L’attimo fuggente, la spiegazione del finale del film con Robin Williams

-

L’attimo fuggente (Dead Poets Society) è uno dei pochi film definiti quasi interamente dal suo finale. L’iconica scena finale non è facile da dimenticare, anche per coloro che hanno visto il film per la prima volta durante la lezione di inglese in seconda liceo o qualcosa di simile.

L’immagine dei ragazzi della scuola superiore, un tempo timidi, in piedi sui loro banchi per rendere omaggio al loro insegnante di inglese appena licenziato, il signor Keating (Robin Williams), è destinata a invocare un senso di scopo. È destinato a suscitare le vostre emozioni e a rimanere con voi per il resto della vostra vita, anche se le grandi linee del film finiscono per svanire nella memoria.

Senza quel momento “O, Capitano, mio Capitano“, L’attimo fuggente sarebbe stato un film molto diverso. Ma non è l’unico che ha trasformato il film nel classico che è diventato.

Come in tutte le buone storie, il finale è solo un momento culminante. Per quanto gli eventi di L’attimo fuggente possano apparire pedestri – almeno fino allo scioccante suicidio dell’atto finale -, accadono davvero molte cose, anche se solo sotto la superficie. Questo fa sì che L’attimo fuggente sia molto di più di un film liceale per antonomasia, e che sia anche un commento su un importante cambiamento della società e sul ciclo di abusi perpetuato da una cultura di mascolinità tossica.

Le parole e le idee possono cambiare il mondo

L'attimo fuggente

Il film di Peter Weir del 1989 si svolge a Welton, un prestigioso collegio maschile con tradizioni rigide e personale ancora più severo. La storia inizia quando la classe del 1959 arriva al campus per il semestre autunnale.

Con il nuovo anno accademico arriva anche un nuovo insegnante, Keating (un Robin Williams al top della carriera), che si adopera rapidamente per radicalizzare la sua prima classe di futuri avvocati e medici. Keating stesso ha frequentato l'”Hell-ton”, quindi conosce fin troppo bene gli strascichi del suo programma di studi soffocante.

Vuole che questi ragazzi trovino la loro voce finché sono giovani. Più a lungo permetteranno alla cultura tossica di Welton di reprimere i loro spiriti, più sarà difficile per loro pensare con la propria testa quando raggiungeranno l’età adulta.

Carpe diem

Carpe diem

La neonata Dead Poets Society adotta il mantra di Keating, “carpe diem”, come solo gli adolescenti sanno fare. Charlie è probabilmente il discepolo più appassionato di Keating, organizza elaborate campagne per portare le studentesse a Welton e adotta persino un nuovo soprannome, Nuwanda. Knox usa il noto potere della poesia per conquistare una ragazza di una scuola vicina. E poi c’è Neil, che sembra l’ultima persona ad aver bisogno dell’aiuto di Keating, almeno in apparenza. In fondo, però, è vero l’esatto contrario: pur essendo uno studente di talento e un leader nato, deve spesso mettere da parte le sue aspirazioni personali e fare quello che gli dice il padre prepotente (Kurtwood Smith).

In circostanze normali, Neil si concederebbe a suo padre senza fare domande. Finché non si diploma a Welton, poi all’università e (infine) alla facoltà di medicina, la sua vita non è sua. Solo dopo che le lezioni di Keating cominciano ad essere recepite, Neil capisce che può vivere in modo diverso, senza sottomettersi al padre. Fa un’audizione per una produzione locale di “Sogno di una notte di mezza estate” nel tentativo di riprendere il controllo della sua vita. L’unico problema è che lo fa all’insaputa del padre, e la cosa gli si ritorce contro in modo spettacolare quando questi scopre la verità e chiede a Neil di abbandonare la produzione.

È questo conflitto che dimostra l’approccio semi-formale di Neil alla filosofia di Keating. Come altri membri della Dead Poets Society, non riesce ad assorbire la vera essenza del “carpe diem”. Onorare la propria verità interiore e scrollarsi di dosso lo status quo sono entrambi fondamentali per cogliere l’attimo, ma non senza una comprensione delle conseguenze. Keating dice alla sua classe: “C’è un tempo per osare”, “e c’è un tempo per la cautela. Un uomo saggio capisce qual è il momento giusto“.

