Essere Han Solo non è cosa semplice, soprattutto se alle spalle si hanno quarant’anni di gloriosa rappresentazione del personaggio da parte di un’icona come Harrison Ford. Il peso che quindi porta Alden Ehrenreich, interprete del giovane Solo nello spin off della Lucasfilm, è alquanto ingombrante.

 

E infatti sembra che l’attore non si stia rivelando all’altezza, almeno stando a quanto riferisce THRIl report della rivista ha svelato che la Lucasfilm non sarebbe contenta della sua performance e ha assunto un acting coach per sostenere l’attore in una fase avanzata delle riprese. L’assunzione di un assistente per un attore in un film non è una pratica nuova, tuttavia, considerato l’avanzamento dello stato delle riprese del film, è un fatto almeno degno di nota.

Sia Daisy Ridley che Felicity Jones sono state molto brave a sostenere il peso di un film del franchise, anche se le due attrici hanno interpretato personaggi originali e non hanno avuto un ingombrante predecessore da seguire. Inoltre il film è reduce dallo scioc della perdita dei registi, sostituiti da Ron Howard. Riuscirà la Lucasfilm a rimettere insieme il progetto tanto chiacchierato?

Han Solo spin-offla verità dietro il licenziamento di Lord e Miller

CORRELATI:

Ricordiamo che lo spin-off dedicato a Han Solo sarà ambientato dieci anni prima degli avvenimenti di Una Nuova Speranza. Nel film ci sarà anche Chewbacca. Alden Ehrenreich interpreterà il giovane personaggio che fu di Harrison Ford. Nel cast anche Emilia Clarke, Donald Glover e Woody Harrelson.

Lo spin-off sul personaggio è previsto per il 25 maggio 2018 e dopo il licenziamento dei registi Phil Lord e Christopher Miller, registi di 21 Jump Street e The LEGO Movie, è stato incaricato Ron Howard di completare l’opera. La sceneggiatura porterà la firma di Lawrence Kasdan e di suo figlio Jon Kasdan.