforzo produttivo

L’amica geniale – Storia del nuovo cognome è prodotta da The Apartment e Wildside, parte di Fremantle, e da Fandango in collaborazione con Rai Fiction, in collaborazione con HBO Entertainment e in co-produzione con Umedia. Si comprende subito che il grande sforzo economico e la destinazione internazionale del prodotto ne fanno uno dei progetti più impegnativi mai realizzati nella serialità italiana. Saverio Costanzo ha portato per mano Lina e Lenù durante la loro infanzia e adolescenza e ora, con nuovi cognomi e ruoli da indossare, si fa aiutare da Alice Rohrwacher, a cui è stata affidata la regia degli episodi 3 e 4, quelli che saranno completamente ambientati ad Ischia, “una storia dentro la storia” come ha detto la regista, e che racconteranno di eventi che cambieranno per sempre il rapporto tra le due protagoniste.

Con l’ambizione del grande romanzo di formazione, che non risparmia squarci sulla società che cambia e si trasforma, L’amica geniale – Storia del nuovo cognome si conferma un buon adattamento del romanzo (come era già accaduto per la prima stagione) che però tende a semplificarne i conflitti e le criticità, in virtù di una narrazione più fruibile al pubblico.