Snowpiercer

Lo Snowpiercer è un treno di mille e uno vagoni che corre, ininterrottamente, su un binario che percorre tutto il globo terracqueo. Corre in un mondo morto, ricoperto dal gelo, e custodisce dentro di sé quello che resta dell’umanità.

 

Una bellissima sequenza animata racconta cosa è accaduto alla Terra: il riscaldamento globale ha reso impossibile la vita, gli scienziati hanno quindi cercato un modo artificiale di raffreddarla, ma questo è sfuggito loro di mano, lasciando il Pianeta attanagliato dal gelo. Il misterioso  Mr. Wilford ha però trovato una soluzione provvisoria, per permettere alla vita di continuare: un lungo treno/arca, per sopravvivere al disastro.

Snowpiercer, serie basata sul film di Bong Joon-ho

serie-tv-attese-snowpiercerSnowpiercer, nuova serie Netflix che approderà dal 25 maggio sulla piattaforma streaming con i primi due episodi, per poi continuare con un episodio a settimana, è basata sull’omonimo film del 2013 di Bong Joon-ho, a sua volta ispirato alla graphic novel francese Le Transperceneige. L’incipit realizzato in animazione si trasforma rapidamente un un’accessa sequenza di scontro, in cui gli ultimi, i derelitti, quelli che non possono permettersi nemmeno un biglietto di terza classe, provano a salire sul treno al momento della partenza, andando ad occupare “il Fondo”, il vagone dei clandestini.

La storia segue la linea tracciata dal film del regista sudcoreano in maniera fedele, salvo poi impiantarci sopra una detective story che meglio si sposa con la natura seriale del progetto. Infatti, proprio nel Fondo si trova Andre Layton (Daveed DiggsBlack-ish), unico detective a bordo del treno, che viene convocato per risolvere un omicidio efferato in terza classe. Layton scoprirà presto che si tratta di un serial killer e lo andrà a cercare addirittura nella prima classe.

Accanto a Diggs, che interpreta l’eroe buono e integerrimo di questa storia, una sorta di corrispettivo di Chris Evans nel film di Bong, c’è Jennifer Connelly, nei panni di un leader duro e inflessibile, ma dentro di sé riluttante al comando e a prendere le decisioni necessarie a garantire l’ordine sul treno.

Proprio l’ordine è la parola… d’ordine di Mr. Wilford, la cui portavoce, Melanie Cavill (la Connelly appunto), cerca di mantenere a ogni costo. Ogni pianta, ogni animale, ogni essere umano di prima, seconda, terza classe o addirittura del Fondo, fa parte di un complesso e delicatissimo equilibrio che permette alla vita nello Snowpiercer di prosperare. E chiaramente l’ordine ha un prezzo che chi occupa la prima classe non è certo propenso a pagare.

Il contesto sci-fi, quindi, così come accadeva nelle opere originali, accoglie anche una forma di contestazione sociale, che nel caso della serie fa da sfondo alla vicenda investigativa, almeno nella prima parte dello show. Questa scelta, comprensibile data la natura seriale del prodotto, finisce però per banalizzare un linguaggio, anche visivo, che avrebbe permesso una sperimentazione intrigante.

Snowpiercer

Jennifer Connelly è il cuore di Snowpiercer

Vero e proprio pilastro su cui è costruita l’intera storia, Jennifer Connelly è una perfetta leader, non un vero e proprio villain ma più un’eroina oscura, un personaggio sfaccettato che sotto un’apparenza di algido controllo nasconde dubbi, paure, incertezze, una umanità a stento tenuta sotto controllo.

La serie è stata sviluppata dal network generalista TNT, insieme a Netflix, e nonostante questo, alcune scelte si abbandonano ad una crudeltà visiva e narrativa che lascia sorpresi quegli spettatori che invece si aspettavano un prodotto più “cauto”.

Diluendo e lasciando sullo sfondo la trama del film del 2013, pur restituendone lo spirito, Snowpiercer si concentra principalmente sulla detective story, rinunciando ad un po’ di audacia nel linguaggio, per sposare una struttura più consona a una serie tradizionale. Nonostante questo si rivela un prodotto che tende la mano allo spettatore e riesce a farlo salire a bordo.