Henry Cavill

Ci sono state molte chiacchiere in merito a Henry Cavill e al fatto che sia ancora davvero lui il “possessore” del mantello cinematografico di Superman, in queste ultime settimane. I rumors spaziano dalla eventuale presenza dell’attore nel film su Black Adams con The Rock, alla realizzazione di un film ex novo diretto da J.J. Abrams.

 
 

E intanto che la Warner Bros decide sul da farsi e si pronuncia ufficialmente in merito al destino di Superman, Henry Cavill torna a diventare accessibile grazie all’attività stampa di The Witcher, serie Netflix di cui è protagonista (disponibile dal 20 dicembre), e questo lo rende molto loquace anche sul personaggio DC Comics e sul suo rappresentarlo ancora in un film.

Una delle prime cose che è stata chiesta a Cavill riguarda la #SnyderCut, ovvero la versione di Justice League girata, montata e conclusa come avrebbe voluto Zack Snyder (senza l’intervento di Joss Whedon). Tuttavia la risposta dell’attore inglese lascia perplessi:

“Non ho visto nessuna #SnyderCut. Non so se esiste qualcosa che sia una #SnyderCut. Sono sicuro che ci sono filmati là fuori che probabilmente sono stati messi insieme nel corso degli anni, [e] mentre sono sempre interessato nel vedere come cose del genere si presentano, è un capitolo molto importante del mio passato. Preferirei parlare di cosa succederà in futuro, del futuro di Superman e di come esprimere quel personaggio partendo dai fumetti. Lo abbiamo fatto molto bene con L’Uomo d’Acciaio. Mi è piaciuto molto quel film e mi piacerebbe raccontare la storia del personaggio da dove l’abbiamo lasciata, lì.”

Ma quando l’attore viene pressato su un eventuale sequel del film di Snyder già in produzione, non è altrettanto disponibile e rifiuta di rispondere: “Non posso dire nulla in merito”. Che abbia davvero qualcosa di nuovo da dire o che, semplicemente, non sappia ancora nulla del suo personaggio, Henry Cavill è stata davvero una scelta fortunata per l’uomo d’acciaio al cinema, un po’ meno fortunati sono stati i film in cui è apparso.