paola cortellesi

La mia Befana è una grande donna, anzi due.” Esordisce così Paola Cortellesi, quando la incontriamo per farci raccontare qualche segreto in più del suo ultimo film, La Befana vien di Notte, diretto da Michele Soavi e con Stefano Fresi (qui la nostra intervista) nel ruolo del cattivo.

Luminosa e sorridente, disponibile e professionale, la Cortellesi ha raccontato dell’originale italianità del film, il suo personaggio, il lavoro con gli stunt, lo ore di trucco e la collaborazione alla sceneggiatura.

Cosa ti ha spinto a dire sì a questo ruolo?

Innanzitutto, questo è un film di genere. In Italia ne facciamo pochi, ne importiamo tanto dagli Stati Uniti. Io sono cresciuta con i film di genere, per bambini, i film d’avventura. Questo aveva in sé tantissimi significati; in più era un film di genere ma non prendeva a esempio nessuno, dal momento che la protagonista è tutta italiana, è nostra. Abbiamo fatto un nostro prodotto con un genere che è già negli occhi degli spettatori, ripensato per il nostro Paese.

Mi piaceva che ci fosse un target di bambini ma che fosse anche interessante per gli adulti, perché è ironico, perché la Befana non è un abuona vecchina ma borbotta e dice le parolacce, è un poì verace, e poi perché i bambini hanno un film dedicato a loro, ma che piace anche alle persone che li accmpagnano, perché questo è un film che è fatto per alimentare i sogni e la fantasia. Anche per gli adulti, che si ricordano com’era quando credevi a tutto.

Il film ha richiesto un certo sforzo fisico, immagino.

Certo, le abbiamo fatte benissimo! Certo, siamo stati aiutati dalla EA Stunt di Emiliano Novelli, che è uno stunt coordinator che conosciamo da tanti anni, molto preparato. In alcuni casi ci hanno sostituiti e in altri casi ci hanno insegnato a fare delle cose che fossero credibili. Io, per esempio, sono andata a mimare il volo della scopa sul macomoco, una specie di braccio che ti sbatacchia in giro e tu fingi di volare. Io ero tutta imbracata con intorno il green, dove poi hanno aggiunto la foresta, il vento, gli inseguimenti. Ci hanno imbracati con le corde per le scene in cui “cadevamo”. Per questo ruolo erano cose fondamentali, ma è stato anche molto divertente.

Come è stato avere a che fare con un trucco così importante?

Io l’ho fatto per tanto tempo con le parodie. Ero abituata. Certo è che il lavoro che si fa per la televisione è un lavoro che dura sempre diverse ore, ma dura meno di quello che serve per fare un film per il grande schermo. Lorenzo Tamburini è il truccatore eccezionale del mio make up speciale, mentre Ermanno Spera è il truccatore del film che ha curato anche il look di Stefano (Fresi, ndr). Ci volevano cinque ore di applicazione, prima delle dieci ore di riprese. Dopo le cinque ore si iniziava il lavoro. Era abbastanza impegnativo come lavoro però per una cosa bellissima. È stancante, ma quando vedi il risultato pazzesco, è una grande soddisfazione.

Leggi la recensione de La Befana vien di Notte

Secondo alcuni, sei la moderna Monica Vitti.

No. Monica è un’icona, una grande attrice, un riferimento. Non cerco di imitarla, ma è uno dei riferimenti culturali della nostra storia, anche televisiva e cinematografica. È una donna che ha in sè tutti i registri possibili e che ha avuto modo e coraggio di sperimentarli tutti, non è mai rimasta prigioniera di una etichetta e di un genere. Lei ha in sé tutte le qualità che ammiro in una grande attrice, io non mi paragonerei mai a lei, ma naturalmente mi fa piacere che lo dicano.

Da qualche tempo, tu firmi anche le sceneggiature.

Da vent’anni facevo l’autrice tv, è tutto un altro tipo di scrittura, ma già facevo una cosa del genere. Scrivere una sceneggiatura è più complicato e negli anni ho seguito e imparato, a volte mi è stato anche chiesto di mettere la mia mano, come in questo film, nella sceneggiatura. Mi ha fatto piacere farlo, e così ho cominciato a scriverle io. Per me è una bella soddisfazione, intanto perché mi piace creare storie, quando mi danno fiducia. Poi posso parlare dell’argomento femminile, che mi sta più a cuore.