Harry Potter e i doni della morte

[tab: Anteprima]

E alla fine esce, il prossimo 13 Luglio, l’ultimo capitolo della saga di Harry Potter. Con la seconda parte di Harry Potter e i doni della morte, si conclude definitivamente la storia dell’adattamento cinematografico più redditizio della storia del cinema, come affermano, ovviamente compiaciuti, i produttori.

Il primo episodio della saga, risalente all’ormai lontano 2001, era firmato Chris Columbus, regista di molti film per ragazzi tra cui un’altra saga blockbuster, quella di Mamma ho perso l’aereo, ha visto un passamano interessante alla regia:  Alfonso Cuaron, regista messicano di Y tu mamà tambien , ha diretto il terzo episodio, poi seguito da Mike Newell, regista dalle fortune alterne, conosciuto soprattutto per Quattro matrimoni e un funerale, per poi essere condotto negli ultimi episodi da David Yates.

Ad arricchire il cast delle varie pellicole sono poi arrivati diversi personaggi importanti, icone del cinema inglese come Gary Oldman, David Tennant e, in uno dei primi episodi, Harry Potter e il calice di fuoco, appare un ancora sconosciuto Robert Pattinson, in seguito destinato anche lui ad avere a che fare con una saga dagli incassi straordinari, quella di Twilight.

Anche Helena Bonham Carter, che dopo aver interpretato la Regina d’Inghilterra nel pluripremiato Il discorso del re, ritorna ad un personaggio più affine a quelli del suo compagno Tim Burton, il quale la aveva già incoronata come Regina di cuori nel suo Alice nel paese delle meraviglie.

La seconda parte del gran finale vede Harry e i suoi amici partire alla ricerca degli ultimi Horcrux da eliminare per distruggere l’anima a Lord Voldemort per poi affrontarlo in uno scontro che richiederà (forse) un estremo sacrificio.

Sotto il trucco del mago oscuro si cela un altro attore inglese di gran calibro, Ralph Fiennes, ormai da diversi anni diventato  il supervillain determinato a uccidere Harry.

Cosa succederà lo vedrete in sala: i paesaggi che nella prima metà de I Doni della Morte avevano preso il posto della consueta scuola di Hogwarts, torneranno a farsi da parte per immergerci di nuovo nella scuola di Magia e Stregoneria, teatro del grande scontro finale, che vedrà finalmente confrontarsi Harry e la sua nemesi, Lord Voldemort.

Se l’ultimo episodio della saga sia una liberazione o una tragedia per i protagonisti, lo si capirà nei prossimi anni:  Daniel Radcliffe negli anni passati, non ancora maggiorenne, ha già dato segno di volersi liberare dell’immagine asessuata e immatura del suo personaggio interpretando a teatro Equus, di Peter Shaffer, nel quale è presente una scena di nudo integrale, che all’epoca fece molto scalpore.

Dal canto suo, Emma Watson è contesa dalle prime pagine delle riviste di moda e di gossip, ed è al fianco di Michelle Williams nel film My week with Marilyn, attualmente in post-produzione.

Anche Rupert Grint, quello che appare meno sotto i riflettori tra i tre, è già al lavoro su altre produzioni.

Inoltre, per non lasciare i fan totalmente orfani del proprio eroe, la scrittrice J.K.Rowling (e la casa editrice) hanno appena lanciato un’iniziativa interattiva destinata ai ragazzi e agli appassionati mai stanchi di leggere i romanzi di Harry Potter: sul sito www.pottermore.com, infatti si potrà, dal 31 Luglio prossimo, registrarsi per partecipare alla lettura online dei romanzi.

Un’inziativa molto furba a livello di marketing ma che per una volta ha anche un risvolto educativo, portando nuovamente l’interesse verso la lettura dei libri.

[tab: Trailer e contenuti]

Trailer Originale finale:

Trailer italiano:

[tab: Gallery]