Dark Phoenix: il regista spiega le ragioni del ritardo sull’uscita

-

I continui rimandi della data di uscita di Dark Phoenix (tre, per l’esattezza) non sembrano aver sconvolto drasticamente il futuro del franchise, e le motivazioni rivelate dal regista Simon Kinberg – qui al suo debutto dietro la macchina da presa – in un’intervista con EW sembrano fornire un ottimo spunto per quanto riguarda la concezione di questi progetti e la necessità, sempre più concreta, di prendersi il giusto tempo per riflettere e consegnare il miglior prodotto possibile ai fan:

È stata una combinazione di varie cose: inizialmente novembre ci sembrava una release ambiziosa, visto il numero di effetti visivi e la complessità della post-produzione di questo film, dunque quando abbiamo capito che non saremmo stati in grado di portare il film al livello che volevamo, si è pensato di spostarla a febbraio […]

“[…] Poi in base al calendario delle uscite e della velocità del lavoro ci siamo sentiti parte di una sfida che al contempo non era la migliore occasione a livello internazionale per il film. Saremmo stati vicini a Capitan Marvel e lo studio ha iniziato a credere che Dark Phoenix il film fosse abbastanza imponente da poter competere nel momento più difficile, ovvero l’estate. Quindi abbiamo esaminato il potenziale per le date estive, e il 7 giugno si è rivelato il giorno perfetto, diverse settimane dopo Avengers“.

Dark Phoenix: risolto il mistero del personaggio di Jessica Chastain?

CORRELATE:

Dark Phoenix, secondo le parole di Kinberg, è concepito come l’inizio di un nuovo capitolo per la serie di film di X-Men.

“Lo vedo come un nuovo capitolo. Lo vedo come qualcosa che prende il franchise e lo lancia in una direzione diversa con toni diversi. E questo non significa che il prossimo avrà lo stesso tono, significa solo che il prossimo può avere un tono diverso. Penso che per molti anni, gli X-Men di Bryan [Singer] abbiano davvero trasformato il genere dei supereroi nel 2000 o 2001 quando è uscito il primo. Questo arriva quasi 20 anni dopo. È molto tempo fa. E a quel tempo, i film sui supereroi non erano molto popolari, in realtà. C’erano stati alcuni fallimenti a metà degli anni ’90, e non c’erano stati molti film sui supereroi,  e in quel periodo l’approccio sugli X-Men era davvero rivoluzionario.”

Dark Phoenix: Jean Grey perde il controllo nel nuovo trailer

Fonte: EW (via Cinemablend)

Cecilia Strazza
Cecilia Strazza
Redattore e critico cinematografico per Cinefilos e Sentireascoltare.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Prey – La grande caccia: dalle location al finale, tutte le...

Un filone di film particolarmente apprezzato è quello noto come “men vs. nature”, di cui uno dei massimi capolavori è proprio Lo squalo di...
- Pubblicità -