Speravo de morì prima
photocredit Fabio Zayed

Dopo Mi chiamo Francesco Totti, documentario di Alex Infascelli sul calciatore romano tanto amato nella Capitale da essere stato incoronato dai tifosi giallo rossi “ottavo re di Roma”, anche la serialità di fiction, con Speravo de morì prima, racconta Totti, in particolare gli ultimi mesi di carriera del campione, che hanno preceduto il ritiro forzato. 

Iscriviti a NOW e inizia a guardare le più belle storie SKY Original e molto altro!

La serie, a partire dal titolo, è una grande lettera d’amore in sei episodi a Francesco Totti, un calciatore che ha regalato anni di sogni e speranze ad un’intera città. Il titolo stesso riprende un cartellone da stadio che è comparso sugli spalti della curva sud all’ìOlimpico, il giorno in cui Totti ha detto addio al calcio giocato. Speravo de morì prima, di non vedere mai il giorno in cui Totti avrebbe appeso le scarpine al chiodo, ed è quello che probabilmente ha pensato anche Francesco, un animo appassionato e semplice, ironico e buono, un personaggio che è stato tanto amato e che ha amato tanto “il pallone”. 

Speravo de morì prima racconta i mesi prima del ritiro

La serie Sky Original prodotta da Mario Gianani per Wildside (parte di Fremantle) con Capri Entertainment di Virginia Valsecchi, The New Life Company e Fremantle, è diretta da Luca Ribuoli, su sceneggiatura di Stefano Bises, Michele Astori e Maurizio Careddu, che sono partiti dal libro “Un capitano” di Francesco Totti e Paolo Condò, edito da Rizzoli Libri S.p.a. Disponibile su Sky e Now TV a partire dal 19 marzo, la serie è interpretata da Pietro Castellitto e Greta Scarano, nei panni di Francesco e Ilary, mentre Monica Guerritore e Giorgio Colangeli sono Fiorella e Enzo, i genitori di Francesco.

La decisione della produzione è da subito chiara, mettere da parte la somiglianza fisica e puntare più su un’eco emotiva che Castellitto riesce ad evocare con un tono di voce una postura che ricordano molto il capitano. Non solo, scopo di questa storia, oltre a raccontare i fatti che tutti sappiamo, è anche quello di far emergere il Totti privato e quindi anche il ruolo di Ilary, solida colonna che con amore ed onestà ha affiancato il suo compagno per tanti anni, proteggendo una storia d’amore pubblica, ma che ha saputo difendersi dalle intemperie. 

Ogni eroe ha però bisogno di un nemico da sconfiggere, un antagonista, e in Speravo de morì prima questo ruolo è ricoperto da una parte da Gianmarco Tognazzi/Luciano Spalletti, e dall’altra dal tempo. Il dramma umano più grande che Francesco Totti calciatore ha dovuto affrontare è infatti quello di essere costretto a lasciare il campo quando non era pronto per farlo, consapevole che nonostante gli anni e gli allenatori contro, il re non è mai pronto ad abdicare. 

In questo cuore narrativo risiede la tragedia di Speravo de morì prima, che per il resto, invece, è una serie che spazia dai toni della Comedy a quelli grotteschi, offrendo anche un nuovo modo di raccontare gli uomini di sport nel cinema e nella tv, laddove la parabola dello sportivo aveva sempre avuto, nelle trasposizioni, dei toni epici.

Toni da comedy con incursioni grottesche

Se da una parte quindi è interessante assistere al racconto tragicomico di un uomo costretto a lasciare l’unico ambiente che ha sempre conosciuto e in cui ha sempre vissuto per tutta la sua vita adulta, costringendolo quindi a reinventarsi a 40 anni, dall’altra tutta l’operazione di Speravo de morì prima sembra un poderoso investimento di un tifoso che vuole cantare un’ode al suo campione del cuore, un intento forse troppo ombelicale che però sicuramente raccoglierà un larghissimo successo presso tifosi, appassionati di calcio e amanti dello sport. 

Castellitto e Scarano sono senza dubbio attori di grande talento, ma in questo caso (soprattutto per il primo) il rischio “imitazione” è dietro l’angolo, nonostante ci sia una ricerca sui modi, le movenze e le inflessioni vocali del soggetto dell’interpretazione.

Speravo de morì prima è una serie divertente, che coinvolge e racconta con ironia un personaggio amato da tutti, lo fa con tenerezza, cercando sempre di regalare un sorriso allo spettatore, e trattando con grande oggettività il dramma di un uomo che non è pronto, e sa che non lo sarà mai, a lasciare per sempre il suo mondo.

 
RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Guida
Articolo precedentePapà, non mettermi in imbarazzo: la serie Netflix con Jamie Foxx
Articolo successivoThe Falcon and The Winter Soldier atterra a Roma!
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.