joker

Si parla già apertamente di Oscar in merito al Joker di Joaquin Phoenix e il fatto che il film diretto da Todd Phillips sarà presentato a Toronto e a Venezia denuncia la sua natura di film molto diverso dal resto delle pellicole dedicate a personaggi dei fumetti.

Cameron Bailey, direttore artistico del Toronto Film Festival, ha commentato il film, entusiasta dell’opera, spiegando perché il titolo è stato selezionato nella sezione Gala (nel Concorso a Venezia 76): “Prima di tutto è fantastico. Quindi dovrebbe essere proiettato sul nostro palco più grande. Ma è una versione davvero originale dei film di fumetti e in particolare del personaggio di Joker. Non si basa su una storia esistente.”

“Ha uno dei più grandi attori del cinema moderno, Joaquin Phoenix, e anche Robert De Niro, uno dei migliori attori che sia mai esistito, ha un tono e un approccio interessanti. È ambientato alla fine degli anni ’70, all’inizio degli anni ’80 e sembra che sia stato realizzato in quel momento. È visivamente grintoso. Ha riferimenti al cinema di Martin Scorsese e sembra un risultato cinematografico di alto livello. Anche se lavora con materiale molto popolare, ha grandi ambizioni. Ecco perché è un film da Gala”.

Joker: 8 dettagli che vi sono sfuggiti nel teaser trailer

Vi ricordiamo che Joker vede nel cast anche Zazie BeetzFrances ConroyBrett CullenDante Pereira-OlsonDouglas Hodge e Josh Pais e che arriverà nelle sale il 4 ottobre 2019, come ufficializzato nelle ultime settimane dalla Warner Bros.

Contrariamente alle altre apparizioni del personaggio nei Batman di Tim Burton, nella trilogia del Cavaliero Oscuro di Christopher Nolan e in Suicide SquadJoker sarà ambientato nel 1980 e racconterà l’evoluzione di un uomo ordinario e la sua trasformazione nel criminale che tutti conosciamo.

Di seguito la prima sinossi ufficiale:

Joker ruota attorno all’iconico arcinemico di Batman ed è una storia originale e autonoma mai vista sul grande schermo. L’esplorazione di Arthur Fleck (Joaquin Phoenix), un uomo trascurato dalla società, non sarà solo lo studio di un personaggio grintoso, ma anche il racconto di un tema molto più ampio.