Se noi ombre abbiamo offeso…

L'attimo fuggente spiegazione finale

Keating cerca di incoraggiare la temperanza e la pazienza nei suoi studenti, soprattutto quando Neil si rivolge a lui con il suo dilemma. Per far sì che Neil trovi davvero la libertà che sta cercando, Keating dice che deve affrontare suo padre. Anche se il signor Perry non riesce a immedesimarsi nel figlio, non è la fine del mondo. La sua “servitù” non durerà per sempre: presto sarà libero di recitare in qualsiasi opera teatrale gli piaccia. È un bel sentimento, ma un concetto totalmente estraneo a Neil, che non riesce a vedere oltre la sua soffocante realtà. Si sente in trappola qualunque cosa faccia, e questa sensazione non fa che aumentare la sua disperazione di liberarsi.

Questo è, ironicamente, ciò che rende il ruolo di Todd nella storia così importante. È l’anello di congiunzione di Neil in tutto e per tutto, poiché entrambi i personaggi rappresentano i diversi modi in cui la vergogna può manifestarsi all’interno di una persona. La vergogna di Todd gli impedisce di esternare le proprie idee ed emozioni al mondo. “Il signor Anderson pensa che tutto ciò che è dentro di lui sia inutile e imbarazzante”, osserva astutamente Keating. E Neil, con tutto il suo fuoco interiore, viene fatto sentire dal padre.

Nonostante la sua sicurezza proiettata, Neil lotta anche per dimostrare il suo valore, ma è molto più bravo a nasconderlo. Come Keating sottolinea in seguito, è un attore di grande talento. Ha recitato per tutta la vita, interpretando la parte del figlio doveroso, il signor futuro dottore dei sogni di suo padre. Ma dopo aver assaggiato la libertà, si rende conto che non può più continuare a recitare, soprattutto con la minaccia della scuola militare – e di altri 10 anni al “servizio” del padre – che incombe sulla sua testa.

O Capitano, mio Capitano

L'attimo fuggente O Capitano, mio Capitano

L’attimo fuggente si trova oggi ad affrontare un’eredità difficile da gestire. Il suo status di caposaldo della cultura pop lo rende sopravvalutato in alcuni ambienti, e il suo concentrarsi sull’élite maschile bianca – per quanto tragica sia la loro educazione individuale – solleva preoccupazioni sulla sua mancanza di diversità. Ma queste critiche derivano dall’esame del film attraverso una lente moderna.

È facile liquidare il film per la sua rappresentazione femminile (o per la sua mancanza), per i suoi antagonisti monocorde. Ma è anche importante mantenere l’ambientazione nella giusta prospettiva. L’attimo fuggente si svolge alla fine degli anni ’50, quando le donne erano scoraggiate dal perseguire l’istruzione superiore e le scuole in generale erano meno integrate.

L’America del dopoguerra aveva appena iniziato ad abbandonare il conservatorismo e ad abbracciare il romanticismo. Erano tempi diversi, e certo, la maggior parte dei personaggi del film sono archetipi o codici – ma forse è per questo che è ancora così evocativo oggi.

L’attimo fuggente tratta di un periodo di tempo in cui la maggior parte di noi sta cercando di scoprire chi siamo. La vita è dura, le nostre emozioni sono travolgenti e ogni contrattempo sembra la fine del mondo. Il film può sembrare stucchevole o antiquato oggi, ma è solo perché abbiamo imparato a contestualizzare la soffocante morsa dell’adolescenza, del dramma familiare o dell’amore liceale non corrisposto.

Se ci proviamo, probabilmente riusciamo ancora a ricordare come ci si sente a sentire il mantra di Keating per la prima volta, o come ci si sente quando i nostri stessi insegnanti riconoscono la grandezza in noi. “Dead Poets” ha catturato quella sensazione in una bottiglia. Serve a ricordare alcuni dei migliori consigli di Keating ai suoi studenti (presi da Whitman, ovviamente): “Che la vita esiste, e l’identità. Che il potente gioco continua, e che tu puoi contribuire con un verso”.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

- Pubblicità -