Suicide Squad: David Ayer rivela uno scatto inedito di Joker

262

Arrivano ancora da David Ayer alcuni scatti inediti di Suicide Squad, il cinecomic uscito nelle sale nel 2016 accolto negativamente dalla critica (ma non dal pubblico, che l’ha reso uno dei più importanti successi al botteghino della Warner Bros.), e dopo quello dedicato a Harley Quinn, il regista ha diffuso tramite il suo profilo Instagram un ritratto di Jared Leto nei panni di Joker, presumibilmente estrapolato da una scena tagliata dalla versione finale.

 

Nell’immagine troviamo infatti il clown principe del crimine con in mano una pistola puntata alla testa di Margot Robbie. In aggiunta, Ayer ha condiviso con i fan una piccola riflessione sul cinecomic e sulla reale lettura della storia:

I film sono fragili. Sono come sogni, momenti ossessionanti che scappano dalla tua visione. Hanno la loro logica e verità. Se si cambia la destinazione al termine del viaggio, si può dire che sia sempre lo stesso viaggio? La spina dorsale di Suicide Squad era il viaggio di Harley. In molti modi era il suo film, e la sua fuga dalla relazione con Joker era la principale linea emotiva. Un regista tiene in mano una bussola invisibile. Guida ogni scatto, ogni esibizione. Quella bussola indica la destinazione. Ma se la destinazione cambia, il viaggio è realmente avvenuto?“.

Non troppo velato il riferimento all’intrusione, durante la produzione, dello studio, che a quanto pare avrebbe costretto il regista a riformulare diverse parti della sceneggiatura aggiungendo o tagliando intere sequenze.

The Suicide Squad: ecco perché non ci sarà Joker

Vi ricordiamo che nelle scorse settimane si era diffusa la notizia sulla reazione “infastidita e alienata” di Jared Leto una volta scoperto che la Warner Bros. avrebbe riavviato il personaggio di Joker al cinema con un altro attore (Joaquin Phoenix, protagonista del film di Todd Phillips campione di incassi) e ora, grazie a diverse fonti che hanno riferito all’Hollywood Reporter, sembra che la frustrazione dell’attore fosse sfociata addirittura nel tentativo di sabotare il progetto.

A quanto pare quando Leto è venuto a conoscenza dell’idea di Phillips, non soltanto si sarebbe lamentato amaramente con i suoi agenti (che tra l’altro rappresentano anche il regista), ma avrebbe chiesto al suo direttore musicale, Irving Azoff, di chiamare il capo dello studio (forse Jeff Bewkes di Time Warner o Randall Stephenson di AT&T) con l’obiettivo di convincerli a non realizzare il film.

L’Hollywood Reporter aveva già riportato l’indiscrezione secondo cui la Warner Bros. avrebbe contattato Leto promettendogli uno standalone su Joker salvo poi escluderlo per dare il via libera alla versione di Phillips con Phoenix. Il caso vuole che lo studio aveva immaginato quel film come un piccolo indie dalle basse aspettative e dal budget ridotto, senza prevedere il successo che si è rivelato al box office di tutto il mondo.

Suicide Squad: la foto inedita di Jared Leto

Terzo Joker cinematografico dopo le versioni di Jack Nicholson e Heath Ledger, Jared Leto ha vestito i panni del clown principe del crimine in Suicide Squad. “A sua difesa, Suicide Squad non è mai stato davvero il suo film, e il suo tentativo di inventare un posto per se stesso è fallito”, afferma una fonte coinvolta nella situazione.

Vi ricordiamo che Leto ha da poco terminato le riprese di Morbius, dove vestirà i panni del villain proveniente dall’universo di Spider-Man, Michael Morbius, meglio conosciuto dai lettori dei fumetti come “il vampiro vivente”, un brillante scienziato affetto da leucemia a cui viene iniettato il sangue di un pipistrello per sopravvivere.