Gal Gadot WOnder Woman

L’ultimo film dell’universo DC, Wonder Woman, sta guadagnando milioni di dollari in tutto il mondo e oggi la sua protagonista Gal Gadot rivela i segreti della sua interpretazione e del modo di essere Diana Prince.

 

Cosa ti piace del personaggio di Diana Prince?

“Ciò che mi ha attratto di questo personaggio, è che in lei coesistono diversi aspetti e tutti meravigliosamente positivi. E visto che questa è la prima volta che viene raccontata al cinema, la storia di questa icona, io e Patty abbiamo affrontato diverse conversazioni creative al riguardo. Lei è la più grande guerriera del mondo dei fumetti, ma può essere a volte vulnerabile, sensibile, fiduciosa e confusa…e tutto allo stesso tempo. E poi non nasconde mai la sua intelligenza o le sue emozioni”.

“Quando incontriamo Diana per la prima volta nel racconto, è una ragazzina curiosa e coraggiosa ma anche impertinente e disubbidiente”, sorride la Gadot. “Ammira le guerriere Amazzoni che vivono intorno a lei e sogna di diventare come loro, per poter combattere. Ad ogni modo, la madre di Diana, la Regina Hippolyta, è molto protettiva nei suoi confronti e non le permette di allenarsi. Ma Diana è mossa da una scintilla di fuoco nei suoi occhi. Appare chiaro che seguirà la sua strada e che otterrà ciò che vuole, in un modo o nell’altro”.

Come hai trovato le giovani interpreti del film? 

“Entrambe le ragazzine sono state bravissime ad interpretare la giovane Diana”, dice la Gadot, “offrendo al pubblico sin dall’inizio, uno sguardo sulla sua determinazione che credo sia stato utile per comprendere la donna che diventerà in seguito”.

A dirigere il film c’è un’altra donna, come ti sei trovata a essere diretta da lei? 

“Grazie al cielo a dirigere il film c’era Patty”, dice. “È dolce e divertente, una persona brillante e di talento e la sua visione e la sua passione erano totalmente in linea con le mie. Ricordo la prima volta che ci siamo sedute a parlare, del film ma anche della vita, delle nostre famiglie… avevamo tantissime cose in comune. Riuscire a lavorare con qualcuno con cui ti trovi d’accordo su quasi tutto, dal punto di vista creativo, è veramente un grande vantaggio. E anche quando le nostre idee divergevano, ne discutevamo garbatamente e se anche la discussione non portava a niente, in scena facevamo comunque del nostro meglio. Le sono grata per i suoi consigli e per la sua amicizia.”

Wonder Woman: Easter eggs e riferimenti al fumetto

Com’è stato lavorare con Chris e com’è stato interagire col suo personaggio? 

Gal Gadot e Chris Pine“Lei è molto curiosa al suo riguardo ed è ancora più curiosa sul mondo da cui proviene. Appena arrivata a Londra, si sente come un pesce fuori dall’acqua, sopraffatta da ogni cosa che vede. Credo che lei si aspettasse di vedere qualcosa di più simile a Themyscira, quindi deve per forza fare affidamento su Steve, per aiutarla a muoversi in quel nuovo mondo”.

La Gadot vede anche un parallelismo tra la storia e la sua vita personale. “Mi sono trovata molto a mio agio a lavorare con Chris”, dice con affetto. “Questo mi ha giovato perché Chris ha molta esperienza, mentre questo è stato il mio primo ruolo da protagonista. Mi ha guidata attraverso la Londra di Steve Trevor, oltre che in questa esperienza in modo molto carino. È un vero leader— talentuoso, intelligente e molto divertente. Credo che la gente non si accorga di quanto sia spiritoso; abbiamo dovuto girare da capo molte scene perché mi faceva morire dal ridere.”

CORRELATI:

Nel cast di Wonder Woman ci sono Gal Gadot, Chris Pine, Connie Nielsen, Robin Wright, Lucy Davis, Lisa Loven Kongsli, Danny Huston, Ewen Bremner, Saïd Taghmaoui, Elena Anaya e David Thewlis.

Leggi la nostra recensione di Wonder Woman

Il film è prodotto da Charles Roven, Zack Snyder e Deborah Snyder, con Richard Suckle, Stephen Jones, Wesley Coller, Geoff Johns, Connie Nielsen e Rebecca Roven come executive producers.